Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA: GLOBALIZZAZIONE ADDIO

martedì 12 maggio 2020

La battaglia intrapresa dal Giappone contro il coronavirus ha acceso a Tokyo un campanello d'allarme in merito alla dipendenza del sistema paese dalle catene di fornitura della Cina. Gia' da alcuni mesi il paese sembrava segnalare una inversione di tendenza rispetto al processo di integrazione e cooperazione economica che il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, aveva promosso negli ultimi anni, spendendo capitale politico e diplomatico per una normalizzazione delle relazioni con Pechino, e per il rilancio della "shuttle diplomacy" tra i leader dei due paesi. Sul fronte politico e diplomatico, tale indirizzo strategico cooperativo aveva gia' subito un durissimo colpo lo scorso anno, di pari passo con l'esacerbarsi dello scontro per il primato strategico tra la Cina e lo storico alleato del Giappone, gli Stati Uniti. L'emergenza sanitaria globale in atto dall'inizio di quest'anno ha pero' chiuso definitivamente un capitolo nel rilancio delle relazioni tra Giappone e Cina e anzi ha prodotto una clamorosa inversione di 180° già con un primo fortissimo segnale politico: la storica visita di Stato del presidente cinese Xi Jinping a Tokyo, originariamente in programma per lo scorso aprile, e' stata rinviata a data da destinarsi, ufficialmente a causa dei rischi di natura sanitaria e del contesto di crisi affrontato dal Giappone, ma l'assenza di una data seppure lontana sul piano diplomatico equivale a una cancellazione definitiva. 

La visita di Xi doveva fornire l'occasione per la firma di una nuova Dichiarazione bilaterale congiunta, che avrebbe formalizzato l'apertura di un nuovo capitolo nelle relazioni tra i due paesi. In realta', il governo conservatore giapponese ha colto l'occasione del rinvio sine die con piacere: all'interno della stessa maggioranza, e in segmenti sempre piu' consistenti dell'opinione pubblica, si registra infatti un rinnovato sentimento di ostilita' nei confronti della Cina, esacerbato dalla linea repressiva riservata da Pechino alle proteste democratiche di Hong Kong e al governo indipendentista di Taiwan. Alla fine del mese di aprile, tale cambio di rotta del Giappone nei confronti della Cina ha assunto un carattere ufficiale con una intervista al quotidiano "Nikkei" del segretario capo di Gabinetto del governo giapponese, Yoshihide Suga, la figura forse piu' autorevole e potente del Partito liberaldemocratico giapponese (Ldp) dopo Abe, nonche' portavoce dell'attuale governo.

Nel corso dell'intervista, Suga affermava che la gestione dell'emergenza sanitaria aveva insegnato alle istituzioni giapponesi una dolorosa lezione in merito ai limiti della gestione burocratica a compartimenti, ed alle vulnerabilita' di un apparato produttivo industriale troppo dipendente dalle catene di approvvigionamento internazionali, specie per quanto riguarda forniture essenziali come farmaci e materiale sanitario. Quanto allo stato delle relazioni con la Cina, Suga aveva sibillinamente citato l'importanza di un rapporto di "franchezza" tra Tokyo e Pechino per la sicurezza regionale e globale . Il segnale forse ancor piu' esplicito del cambio di rotta intrapreso dal Giappone sul fronte economico e' giunto pero' con il primo pacchetto emergenziale da 240 miliardi di yen (2,2 miliardi di dollari) stanziato dal governo giapponese all'inizio del mese di aprile, per gestire le ricadute economiche della crisi. Tra le principali finalita' del provvedimento figura infatti la rilocazione sul territorio nazionale della capacita' produttiva trasferita dalle aziende giapponesi in Cina, o la distribuzione di stabilimenti e linee di produzione giapponesi dalla Cina a una molteplicita' di altri paesi del Sud-est asiatico, cosi' da limitare i fattori di rischio geografici e sistemici che gravano sulle catene di fornitura.

Questi ed altri segnali provenienti da Tokyo hanno innescato un acceso dibattito nel regime comunista cinese. A Zhongnanhai, quartiere di Pechino dove sono concentrati gli uffici dei vertici della dittatura cinese e delle sue principali agenzie, "regna ora una seria preoccupazione in merito al ritiro delle aziende straniere dalla Cina", secondo fonti economiche citate dalla stampa giapponese. Le misure emergenziali adottate da Tokyo per il riequilibrio delle catene di fornitura sono state citate apertamente nei dibattiti dei decisori politici cinesi, che sino a pochi mesi fa guardavano ancora con fiducia alla prospettiva di una "nuova era" nelle relazioni sino-cinesi. Hanno suscitato preoccupazione a Pechino anche i resoconti di un incontro tenuto il 5 maggio scorso dal premier giapponese, Shinzo Abe, e da influenti figure della grande imprenditoria giapponese, incluso Hiroaki Nakanishi, attuale presidente della Japan Business Federation (Keidanren). In quell'occasione, Abe ha sottolineato che "a causa del coronavirus, meno prodotti giungono dalla Cina al Giappone"; ed ha aggiunto che "la gente e' preoccupata per la tenuta delle nostre catene di forniture". 

Nakanishi ha concordato con il primo ministro, affermando che "dovremo rilocalizzare in Giappone la manifattura ad alto valore aggiunto", e che "per tutto il resto, dovremo diversificare verso paesi come quelli dell'Asean", l'Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico. Tali dichiarazioni da parte dei vertici della politica e dell'economia giapponesi presentano implicazioni dirompenti: potrebbero infatti tradursi in una rivoluzione a lungo termine per industrie come l'automotive e l'elettronica, che sino ad oggi hanno basato i loro schemi produttivi al massimo sul concetto di "China plus one": la concentrazione delle operazioni in Cina, con l'aggiunta di un solo altro paese come hub secondario per la diversificazione. Una svolta in questo senso da parte del Giappone e di altri importanti paesi industrializzati, a cominciare dagli Stati Uniti, metterà in profonda crisi il modello di crescita economica cinese. Lo scorso 8 aprile, due giorni dopo il varo del primo pacchetto economico emergenziale da parte del governo giapponese, il presidente cinese Xi Jinping ha avvertito il Politburo del Partito comunista che "con la progressiva avanzata globale della pandemia, l'economia globale fronteggia rischi al ribasso sempre piu' forti".

Il Giappone, frattanto, è gia' al lavoro per concretizzare la sua "strategia di uscita" dalla Cina, cominciando dalle forniture mediche e farmaceutiche. L'esecutivo guidato dal primo ministro Abe ha infatti avviato un coordinamento con oltre 400 imprese nazionali per aumentare la produzione domestica di presidi medici, a cominciare dai farmaci generici, ritenuti una delle aree piu' vulnerabili della catena di forniture sanitarie. Le informazioni trasmesse su base volontaria dalle aziende verranno fornite alla Japan Medical Association e ai singoli ospedali per agevolare le forniture. Ad oggi i produttori giapponesi di farmaci importano circa la meta' dei principi attivi da Cina, Corea del Sud e altri paesi, ma la pandemia ha esibito i limiti di tale dipendenza in tempi di crisi. "Le consegne che normalmente richiederebbero quattro o cinque giorni ora richiedono tre settimane", ha riferito un dipendente di una compagnia commerciale giapponese citato dal quotidiano "Nikkei".

La gecisione del Giappone di sganciare sia l'economica che tutte le produzioni industriali dalla Cina ha ricevuto un'accoglienza entusiastica a Washington: gli Stati Uniti di Donald Trump, infatti, stanno intraprendendo un processo analogo, sotto la guida di figure come Larry Kudlow, presidente del Consiglio economico nazionale della Casa Bianca. Kudlow preme affinche' lo Stato federale si faccia carico dei costi legati al rimpatrio della capacita' produttiva di aziende Usa che avevano trasferito le loro operazioni in Cina. Sul proprio profilo Twitter, il senatore repubblicano Tom Cotton ha esortato gli Usa ha "boicottare il Pcc (Partito comunista cinese) e tornare a costruire fabbriche in America". Sempre su Twitter Nikki Haley, ex ambasciatrice degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, ha citato apertamente il Giappone: "Nel pieno della pandemia di coronavirus, il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha proposto una politica di allontanamento dalla Cina' ("shift away from China"), per l'edificazione di una economia meno dipendente dalla Cina", ha scritto Haley, aggiungendo che anche gli Usa "dovrebbero fare di questo obiettivo una loro priorita'".

Questa svolta del Giappone avrà una decisiva ripercussione sull'export della Cina e al tempo stesso produrrà un effetto a catena su molte altre nazioni in Asia e nel mondo, producendo ulteriori allontanamenti e rimparti di strutture produttive che lasceranno la Cina. E' un colpo da K.O.  alla globalizzazione. 


GIAPPONE HA DECISO DI TRASFERIRE IN PATRIA TUTTE LE PRODUZIONI INDUSTRIALI DELOCALIZZATE IN CINA: GLOBALIZZAZIONE ADDIO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GIAPPONE   CINA   CORONAVIRUS   ASIA   GLOBALIZZAZIONE   FABBRICHE   TRASFERITE   TRUMP   SHINZO   ABE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA ITALIANA LA CENSURA

LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA

lunedì 25 maggio 2020
  LONDRA - Alcuni giorni fa, in molti sono rimasti sorpresi dal fatto che George Soros si sia mostrato preoccupato per il fatto che l'Italia potrebbe presto uscire dall'Unione Europea e come
Continua
 
CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID. CONSEGNE A SETTEMBRE

CI SIAMO: MULTINAZIONALE BRITANNICA ASTRAZENECA PREPARA 400.000.000 DI DOSI DEL VACCINO ANTI COVID.

giovedì 21 maggio 2020
LONDRA - Ci siamo, il vaccino è pronto e la produzione su scala planetaria è al via. La multinazionale Astrazeneca ha concluso i primi accordi per la produzione di almeno 400 milioni di
Continua
COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E ADESSO VUOLE IL MES

COL GOVERNO CONTE L'ITALIA VA IN ROVINA: HA SOLO PROPOSTO AGLI ITALIANI DI FARE DEBITI IN BANCA E

lunedì 11 maggio 2020
Mentre l’Italia prova a ripartire con la Fase2, riprendiamo i nostri interventi e lo facciamo analizzando cosa ha fatto o meglio, cosa non ha fatto il governo pentapiddino per tenere a galla
Continua
 
IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA DALLE BANCHE PER CREDITO

IL 70% DELLE IMPRESE ITALIANE DA' UN GIUDIZIO MOLTO NEGATIVO SUL GOVERNO E 95% ATTENDE RISPOSTA

martedì 5 maggio 2020
Ricavi quasi dimezzati nel 2020 con il turismo che prevede una contrazione del 66,3%, giudizi in grande prevalenza negativi sui provvedimenti finora adottati dal governo per contrastare la crisi
Continua
RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO CHIAVI NEGOZI A SALA!

RIVOLTA DEI TITOLARI DI BAR RISTORANTI GELATERIE ABBIGLIAMENTO PARRUCCHIERI ESTETISTI! 3.000 DANNO

mercoledì 29 aprile 2020
MILANO - Regole chiare su come riaprire. Questo chiedono, oltre alla riduzione delle tasse locali, i commercianti milanesi. Tremila di loro, per lo piu' titolari di bar, ristoranti e gelaterie, ma
Continua
 
PROF. PREGLIASCO: ''HO VISTO AL PIO ALBERGO TRIVULZIO PROFESSIONISTI BRAVISSIMI E PROTOCOLLI ATTUATI SIN DALL'INIZIO''

PROF. PREGLIASCO: ''HO VISTO AL PIO ALBERGO TRIVULZIO PROFESSIONISTI BRAVISSIMI E PROTOCOLLI

lunedì 27 aprile 2020
MILANO  - "Al Pio Albergo Trivulzio si sta facendo, come in tutte le altre strutture, al meglio per garantire la salute di tutte le persone che sono assistite. Non possiamo massacrare le Rsa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FINANCIAL TIMES: MONDO SI RIVOLTA CONTRO LA CINA E IL REGIME TENTA DI CORROMPERE SENATORE AMERICANO PER AVERE ''ELOGI''

FINANCIAL TIMES: MONDO SI RIVOLTA CONTRO LA CINA E IL REGIME TENTA DI CORROMPERE SENATORE AMERICANO
Continua

 
LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA ITALIANA LA CENSURA

LA STAMPA BRITANNICA RIPORTA LA NOTIZIA CHE IL 65% DEGLI ITALIANI DISPREZZA LA UE. LA STAMPA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ZAIA: ''L'APP IMMUNI HA GRANDI LIMITI, IMPOSSIBILE GESTIRLA''

3 giugno - VENEZIA - ''L'app immuni ha due grandi limiti, uno legato alla privacy e
Continua

NELLO SCORSO MESE DI APRILE, PERSI IN ITALIA 274.000 POSTI DI LAVORO

3 giugno - ROMA - Una perdita di 274 mila posti di lavoro in un solo mese, quello
Continua

LA BANCA D'INGHILTERRA INVITA LE BANCHE INGLESI A PREPARARSI ALLA

3 giugno - LONDRA - Il governatore della Bank of England (BoE), Andrew Bailey ha
Continua

SENATRICE ELENA TESTOR ADERISCE ALLA LEGA ED ENTRA NEL GRUPPO AL

3 giugno - La senatrice Elena Testor ha lasciato Forza Italia e ha aderito
Continua

IN SPAGNA LA CATASTROFE DEL CORONAVIRUS HA CANCELLATO 133.000

3 giugno - La crisi scatenata dal coronavirus ha provocato in Spagna la scomparsa
Continua

LA POLIZIA DELLA DITTATURA COMUNISTA CINESE SPARA SULLA FOLLA A

27 maggio - La polizia agli ordini della dittatura comunista cinese che a Hong Kong
Continua

MINACCE DI MORTE AL GOVERNATORE FONTANA: ADESSO E' SOTTO SCORTA

27 maggio - Da due giorni il presidente della Regione Lombardia, Attilio FONTANA, e'
Continua

L'IMPATTO DEL COVID SULL'ECONOMIA DELL'EUROZONA SARA' IL DOPPIO DEL

27 maggio - FRANCOFORTE - La Bce ha preparato diverse stime sull'impatto della crisi
Continua

SUPER FLOP DEI TEST COVID: ALLA PROVA DEI FATTI, SOLO IL 25% HA

26 maggio - Tutta questa ''corsa'' (e polemiche di ogni genere) a fare test
Continua

FRANCIA SE NE FREGA DELLA UE: MASSICCI AIUTI DI STATO ALLE AZIENDE

26 maggio - PARIGI - Addio libero mercato, addio regole e regoline della Ue che
Continua

LEGA: LA UE DEVE IMPORRE SANZIONI AL REGIME COMUNISTA CINESE!

26 maggio - ''L'Europa non può essere silente davanti a quanto sta succedendo ad
Continua

INSEGNANTI PRECARI ILLUSI E TRADITI DAL GOVERNO CONTE, TUTTO

25 maggio - ''Polpetta avvelenata di Conte a Pd e LeU durante la trattativa sul
Continua

FONTANA:ZERO DECESSI IN LOMBARDIA E' DATO POSITIVO MA NON

25 maggio - MILANO - ''La cosa che mi rasserena e' il numero dei nuovi contagiati
Continua

L'ACQUISTO DI BTP ''ITALIA'' DEDICATI AI RISPARMIATORI PRIVATI HA

19 maggio - Gli ordini del retail per il nuovo BTp Italia hanno superato i 4
Continua

SALVINI: 120 NAZIONI DEL MONDO CHIEDONO SPIEGAZIONI ALLA CINA, E

19 maggio - ''Ci sono 120 paesi al mondo, in tutto il mondo, in tutti i continenti,
Continua

FONTANA: D'ACCORDO CON ZAIA, ABBIAMO DOVUTO FARE DA SOLI CONTRO IL

19 maggio - MILANO - Il governatore lombardo Attilio Fontana, in collegamento su Rai
Continua

IERI VENDUTI 4 MILIARDI DI BTP ''ITALIA'' AI RISPARMIATORI OGGI 1

19 maggio - MILANO - Parte forte anche la seconda giornata di collocamento, sempre
Continua

SALVINI: AVEVO RAGIONE, ALTRO CHE MES, BOOM ACQUISTI DEGLI ITALIANI

18 maggio - Il leader della Lega, Matteo Salvini, commenta la partenza ''a razzo''
Continua

TOTI: LIGURIA NON HA MAI CHIUSO, ADESSO RIAPRIRE I CONFINI

18 maggio - GENOVA - ''La Liguria non ha mai chiuso: i suoi porti hanno sempre
Continua

PERQUISIZIONI IN CORSO DEL ROS DEI CARABINIERI NELLA SEDE ONLUS

15 maggio - FANO - Perquisizioni in corso, da questa mattina, da parte dei
Continua
Precedenti »