Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

giovedì 14 febbraio 2019

BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le accuse all'Italia d'essere il "fanalino di coda" d'Europa, quando è invece la locomotiva tedesca che sta deragliando?.

A fine 2018 la Germania, che era la prima economia europea, evita di un soffio la recessione. Dopo il -0,2% del terzo trimestre, negli ultimi tre mesi dell'anno il Pil si ferma a quota zero, non entra per un pelo in recessione tecnica, cioe' non registra due contrazioni consecutive del Pil, ma scala pericolosamente la marcia, come dimostra il dato annuale: +1,4% nel 2018, nettamente meno del +2,2% registrato nel 2017.

Ma c'è da dire che è sottile, molto sottile il filo su cui "camminano" i "conti" tedeschi, ed è davvero impercettibile la differenza tra lo 0,0% calcolato e il -0,01%, nel primo caso l'amica (di Berlino) Eurostat ha diritto di usare la parola "stagnazione" mentre nel secondo le sarebbe toccato scrivere "recessione", schivata appunto "d'un soffio" tanto flebile che nessuno l'ha sentito...

Rimane comunque un pessimo segnale, aggravato dal fatto che, come ha dichiarato alla Bbc Jack Allen, senior economist europeo di Capital Economics, "cio' che e' particolarmente preoccupante e' che i primi segnali del 2019 suggeriscono che un forte rimbalzo e' improbabile". Cioè, la stagnazione continuerà, e la recessione a quel punto sarà certificata.

E dire che solo un anno fa, nel marzo del 2018, quando il ministro dell'Economia, Peter Altmaier si e' insediato al governo di Angela Merkel, una inchiodata del genere sembrava impensabile. Altmaier aveva infatti previsto una crescita media annua per i prossimi 15-20 anni del 2,5%. Ovviamente gli occhiuti (con l'Italia) commissari europei all'economia e alla finanza annuirono compiaciuti, gli stessi che oggi stanno muti come pesci. 

Un ottimismo fuori posto, quello del ministro dell'Economia tedesco, come dimostrano le stime del suo stesso ministero rilasciate a fine gennaio 2019, che ha rivisto al ribasso le previsioni di fine anno, portandole da +1,8% a +1%, un dato in linea con il recente +1,1% di Bruxelles. Che poi, qualcuno dovrebbe spiegare come farà, la Germania, a segnare +1% nel 2019 partendo da zero piatto.

La domanda principale, tuttavia, e un'altra: cosa c'e' dietro questo brusco ridimensionamento delle stime di crescita tedesche? Innanzitutto il rallentamento dell'economia globale. Per la Germania, che e' il terzo Paese esportatore mondiale, dietro a Stati Uniti e Cina, le incertezze economiche che stanno imbrigliando l'economia mondiale sono una vera catastrofe.

Il primo segnale di allarme arriva dalla Cina. Negli ultin Berlino esporta in Cina circa 86 miliardi di euro di 'made in Germany', solo Francia e Usa fanno meglio. Il rallentamento dell'economia cinese rappresenta dunque un bel problema per la Germania, insieme alla Brexit e alla guerra commerciale avviata dall'amministrazione Trump, che tra l'altro nel mirino ha messo soprattutto l'export negli Usa di auto tedesche.

L'export tedesco continua a tirare, nel 2018 e' cresciuto del 3%, ma gia' a dicembre ha mostrato un primo segno di cedimento, registrando un calo all'1,5%. E per il resto dell'anno 2019 le previsioni sono nere.

Altri segnali negativi arrivano dalla produzione industriale, che a dicembre e' scesa dello 0,4% mensile e dagli ordini all'industria, calati dell'1,6% a dicembre, in particolare quelli dall'estero crollati del 5,5%.

Bene invece il marcato del lavoro, con la disoccupazione che resta ferma al 5%, ma come sempre accade, il calo dell'occupazione non precede, segue, il calo dei fatturati e del Pil, mentre sui conti pubblici, il governo Merkel insiste nel volerli tenere in equilibrio, anche se da alcune indiscrezioni emerge che per il 2022 e il 2023 Berlino non esclude un ritorno al deficit, a causa del rallentamento dell'economia e delle possibili minori entrate.

L'inflazione continua ad essere sotto il livello che la Bce da quasi cinque anni si affanna a raggiungere senza riuscirvi, cioè il 2% annuo. In Germania, il dato è di questo mese di febbraio, si attesta all'1,4%.

E in tutto ciò, il governo Merkel traballa. Ormai non è più chiuso nelle sole stanze di potere, a Berlino: le elezioni anticipate sono nell'agenda politica del 2019. Probabilmente, la data sarà fissata nel mese di settembre, ma il prevedibile terremoto politico delle elezioni europee di maggio potrebbe causare un'accelerazione.

Redazioen Milano


LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   PIL   ECONOMIA   CRISI   STAGNAZIONE   RECESSIONE   MERKEL   BRUXELLES   COMMISSIONE   UE   USA   EXPORT   AUTO   ALTMAIER   ALLEN   BBC   CAPITAL   ECONOMIST    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,
Continua

 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!