Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN SCATTERA' IL 30 GIUGNO)

giovedì 1 giugno 2017

PARIGI - Si fa sempre piu' stretta la porta per il salvataggio delle banche venete in difficolta': lo scrive il quotidiano economico francese "Les Echos" oggi in prima pagina in una analisi in cui il suo corrispondente da Roma Olivier Tosseri spiega come Popolare di Vicenza e Veneto Banca non siano riuscite a convincere gli investitori ne' le autorita' europee con cui stanno negoziando da diversi mesi.

La Commissione europea infatti esige che i due istituti raccolgano almeno un altro miliardo di euro di capitale privati per poter dare la loro autorizzazione alla ricapitalizzazione preventiva da 6,4 miliardi a carico dello Stato italiano: di fronte all'inflessibilita' di Bruxelles, scrive Tosseri, sta riemergendo lo spettro di un "bail-in", la regola che costringerebbe azionisti e creditori delle banche a metter mano al portafogli per contribuire al salvataggio.

Che è un modo elegante per dire che perderebbero tutto, inclusi i correntisti con depositi superiori a centomila euro.

Una situazione così drammatica, quella di queste due banche veente, che ha anche dissuaso il fondo Atlante dall'investire ancora nel due istituti nei quali ha gia' iniettato 3,5 miliardi negli ultimi mesi; anche perche', come ha detto il suo presidente Alessandro Penati, le risorse del fondo sono pressoche' esaurite.

Anche la principale banca italiana, Intesa San Paolo, ha respinto l'idea di un nuovo contributo da parte delle banche sane, in particolare attraverso il Fondo interbancario di garanzia dei depositi: "I privati hanno gia' perso troppi soldi", ha dichiarato il suo amministratore delegato, Carlo Messina.

Da parte sua il governo Pd a guida Gentiloni sta cercando di convincere le istituzioni europee del carattere sistemico della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca che sono fondamentali per il Nord-Est della Penisola, una delle regioni piu' ricche ed industrializzate dl paese che con il fallimento di queste due banche finirebbe in ginocchio, date le ulteriori gigantesche perdite finanziarie che impoverirebbero tutta l'area.

Per provre a evitare quella che sarebbe una vera catastrofe dalle conseguenze a livello nazionale sia per il sistema bancario italiano, sia per l'economia del Veneto e di tutto il Nord Est, il governo Pd ha gia' sondato diversi imprenditori veneti sollecitandoli a mettere assieme almeno 700 milioni per contribuire al salvataggio dei due istituti, ma le risposte positive stentano ad arrivare.

E il governo Gentiloni potrebbe anche sollecitare -  secondo Les Echos - un intervento da parte di Poste italiane. In ogni caso, ha dichiarato il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, "l'ipotesi di un bail-in e' esclusa" ma il ministro non spiega come fare per evitarlo.

Il governo italiano, riassume "Les Echos", vuole una soluzione che da un lato garantisca la stabilita' delle due banche venete e dall'altro preservi completamente i risparmiatori, pur rispettando le regole europee; una soluzione che va trovata "rapidamente": entro la fine del mese di giugno, esigono a Bruxelles. 

Dopo quella data, utlima e improrogabile, sarà la Bce e la Commissione Ue  decretare il fallimento, ovvero il bail in sia di Popolare di Vicenza che di Veneto Banca.

Redazione MIlano


GIORNALI ECONOMICI FRANCESI: DUE BANCHE ITALIANE A UN SOLO PASSO DAL FALLIMENTO (IL BAIL IN SCATTERA' IL 30 GIUGNO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

VENETO   BANCA   POPOLARE   VICENZA   BAIL   IN   GOVERNO   UE   PADOAN   COMMISSIONE   AUEMNTO   CAPITALE   ATLANTE   FONDO   LES   ECHOS   GENTILONI   PD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BAMBINI SCHIAVI E CONTADINI SFRUTTATI COME BESTIE: ECCO L'ORTOFRUTTA A DAZI-ZERO CHE LA UE FA ARRIVARE IN EUROPA

BAMBINI SCHIAVI E CONTADINI SFRUTTATI COME BESTIE: ECCO L'ORTOFRUTTA A DAZI-ZERO CHE LA UE FA
Continua

 
GDF E GICO SMANTELLANO ORGANIZZAZIONE TUNISINA CHE FACEVA ARRIVARE IN ITALIA TERRORISTI ISLAMICI E CLANDESTINI

GDF E GICO SMANTELLANO ORGANIZZAZIONE TUNISINA CHE FACEVA ARRIVARE IN ITALIA TERRORISTI ISLAMICI E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!