Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

mercoledì 29 gennaio 2020

La Cina e la comunita' internazionale osservano con crescente preoccupazione le ricadute della propagazione del nuovo ceppo di coronavirus sull'economia del paese asiatico, che potrebbe rallentare del quattro per cento secondo alcune stime. La Sindrome respiratoria acuta grave (Sars) che ha colpito la Cina a partire dal 2002 fornisce un'indicazione di massima circa i possibili effetti economici dell'attuale emergenza sanitaria: il nuovo virus, pero', pare propagarsi assai piu' rapidamente e ha giu' superato la Sars in Cina per numero di contagi complessivo. Rispetto ai primi anni Duemila, inoltre, l'economia cinese e' assai piu' integrata ai mercati globali, che dunque scontano a loro volta una maggiore esposizione alla crisi. Per arginare l'avanzata del virus, le autorita' cinesi hanno decretato la quarantena di Wuhan - citta' della Cina centrale epicentro dell'infezione - e di undici altri centri urbani del paese. Pechino, che solo questo mese aveva firmato un accordo provvisorio per attenuare le ostilita' commerciali con gli Stati Uniti, si trova a fronteggiare l'emergenza in una situazione di vulnerabilita' pregressa. La preoccupazione e' pero' avvertita anche nei paesi asiatici vicini, integrati alle catene di fornitura dell'economia cinese e gia' colpiti dal crollo dei flussi di turisti cinesi. 

I principali media asiatici diffondono gia' le prime proiezioni relative ai danni potenziali dell'epidemia per l'economia cinese. Secondo un rapporto di Plenum Group citato dal quotidiano "South China Morning Post", gli effetti delle misure di contenimento dell'infezione potrebbero far rallentare la crescita cinese di quattro punti percentuali nel primo trimestre di quest'anno; la sola quarantena imposta alla provincia di Hubei, focolaio del virus, potrebbe costare alla Cina un altro punto e mezzo di prodotto interno lordo. Secondo Shao Yu, capo economista di Orient Securities Shanghai, la diffusione del virus, che interessa ormai almeno 20 grandi citta' cinesi, comportera' un "impatto negativo" difficilmente quantificabile nel lungo periodo. Lo scorso anno la Cina e' riuscita a conseguire una crescita del 6,1 per cento, a dispetto della guerra dei dazi con gli Usa. Dietro il dato complessivo si cela pero' un progressivo peggioramento dei fondamentali macroeconomici: diversi economisti temono che il coronavirus possa trasformarsi nel "cigno nero" in grado di esporre nei prossimi mesi le debolezze strutturali dell'economia cinese.

Era stato proprio il presidente cinese, Xi Jinping, a mettere in guardia lo scorso anno dal rischio di "cigni neri", vale a dire eventi avversi inattesi; nel 2019, Pechino ha gia' dovuto scontare due crisi ancora irrisolte: da una parte il succitato scontro con gli Stati Uniti; dall'altra, le violente proteste antigovernative di Hong Kong, che hanno destabilizzato una tra le principali piazze finanziarie mondiali, nonche' destinazione turistica di rilievo. Diversi esperti temono gia' che il coronavirus possa rivelarsi un evento piu' distruttivo per la Cina e per l'intera Asia-Pacifico della guerra dei dazi tra le due maggiori potenze mondiali. 

A livello locale, il danno economico e' ascrivibile anzitutto all'isolamento di Wuhan, uno tra i centri economici piu' dinamici della Cina. La citta', che conta circa undici milioni di abitanti, e' un importantissimo hub dei trasporti e della logistica al centro del paese, tanto da essere stata soprannominata "via di transito della Cina". Secondo i dati forniti dall'amministrazione cittadina, nel 2018 l'economia di Wuhan e' cresciuta sino a un volume di 224 miliardi di dollari, pari a ben l'1,6 per cento del prodotto interno lordo cinese complessivo. Oltre 300 aziende del listino Fortune 500 operavano nella citta' lo scorso anno: tra queste Microsoft, Sap e il Gruppo automobilistico francese Psa; e ancora PepsiCo, Siemens e il costruttore di automobili Peugeot Citroen, tutte costrette ad arrestare le operazioni a causa della quarantena imposta dalle autorita' cinesi a Wuhan, cosi' come ad altri undici centri urbani cinesi.

L'automotive e' uno dei settori piu' rappresentativi dell'industria di Wuhan, ma negli ultimi anni la citta' ha effettuato anche poderosi investimenti tesi a conseguire lo status di hub tecnologico internazionale. Un significativo contributo all'economia di Wuhan giunge anche dal turismo: lo scorso anno la citta' della Cina centrale ha accolto ben 319 milioni di turisti, che hanno generato entrate per 357 miliardi di yuan. Il governo di Wuhan si era dato come obiettivo per quest'anno la creazione di 220 mila nuovi posti di lavoro, forte di quella che il Milken Institute classifica come la nona maggiore economia urbana della Cina: nel 2019 Wuhan ha conseguito una crescita economica del 7,8 per cento, 1,7 punti percentuali in piu' rispetto alla media nazionale. Il blocco di Wuhan esercita un impatto immediato sull'economia nazionale cinese soprattutto per l'interruzione dei trasporti e della logistica: oltre alla sua importanza economica, infatti, Wuhan e' il principale centro amministrativo e commerciale della Cina Centrale.

A livello nazionale, la diffusione del coronavirus ha spinto le autorita' cinesi a prorogare di tre giorni le festivita' del Capodanno lunare. Grandi nomi internazionali dell'automotive, della grande distribuzione, del settore alberghiero e della ristorazione hanno gia' annunciato la sospensione o il ridimensionamento delle operazioni a Wuhan e in altre grandi citta' del paese: tra questi il costruttore di automobili giapponese Toyota, le catene di fast food McDonalds, Kfc e Pizza Hut, le catene alberghiere The Peninsula, Shangri-La, Hilton e Marriott, i colossi dell'abbigliamento Uniqlo e H&M, la multinazionale svedese dei mobili Ikea. Numerose compagnie aeree internazionali - da ultima British Airways - hanno gia' ridotto i voli settimanali o sospeso alcuni collegamenti verso la Cina, in risposta al crollo della domanda. In Cina sono state cancellate sette prime cinematografiche, chiusi i due parchi a tema Disneyland e sono a rischio numerosi eventi sportivi.

Sul piano internazionale, l'emergenza sanitaria ha causato un crollo immediato del traffico di passeggeri e dei flussi turistici nella regione asiatica, gia' avvertito acutamente da paesi quali Giappone, Thailandia e Singapore. Casi di infezione sono stati gia' confermati in Sri Lanka, Germania, Thailandia, Giappone, Corea del Sud, Vietnam, Stati Uniti, Francia, Taiwan, Hong Kong, Macao, Singapore, Nepal, Malesia, Australia, Canada e Cambogia. Per scongiurare il rischio di una pandemia, i governi stanno imponendo limiti sempre piu' stringenti ai voli da e verso la Cina, spingendosi oltre i controlli sanitari ai passeggeri in arrivo da Wuhan, istituiti nelle ultime settimane. Paesi come le Filippine e il Kazakhstan hanno gia' annunciato il blocco totale degli ingressi di turisti cinesi, o addirittura la sospensione di tutti i servizi di collegamento con la Cina.

Taiwan imporra' a tutti i soggetti in arrivo da Wuhan di indossare braccialetti per il monitoraggio elettronico e di rimanere in casa per l'intero periodo di incubazione del virus, circa due settimane. I danni economici causati da queste misure emergenziali rischiano di essere amplificati dall'ondata di allarmismo e informazioni di dubbia attendibilita' diffusi tramite Internet e i social media: a questo proposito, il ministero della Salute cambogiano ha gia' annunciato che la diffusione di informazioni false in merito al virus comportera' risposte legali da parte delle autorita' pubbliche. Il governo di Singapore ha gia' ventilato il ricorso alla controversa legge sulla "falsa informazione", dopo che un sito web aveva annunciato erroneamente la prima morte di un soggetto affetto dal virus nella citta'-Stato.

Tra il 2002 e il 2003, l'epidemia di Sars ha causato all'economia cinese danni stimati in 25 miliardi di dollari, e un totale di 40 miliardi di dollari a livello globale. Il mercato azionario cinese impiego' cinque mesi per riprendersi dagli effetti della crisi, e i viaggi internazionali da e verso le aree colpite dalla Sars crollarono del 70 per cento. La nuova emergenza sanitaria colpisce una Cina economicamente meno dinamica, che pero' e' ancor piu' integrata all'economia globale e ne costituisce ancora un fondamentale motore di crescita. Uno studio del 2018 sponsorizzato dall'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms) stima che una pandemia globale di influenza virale potrebbe causare la morte di 720 mila persone, e costare 500 miliardi di dollari all'anno, pari allo 0,6 per cento del prodotto interno lordo mondiale. Come sottolinea il quotidiano "Nikkei", il "contagio" del nuovo coronavirus sta gia' dilagando nella regione asiatica, quantomeno sul piano economico.

Nel 2003 la Cina doveva ancora affermarsi del tutto come traino della crescita e dell'integrazione economica asiatiche. La Sars colpi' la regione prima del lancio della Belt and Road Initiative (Bri, la Nuova via della seta), che ha fatto da apripista alla massiccia penetrazione diplomatica ed economica cinese nel Sud-est asiatico, accompagnata da flussi turistici senza precedenti. Nel 2003 i turisti in uscita dalla Cina ammontavano a circa 20 milioni; il dato relativo al 2018 e' di circa 150 milioni, e cio' moltiplica i rischi di contagio sia sul piano virale, sia su quello economico. Con casi di infezione gia' confermati in oltre 14 paesi oltre la Cina, i governi si trovano impegnati in una delicatissima operazione di bilanciamento tra le necessita' di contenimento del rischio virale, e quella di limitazione del danno economico. 

Il governo di Singapore e' stato tra i primi a prendere atto pubblicamente di quest'ordine di rischi: il 27 gennaio il governo ha avvertito che l'emergenza sanitaria causata dalla diffusione del nuovo ceppo di coronavirus in Cina causera' senza dubbio un impatto sull'economia della citta'-Stato e ha assicurato al contempo di aver attivato una serie di misure preventive. "Ci aspettiamo senza dubbio un impatto sull'economia, gli affari e la fiducia dei consumatori quest'anno, soprattutto in considerazione del fatto che questa situazione dovrebbe proseguire per un certo periodo", ha dichiarato il ministro del Commercio e dell'industria, Chun Sing, riferendosi all'emergenza sanitaria. Chun ha dichiarato che sul fronte economico, le preoccupazioni immediate interessano il settore del turismo; il governo tentera' di assistere le aziende e i lavoratori piu' esposti all'impatto economico della crisi. 


INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CORONA   VIRUS   IMPATTO   ECONOMIA   CINA   MONDO   EUROPA   USA   ASIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO PORTA A PORTA: LEGA IN CRESCITA E AMPIAMENTE PRIMO PARTITO, CENTRODESTRA DI GRAN LUNGA PRIMA FORZA IN ITALIA

SONDAGGIO PORTA A PORTA: LEGA IN CRESCITA E AMPIAMENTE PRIMO PARTITO, CENTRODESTRA DI GRAN LUNGA

venerdì 22 gennaio 2021
Tre ipotesi sul tavolo e in tutti tre i casi il centrodestra sarebbe in vantaggio. E' quanto testato nel sondaggio di Alessandra Ghisleri di Euromedia Research per 'Porta a porta' su tre scenari di
Continua
 
INCHIESTA / SEGRETATI DALLA UE CONTRATTI D'ACQUISTO DEI VACCINI E NIENTE CLAUSOLE DI RESPONSABILITA' LEGALE PER I DANNI

INCHIESTA / SEGRETATI DALLA UE CONTRATTI D'ACQUISTO DEI VACCINI E NIENTE CLAUSOLE DI

martedì 19 gennaio 2021
Il mistero sui vaccini, o meglio, sul loro prezzo, sui contratti firmati dalla Ue per acquistarli, sulla responsabilità legale in caso di effetti collaterali avversi, anzichè
Continua
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL
Continua

 
LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA

LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA LOMBARDIA DEVE STARE IN ZONA ARANCIONE, I DATI LO DIMOSTRANO

22 gennaio - ''La Lombardia deve essere collocata in zona arancione. Lo evidenziano i
Continua

SALA PARAGONA LA THUNBERG AD ANNE FRANK DEPORTATA AD AUSCHWITZ, NON

22 gennaio - ''Paragonare Greta Thunberg ad Anne Frank e' un oltraggio alla memoria.
Continua

FDI: COME, I 5S NON VOGLIONO CESA MA SI TENGONO ZINGARETTI, ANCHE

22 gennaio - ''Il ragionamento del Movimento 5 Stelle sia simmetrico: se non si
Continua

131.090 PERSONE HANNO PRESO IL COVID SUL POSTO DI LAVORO (LO SCRIVE

22 gennaio - Le infezioni da nuovo Coronavirus di origine professionale denunciate
Continua

CIAMPOLILLO, LA TRAGEDIA DI UN SENATORE RIDICOLO

20 gennaio - ''Altro che Conte ter, benvenuti nel governo Ciampolillo I. Ammesso al
Continua

LA RUSSIA CHIEDE ALLA UE LA REGISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI COVID

20 gennaio - MOSCA - Il Fondo russo per gli investimenti diretti (Rdif) ha presentato
Continua

E' UFFICIALE: L'EUROZONA E' IN DEFLAZIONE, LE NAZIONI UE SENZA EURO

20 gennaio - A dicembre 2020, il tasso di inflazione annuo dell'eurozona si e'
Continua

CONFCOMMERCIO: PIL GENNAIO 2021 -0,8% E -10,7% DA GENNAIO 2020

19 gennaio - Confcommercio stima per gennaio un calo congiunturale del Pil, al netto
Continua

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua

VERTICE DEL CENTRODESTRA ALLA CAMERA

18 gennaio - E' in corso a Montecitorio, il vertice del centrodestra per fare il
Continua

MATTEO SALVINI: ''CREDONO DI RISOLVERE QUESTA CRISI AFFIDANDOSI A

18 gennaio - Matteo Salvini: ''Renzi l'ha fatto nascere questo governo e adesso dopo
Continua

NEL 2020 ITALIA IN DEFLAZIONE E' LA TERZA VOLTA DAL 1954 (ALTRE DUE

18 gennaio - ''Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d'anno (-0,2%)
Continua

TOTI: SE INVECE DEL CSX FOSSE STATO IL CDX A COMPORTARSI COSI' COME

18 gennaio - ''Vorrei capire cosa sarebbe successo se il centrodestra avesse dato
Continua

ARRIVA SAVIANO E PIERLUIGI BATTISTA LASCIA IL CORRIERE DELLA SERA

18 gennaio - ''Qui cane Enzo sta cercando le parole per dirci che si, dal 31 gennaio
Continua

SALVINI: SE CONTE NON HA IN NUMERI, DUE STRADE: VOTO O GOVERNO DI

18 gennaio - ''Oggi il problema per molte famiglie e' la salute con i vaccini che
Continua

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua
Precedenti »