Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

PROCESSO AI GENITORI DI RENZI: ''SE IL PADRE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO TI CHIEDE, CHE FAI, TI METTI A DISCUTERE?''

lunedì 3 giugno 2019

FIRENZE - Il processo ai genitori di Matteo Renzi è entrato nel vivo, oggi. "C'era un fatto di sudditanza psicologica, quello e' il padre di Renzi"; "se il padre del presidente del consiglio dei ministri ti fa un'offerta, ti metti a discutere?" e ancora "dovevo far fare un progettino perche' il padre di Renzi mi rompeva". Cosi' nel processo per Fatture false in cui sono imputati i genitori di Matteo Renzi, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, entrano alcune frasi intercettate dalla guardia di finanza all'imprenditore Luigi Dagostino, il 're degli outlet', imputato anche lui.

Il pm Christine von Borries le ha fatte leggere dagli atti a un investigatore delle Fiamme Gialle, sentito come teste. Dagostino, intercettato in auto e in ufficio, le pronuncio' nel 2018 sfogandosi nel suo ufficio, parlando di Fatture pagate nel 2015 a societa' dei Renzi dalla Tramor da lui controllata e poi ceduta al gruppo Kering. Nel 2015 Matteo Renzi era premier e segretario del Pd. Per il pm Dagostino pago' a societa' dei genitori di Renzi due Fatture false da 20.000 euro e 140.000 euro mentre il figlio era premier.

Le Fatture vennero pagate alla societa' Party srl (una da 20.000 euro, unica fattura emessa dalla Party srl nel 2015) e alla Eventi 6 (una da 140.000 euro) nel luglio 2015 per progetti di fattibilita' su aree ricreative e per la ristorazione all'outlet di Reggello (Firenze).

Ebbene, secondo l'accusa tali consulenze non furono fatte, tuttavia la Tramor di cui Dagostino fu amministratore saldo' regolarmente i due conti. Poi quando, ormai indagato, alcuni anni dopo, Dagostino viene 'ascoltato' dalla GdF che lo intercetta, l'imprenditore pugliese si sfoga anche riguardo agli importi pagati, peraltro giudicati molto piu' alti del valore delle prestazioni pattuite.

Ma, diceva Dagostino - secondo quanto ha letto in aula l'investigatore delle Fiamme gialle -, "il padre di Renzi mi rompeva i c..." per "fare un progettino" che forse valeva 30-40 mila euro (e non 140.000 euro effettivamente pagati) "ma se sei il padre del presidente del consiglio, cosa faccio, mi metto a trattare?".

Con un altro professionista in rapporti di affari, Dagostino si giustificava di essere rimasto indagato per le Fatture dicendo di aver subito "un fatto di sudditanza psicologica, quello era il padre di Matteo Renzi...".

Il processo ha ricostruito gli incontri annotati nell'agenda di Dagostino con Tiziano Renzi e la moglie Laura Bovoli, anche alla vigilia di disposizioni di pagamento della fattura contestata della Eventi 6.

Inoltre, lo stesso testimone ha confermato al pm Christine von Borries che nelle perquisizioni non sono stati trovati ne' lettere di incarico per le societa' dei Renzi, ne' gli studi di fattibilita' per i progetti pattuiti, tuttavia i pagamenti vennero fatti.

Le difese nei loro interventi hanno fatto rilevare che le societa' dei Renzi non ebbero nessun vantaggio fiscale e che fu, anzi, pagata l'Iva. "Oggi il processo ha provato l'insussistenza giuridica del fatto contestato - ha commentato l'avvocato Federico Bagattini, difensore di Tiziano Renzi - poiche' non c'e' stato nessun vantaggio fiscale ne' tributario su queste operazioni, cosa che e' l'essenza del reato di falsa fatturazione".

Per l'avvocato Sara Gennai, difesa Dagostino, ha evidenziato che "nel processo non viene integrato il delitto di fatturazioni false per operazioni inesistenti".

Redazione Milano


PROCESSO AI GENITORI DI RENZI: ''SE IL PADRE DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO TI CHIEDE, CHE FAI, TI METTI A DISCUTERE?''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   MATTEO   TIZIANO   PROCESSO   FATTURE   FALSE   PRESIDENTE   CONSIGLIO   PD   AFFARIM   SPORCHI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI ITALIANI NON NE PUO' PIU'.

SONDAGGIO IN EUROPA: 56% DEI FRANCESI NON SI FIDA DELLA UE. 66% DEI GRECI LA ODIA. 55% DEGLI

martedì 13 agosto 2019
LONDRA - Come ogni anno la commissione europea pubblica i risultati del cosiddetto Eurobarometro, un sondaggio fatto a livello europeo per conoscere il livello di popolarita' dell'Unione
Continua
 
SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA E SALVINI PREMIER!

SALVINI HA PERSO LA PAZIENZA CON M5S, FORSE SI ANDRA' A VOTARE A OTTOBRE, FORSE DOPO. LEGA DA SOLA

venerdì 9 agosto 2019
Governo al capolinea, si va verso la parlamentarizzazione della crisi, con il premier Giuseppe Conte che potrebbe andare in Senato, per la fiducia, con un calendario ancora da decidere. Intanto ieri
Continua
CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA BASTIGLIA S'AVVICINA

CONTADINI FRANCESI IN RIVOLTA CONTRO MACRON CHE FIRMA IL CETA E GILET GIALLI IN PIAZZA: PRESA DELLA

lunedì 5 agosto 2019
LONDRA - I guai sembrano non finire mai per il presidente francese Emmanuel Macron. Non bastassero i gilet gialli adesso ci sono anche i contadini che protestano vivamente contro l'inquilino
Continua
 
ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA L'ITALIA, SEMPRE!

ANALISI / IL PUNTO SULL'ALLEANZA LEGA-M5S, LE RAGIONI CHE UNISCONO E QUELLE CHE DIVIDONO: MA PRIMA

lunedì 5 agosto 2019
La politica è entrata ufficialmente in vacanza e l’augurio è che sia estremamente vantaggiosa ai 5S per raccogliere le idee ed uscire dal tunnel dell’opposizione interna
Continua
FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE LA BREXIT NEL MONDO

FARAGE PRESENTA A NEW YORK WORLD4BREXIT PER COMBATTERE LE CAMPAGNE DIFFAMATORIE DI SOROS E LANCIARE

lunedì 29 luglio 2019
LONDRA - Nigel Farage e' veramente determinato a far uscire la Gran Bretagna dalla UE e lo dimostra il fatto che da molti anni sia in politica con questo scopo prima tramile lo UKIP e adesso col
Continua
 
LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO +13% CREMONA +13,2%

LOMBARDIA: BOOM DELL'EXPORT! IL DATO E' CLAMOROSO: +5,8% RISPETTO IL 2018. MILANO +7,4% BERGAMO

giovedì 25 luglio 2019
MILANO - Dal cioccolato ai formaggi, dal buon cibo al latte sino alle biciclette, alle barche e agli articoli sportivi. Cresce in maniera esponenziale l'export di prodotti legati al turismo dalla
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA SINISTRA AMMETTE: ''IL POPOLO VOTA A DESTRA E CHE LA SOCIETA' MULTIETNICA SIA UN PARADISO E' FALSO'' (FEDERICO RAMPINI)

LA SINISTRA AMMETTE: ''IL POPOLO VOTA A DESTRA E CHE LA SOCIETA' MULTIETNICA SIA UN PARADISO E'
Continua

 
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!