Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LORENZO FONTANA: ''I GRILLINI VOLEVANO CAMBIARE L'EUROPA? HANNO ELETTO LA VON LEYEN... E ORA IN ITALIA STANNO COL PD''.

lunedì 2 settembre 2019

"Salvini non e' diventato matto. Chi lo accusa di aver sbagliato, e per fortuna nella Lega sono pochi, non sa nulla della vera storia della crisi. Bisognerebbe avere rispetto e fidarsi di piu' di un leader che ha preso un partito al 3 per cento e ne ha piu' che decuplicato i consensi. E' stato un miracolo, una cosa mai vista, neppure ai tempi di Bossi. lo gia' non ci potevo credere l'anno scorso, quando abbiamo preso il 17 per cento e superato Forza Italia. Non dico questo per ingraziarmi Matteo, non ne ho bisogno. Lo penso, il tempo e' galantuomo e alla fine di questa storia si dimostrera' che abbiamo fatto bene a rompere con i grillini".

"Libero Quotidiano" intervista Lorenzo Fontana, ministro in uscita agli Affari europei, per anni quinta colonna di Salvini a Bruxelles, l'uomo che ha presentato al leader leghista Marine Le Pen e ha intrecciato la tela dei rapporti internazionali della Lega, incluso quello con Orbàn.

"Nel partito, dai ministri agli amministratori sul territorio, non ce ne e' uno che fosse contrario a far cadere il governo. Lavorare era diventato impossibile, ci facevano i dispetti, ci attaccavano pubblicamente, erano piu' aggressivi del Pd". Sara' vero, pero' ora M5s governera' con i Dem e alla Lega tocca stare alla finestra. "Non era piu' possibile andare avanti. Tutto e' cambiato con la campagna elettorale per le Europee. Il M5s veniva da una serie di sconfitte sul territorio, alle Amministrative. I Cinquestelle erano nervosi, perche' sono sempre andati male nei sondaggi per le Europee, mentre noi volavamo. Cosi' hanno iniziato ad attaccarci. Hanno fatto la campagna contro di noi anziche' contro il Pd. Poi quando la Lega ha trionfato e loro hanno dimezzato il consenso, non hanno capito piu' nulla, hanno iniziato a farci i dispetti e a bloccare ogni lavoro. Per far passare il decreto sicurezza abbiamo dovuto mettere la fiducia".

Lei la pensa come Giorgetti: l'unico errore della Lega e' stato vincere troppo bene?

"Chi dice che i sovranisti alle Europee hanno perso non la conta del tutto giusta. E vero che la commissaria Ursula Von der Leyen rappresenta la continuita', il solito inciucio tra Germania e Francia, ma ha la maggioranza piu' fragile della storia Ue e ha avuto bisogno del voto dei grillini per essere eletta. Quello e' stato il vero tradimento degli italiani, e l'hanno fatto i Cinquestelle, che fino al giorno prima volevano cambiare l'Europa. Salvini quando ha rotto con il governo non ha tradito, si e' semplicemente staccato da chi si era venduto alla sinistra e all'Europa, tradendo i propri elettori".

"Il plebiscito di maggio a favore del Carroccio - continua - ha spaventato il M5s, che ha avuto paura di sparire, e l'Europa. So come funziona, ai tempi ci provarono anche con me e la Lega. Gli euroburocrati ti telefonano, ti adulano, ti fanno proposte allettanti, e tu o tieni duro o salti sul loro carro. Io ho scelto la prima opzione, i grillini la seconda".

Poi Fontana racconta i giorni della crisi.

"Io ho preparato gli scatoloni gia' la sera dell'8 agosto, si sapeva che sarebbe finita cosi'. E lo sapeva anche Matteo".

Il capitano sembra un po' un pugile bastonato in questi giorni.

"No, e' tranquillissimo, ha gia' voltato pagina. I giorni tesi sono stati quelli della decisione della rottura".

Ma allora perche' tutto questo cinema?

"La Lega voleva il voto anticipato. All'inizio eravamo convinti di riuscire a ottenerlo. Avevamo annusato che l'accordo M5S-Pd era nell'aria ma non pensavamo fossero cosi' avanti, abbiamo rotto per interromperlo e poi abbiamo sperato nella tenuta di Di Maio, nella speranza che l'intesa con i dem saltasse. Peraltro sarebbe anche suo interesse".

Allora e' vero che la Lega ha sbagliato la tempistica.

"No, perche' M5S e Pd avrebbero provato a mettersi d'accordo anche se avessimo fatto cadere il governo a maggio. La loro e' un'alleanza di poltrone e potere, mica credera' alla balla di Renzi che fanno il governo per senso di responsabilita' verso il Paese, per fare la manovra e scongiurare le clausole Iva? Se avessimo rotto tre mesi fa gli avremmo solo dato piu' tempo per mettersi d'accordo. Cosi' invece devono far tutto in pochi giorni, e infatti stanno litigando come pazzi. Non osiamo sperarci, pero'...".

Anche nei tempi del massimo idillio gialloverde, il veronese Fontana non ha mai amato particolarmente i colleghi di Cinquestelle. Non riusciva a metterli a fuoco, o forse lo ha fatto troppo bene.

"Io volevo querelarli per gli attacchi che mi hanno fatto in occasione del Congresso Internazionale della Famiglia a Verona, al quale da ministro ho dato il patrocinio. Hanno sparato una serie di calunnie su di me indegne. Non ho sporto denuncia solo perche' eravamo al governo insieme e Matteo mi ha chiesto di non farlo, vedo invece che l'alleanza con M5S non impedisce al Pd di non ritirare le loro contro il Movimento su Banca Etruria".

E sull'Autonomia?

"Sull'autonomia di Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, M5S ci ha preso in giro fin dal primo minuto. La ministra Stefani era fuori dalla grazia di Dio. Io in Veneto avevo molte difficolta' a giustificare il fatto che non si riuscisse ad arrivare all'obiettivo. A un certo punto ho detto a Salvini che avrei guidato una delegazione di tutti i parlamentari leghisti veneti davanti a Palazzo Chigi per protestare". 

E Salvini cosa ha risposto?

"Di portare pazienza che se fosse continuata la stagione dei no, il governo non sarebbe potuto andare avanti". Non ha avuto il coraggio per non scontentare l'elettorato meridionale? "Matteo ha un coraggio da leone. Per un anno gli hanno detto di tutto, l'hanno insultato, minacciato, indagato. Ci vogliono le spalle larghe per resistere a tutto questo senza farsi turbare. Ne so qualcosa, dopo le vagonate di letame che mi hanno scaricato addosso per il congresso sulla famiglia. La sinistra accusa Salvini di essere antidemocratico ma poi il loro modo di fare opposizione si basa sulla sistematica e incessante intimidazione, una denigrazione continua, null'altro".

"Con l'elezione in Europa della Von der Leyen grazie ai grillini - aggiunge - abbiamo capito che la Ue aveva comprato politicamente M5s e Conte e Tria non ci avrebbero fatto fare la manovra in deficit che Salvini voleva per tagliare le tasse. Bruxelles ci avrebbe imposto i suoi diktat e condannato alla paralisi, con i conti economici in peggioramento per la congiuntura sfavorevole. Siamo alle porte di una nuova crisi e l'Europa, che come si e' visto in Germania l'ha provocata con la sua austerita', voleva dame la colpa alla Lega, impedendole allo stesso tempo ogni politica di spesa e incentivazione dei consumi".

Per questo Salvini grida al complotto internazionale?

"Non puo' essere un caso che, con la Lega fuori dal governo, improvvisamente l'Europa si dimostri piu' flessibile con noi. Che cos'e' cambiato nei conti? Nulla, sono solo decisioni politiche: Conte ha garantito a Bruxelles che l'Italia restera' sottomessa e dalla Ue arriva la mancia, come ai tempi di Renzi, premiato con l'allargamento dei cordoni della borsa per aver dato via libera all'immigrazione".

Quanto dura il governo M5s-Pd?

"Politicamente l'alleanza degli sconfitti non ha senso, ma la disperazione e la determinazione a non lasciare la poltrona sono un buon collante. Potrebbero durare, sempre che partano, mi auguro ancora che un senso di dignita' ed orgoglio risvegli quella parte rivoluzionaria dei 5 stelle che voleva veramente il cambiamento. A M5s converrebbe votare. Se governano con il Pd i grillini sono morti. Guardate adesso, il loro capo, Di Maio, non conta gia' nulla, e' costretto a mendicare poltrone ministeriali. Con il voto perdono forza in Parlamento, ma sopravvivono. Potrebbero anche arrivare al 20 per cento".

E la Lega, cosa fara'?

"Si riparte da Pontida, il 15 settembre, un momento sempre magico. Ci sono tre campagne elettorali fondamentali: Umbria, Emilia-Romagna e Toscana. Se torniamo a vincere, la vedo male per l'alleanza giallorossa". Ma il centrodestra e' unito o no? "Sta certamente meglio di grillini e dem", ha concluso Fontana.

Redazione Milano


LORENZO FONTANA: ''I GRILLINI VOLEVANO CAMBIARE L'EUROPA? HANNO ELETTO LA VON LEYEN... E ORA IN ITALIA STANNO COL PD''.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SALVINI   LEGA   M5S   CONTE   TRIA   FONTANA   GOVERNO PD   TRADITORI   DECRETO   SICUREZZA   GRILLO   SERVI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
 
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
 
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua
 
M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI PER L'ALLEANZA COL PD''

M5S CANCELLA MOVI-FEST PIEMONTE ''CLIMA DI SCONFORTO E DEMOTIVAZIONE SERPEGGIA TRA GLI ATTIVISTI

lunedì 9 settembre 2019
Dal Corriere Piemonte: "«Causa crisi di governo» - questa la motivazione ufficiale - i 5 Stelle torinesi salteranno il loro consueto appuntamento con il «MoviFest». La festa
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA
Continua

 
SU ROUSSEAU POTREBBE VOTARE ANCHE CETTO LA QUALUNQUE: LA DENUNCIA DI CHI HA VOTATO MA ESPULSO DA M5S

SU ROUSSEAU POTREBBE VOTARE ANCHE CETTO LA QUALUNQUE: LA DENUNCIA DI CHI HA VOTATO MA ESPULSO DA M5S


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!