Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I LEADER CATALANI

sabato 24 marzo 2018

MADRID  - Il governo spagnolo sta mostrando senza alcun dubbio un tratto sempre più antidemocratico  e contrario ai principi base della convivenza civile in Europa. Questa Spagna non può stare in Europa e se la Ue tace,  è complice di una vera e propria infamia.

La scure totalitaria della Spagna si e' abbattuta di nuovo sulle istituzioni catalane, gia' decapitate da Madrid dopo la proclamazione della 'repubblica' il 27 ottobre 2017. Per decisione del gip del tribunale supremo spagnolo Pablo Llarena questo pomeriggio sono finiti in carcere il candidato President catalano Jordi Turull, che oggi, sabato 24 marzo,  avrebbe dovuto sottoporsi al secondo turno dell'elezione presidenziale nel Parlament di Barcellona e altri 4 leader indipendentisti.

Tutti formalmente incriminati per presunta 'ribellione' da Llarena. Rischiano 30 anni di carcere per avere portato avanti pacificamente il progetto politico dell' indipendenza.

L'arresto di Turull e' un durissimo colpo sia per la sempre più fragile democrazia spagnola sia per il funzionamento delle istituzioni della Catalogna, in pieno caos e sempre senza governo a oltre tre mesi dalle elezioni del 21 dicembre. Con Turull sono finiti in carcere l'ex-presidente del Parlament Carme Forcaell e tre ex-ministri del Govern Puigdemont ora deputati catalani, Raul Romeva, Dolors Bassa e Josep Rull.

In prigione sono gia' da 5 mesi l'ex-vicepresidente Oriol Junqueras, l'ex-ministro Joaquim Forn e i leader della societa' civile Jordi Sanchez e Jordi Cuixart. Con loro Llarena ha incriminato per 'ribellione' e rinviato a giudizio l'ex-President Carles Puigdemont e i 4 ex-ministri con lui rifugiati in Belgio e la segretaria generale dello storico partito della sinistra catalana Erc, Marta Rovira, che questa mattina ha scelto a sua volta l'esilio per evitare l'arresto. Sarebbe in Svizzera, dove gia' si e' rifugiata la leader Cup Ana Gabriel incriminata per 'disobbedienza'. Llarena ha riattivato oggi gli euro-mandati di arresto contro Puigdemont e gli altri esiliati, che aveva ritirato in dicembre per il rischio di vederli bocciati dalla giustizia belga. Non e' chiaro se dopo l'incriminazione formale avranno piu' speranze di essere recepiti.

Sono in tutto ora 25 i leader catalani rinviati a giudizio per 'ribellione', 'disobbedienza' o 'malversazione' per il presunto impiego di danaro pubblico per il referendum di indipendenza del 1 ottobre. Suscitano pero' le riserve di autorevoli giuristi spagnoli le mosse dal gip Llarena, e l'incriminazione dei leader catalani per 'ribellione'. Un reato che secondo la legge spagnola suppone un 'alzamento violento', quando secondo tutti gli osservatori internazionali il 'process' catalano e' stato pacifico.

Per il giudice emerito del tribunale supremo Jose' Antonio Martin Pallin il reato di ribellione "non esiste". Il costituzionalista Javier Perez Royo ha parlato di "un caso di abuso di potere da manuale": c'e' "un margine enorme", ha detto, per un intervento della Corte europea dei diritti umani. Da Helsinki Puigdemont ha denunciato la "gravissima anomalia democratica" spagnola. "Lottiamo contro un regime autoritario, ha accusato, che non rispetta le decisioni del popolo di Catalogna". In un tweet inviato prima di entrare in carcere Carme Forcadell, uno dei volti della 'rivoluzione catalana', ha scritto: "ci imprigionano fisicamente, ma non possono fermare le nostre idee". Migliaia di persone sono scese in piazza in tutte le citta' della Catalogna in serata al grido di 'llibertat' per denunciare l'arresto di President in pectore Turull e degli altri leader indipendentisti.

La polizia ha picchiato decine di manifestati, cinque sono stati feriti e sono finiti in ospedale a Barcellona.

Inoltre, il giudice spagnolo Pablo Llarenaha firmato ieri sera un nuovo euro-ordine di arresto contro l'ex-presidente catalano Carles Puigdemont in esilio in Belgio, riferisce Efe. Llarena ha emesso anche altri euro-ordini arresti contro i 4 ex-ministri di Puigdemont in esilio con lui a Bruxelles e ha firmato un mandato internazionale di arresto contro la leader di Erc Marta Rovira che - come già detto - ha annunciato di avere scelto l'esilio e che si troverebbe in Svizzera.

Redazione Milano


IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I LEADER CATALANI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SPAGNA   RAJOY   DEMOCRAZIA   CATALOGNA   BARCELLONA   ARRESTI   INDIPENDENZA   ATTACCO   FRANCO   FRANCHISMO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI CHIUNQUE SIA ISCRITTO

ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI
Continua

 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!