Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

giovedì 14 febbraio 2019

BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le accuse all'Italia d'essere il "fanalino di coda" d'Europa, quando è invece la locomotiva tedesca che sta deragliando?.

A fine 2018 la Germania, che era la prima economia europea, evita di un soffio la recessione. Dopo il -0,2% del terzo trimestre, negli ultimi tre mesi dell'anno il Pil si ferma a quota zero, non entra per un pelo in recessione tecnica, cioe' non registra due contrazioni consecutive del Pil, ma scala pericolosamente la marcia, come dimostra il dato annuale: +1,4% nel 2018, nettamente meno del +2,2% registrato nel 2017.

Ma c'è da dire che è sottile, molto sottile il filo su cui "camminano" i "conti" tedeschi, ed è davvero impercettibile la differenza tra lo 0,0% calcolato e il -0,01%, nel primo caso l'amica (di Berlino) Eurostat ha diritto di usare la parola "stagnazione" mentre nel secondo le sarebbe toccato scrivere "recessione", schivata appunto "d'un soffio" tanto flebile che nessuno l'ha sentito...

Rimane comunque un pessimo segnale, aggravato dal fatto che, come ha dichiarato alla Bbc Jack Allen, senior economist europeo di Capital Economics, "cio' che e' particolarmente preoccupante e' che i primi segnali del 2019 suggeriscono che un forte rimbalzo e' improbabile". Cioè, la stagnazione continuerà, e la recessione a quel punto sarà certificata.

E dire che solo un anno fa, nel marzo del 2018, quando il ministro dell'Economia, Peter Altmaier si e' insediato al governo di Angela Merkel, una inchiodata del genere sembrava impensabile. Altmaier aveva infatti previsto una crescita media annua per i prossimi 15-20 anni del 2,5%. Ovviamente gli occhiuti (con l'Italia) commissari europei all'economia e alla finanza annuirono compiaciuti, gli stessi che oggi stanno muti come pesci. 

Un ottimismo fuori posto, quello del ministro dell'Economia tedesco, come dimostrano le stime del suo stesso ministero rilasciate a fine gennaio 2019, che ha rivisto al ribasso le previsioni di fine anno, portandole da +1,8% a +1%, un dato in linea con il recente +1,1% di Bruxelles. Che poi, qualcuno dovrebbe spiegare come farà, la Germania, a segnare +1% nel 2019 partendo da zero piatto.

La domanda principale, tuttavia, e un'altra: cosa c'e' dietro questo brusco ridimensionamento delle stime di crescita tedesche? Innanzitutto il rallentamento dell'economia globale. Per la Germania, che e' il terzo Paese esportatore mondiale, dietro a Stati Uniti e Cina, le incertezze economiche che stanno imbrigliando l'economia mondiale sono una vera catastrofe.

Il primo segnale di allarme arriva dalla Cina. Negli ultin Berlino esporta in Cina circa 86 miliardi di euro di 'made in Germany', solo Francia e Usa fanno meglio. Il rallentamento dell'economia cinese rappresenta dunque un bel problema per la Germania, insieme alla Brexit e alla guerra commerciale avviata dall'amministrazione Trump, che tra l'altro nel mirino ha messo soprattutto l'export negli Usa di auto tedesche.

L'export tedesco continua a tirare, nel 2018 e' cresciuto del 3%, ma gia' a dicembre ha mostrato un primo segno di cedimento, registrando un calo all'1,5%. E per il resto dell'anno 2019 le previsioni sono nere.

Altri segnali negativi arrivano dalla produzione industriale, che a dicembre e' scesa dello 0,4% mensile e dagli ordini all'industria, calati dell'1,6% a dicembre, in particolare quelli dall'estero crollati del 5,5%.

Bene invece il marcato del lavoro, con la disoccupazione che resta ferma al 5%, ma come sempre accade, il calo dell'occupazione non precede, segue, il calo dei fatturati e del Pil, mentre sui conti pubblici, il governo Merkel insiste nel volerli tenere in equilibrio, anche se da alcune indiscrezioni emerge che per il 2022 e il 2023 Berlino non esclude un ritorno al deficit, a causa del rallentamento dell'economia e delle possibili minori entrate.

L'inflazione continua ad essere sotto il livello che la Bce da quasi cinque anni si affanna a raggiungere senza riuscirvi, cioè il 2% annuo. In Germania, il dato è di questo mese di febbraio, si attesta all'1,4%.

E in tutto ciò, il governo Merkel traballa. Ormai non è più chiuso nelle sole stanze di potere, a Berlino: le elezioni anticipate sono nell'agenda politica del 2019. Probabilmente, la data sarà fissata nel mese di settembre, ma il prevedibile terremoto politico delle elezioni europee di maggio potrebbe causare un'accelerazione.

Redazioen Milano


LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   PIL   ECONOMIA   CRISI   STAGNAZIONE   RECESSIONE   MERKEL   BRUXELLES   COMMISSIONE   UE   USA   EXPORT   AUTO   ALTMAIER   ALLEN   BBC   CAPITAL   ECONOMIST    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
 
EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO MALE COCA COLA FA BENE

EUROBUROCRATI UE HANNO SENTENZIATO: PARMIGIANO SALAME SAN DANIELE MOZZARELLA EXTRAVERGINE FANNO

giovedì 5 dicembre 2019
La Coca-Cola avrebbe effetti devastanti sul nostro organismo, a dirlo è l’ex farmacista inglese Niraj Naik sul suo blog. “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE PRINCIPALI CITTA' CON TRATTORI

FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO IL GOVERNO MACRON: CONTADINI E AGRICOLTORI INVADONO PARIGI E LE

mercoledì 27 novembre 2019
PARIGI - Macron travolto dai trattori, oggi a Parigi. In senso metaforico, per ora.  Trattori sulla Periferique e sugli Champs Elysees. Oltre 1000 macchine agricole, secondo i dati del ministero
Continua
CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI DISTRIBUZIONE MIGRANTI NELLA UE''

CORTE DEI CONTI UE BOCCIA IL BILANCIO DELL'AGENZIA UE PER ''LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI

lunedì 25 novembre 2019
LONDRA - E' abbastanza risaputo che l'Unione Europea spreca i soldi che estorce ai contribuenti e non deve sorprendere se si scopre che molte delle sue agenzie sono gestite in modo poco
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,
Continua

 
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua

LEADER DELLA PROTESTA DI HONG KONG CONTRO LA DITTATURA CINESE:

28 novembre - ''Sono rimasto piuttosto deluso nel leggere le dichiarazioni
Continua

SALVINI: SUL MES SI DEVE ESPRIMERE IL PARLAMENTO SETTIMANA PROSSIMA!

28 novembre - ''Si torna in Parlamento la settimana prossima, altro che dopo la
Continua

M5S HA IL CANDIDATO ALLE REGIONALI DELLA CALABRIA: E' IL PROF.

28 novembre - CATANZARO - ''Dopo un'attenta riflessione e con la consapevolezza di
Continua
Precedenti »