Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

martedì 11 dicembre 2018

BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un discorso, in Italia abbiamo una bozza di bilancio". E' quanto riferiscono fonti comunitarie, interpellate sul possibile impatto di sforamento del deficit francese a seguito delle dichiarazioni pubbliche a reti televisive unificate fatte ieri sera dal presidente Macron, che ha promesso aiuti finanziari alle famiglie indigenti per almeno 10 miliardi di euro nel 2019 e anche la cancellazione immediata delle tasse sui carburanti che avrebbero dovuto entrare in vigore dal 1° gennaio 2019. Di fatto, la Commissione Ue afferma che quelle di Macron sono solo parole, mentre l'Italia ha scritto una manovra di bilancio ora sotto esame.

Non è esattamente un giudizio positivo, anzi, è il peggiore possibile, per un leader nel ruolo di presidente di uno stato. 

La  portavoce della Commissione Ue, Margaritis Schinas, rispondendo alle domande dei giornalisti che chiedevano uan valutazione sulle misure annunciate ieri dal presidente francese Emmanuel Macron, ha dichiarato: "C'e' una procedura ben stabilita per valutare le politiche bilancio degli stati membri, la nostra posizione sulla Francia e' nota e il parere sul progetto di bilancio della Francia e' stato pubblicato poco tempo fa (ma prima della giravolta di Macron che ha letteralmente cancellato le misure di bilancio della Francia a cui la Commisisone Ue aveva dato - appunto - parere favorevole).  L'impatto verra' valutato in primavera, quando pubblicheremo le nostre previsioni economiche".

Con questo, la Commissione Ue da un lato stoppa qualsiasi idea di procedura di infrazione contro la Francia, dall'altro sposta la questione di almeno 4-5 mesi, guarda caso proprio a ridosso delle elezioni europee, un modo comodo per evitare, quando sarà, qualsiasi decisione in merito.

La cosa non è sfuggita a Tajani, presidente uscente del Parlamento europeo:  "Se con i 100 euro di aumento dello stipendio minimo Macron sforerà il tetto del 3%? Per questo credo che anche la Francia rischi la procedura d'infrazione, anche se non ha il debito pubblico che ha l'Italia. La legge deve essere uguale per tutti: non è che con l'Italia bisogna esser severi e con la Francia morbidi".

Altro attendista che se lava le mani è il vice presidente della Commissione Ue, Valdis Dombrovskis: "La Commissione europea studiera' attentamente l'impatto sul bilancio della Francia delle misure annunciate ieri dal presidente francese Emmanuel Macron. Seguiamo da vicino le misure potenzialmente nuove che sono state annunciate, ma non possiamo fare commenti al momento prima che queste misure siano correttamente enunciate e dettagliate".  Curioso, detto da un personaggio che già solo all'annuncio dei contenuti della manovra italiana fece dichiarazioni di fuoco contro il governo Lega-M5S. 

E infatti, ci pensa Paolo Grimoldi, vice presidente della Commissione Esteri della Camera a scoperchiare la pentola della Commissione Ue: "Secondo le stime degli analisti, alla luce del discorso fatto ieri sera dal presidente Macron, la Francia arrivera' a portare il suo deficit addirittura al 3,5%, il tutto nel silenzio piu' totale da parte di Bruxelles. E di Berlino. Un silenzio che vale come silenzio-assenso, ma che per forza deve rappresentare un precedente, anche per l'Italia. A questo punto vorrei vedere con quale faccia tosta i vari Junker o Moscovici si permetterebbero di eccepire sui numeri della nostra manovra economica dopo quello che sta per fare la Francia, ma immagino che da adesso staranno zitti perche' se le eccezioni valgono per la Francia allora valgono anche per l'Italia".

Moscovici, molto in imbarazzo, avvicinato dai giornalisti a Bruxelles al riguardo ha dichiarato:  "Non risponderò a nulla su questo argomento". Punto e basta.

Ci pensa invece il principale quotidiano francese d'economia e finanza, l'equivalente del Sole 24 Ore, a fare i conti sulle promesse ai francesi fatte da Macron in tv (21 milioni di telespettatori l'hanno visto): secondo le stime del quotidiano economico e finanziario transalpino Les Echos, la Francia dovrebbe registrare un deficit pari al 3,5% del Pil l'anno prossimo, ben al di sopra della soglia massima del 3% prevista dal patto di stabilità, come conseguenze di mancate entrate per circa 11 miliardi di euro e uscite per 10 miliardi di euro in più rispetto quanto previsto nella manovra economica trasmessa dalla Francia alla Commissione europea. 

Fra le misure annunciate da Macron per placare la collera dei gilet gialli - che per altro non intendono mollare, i blocchi continuano anche oggi in tutta la Francia - ci sono l'aumento del salario minimo di 100 euro al mese a partire dal 2019, l'esenzione dall'aumento della tassazione Csg per le pensioni al di sotto dei 2mila euro e gli straordinari non tassati, oltre alla cancellazione di tutte le tasse sui carburanti che Macron voleva entrassero in vigore dal 1° gennaio 2019. Stamattina il portavoce del governo, Benjamin Griveaux, ha riferito che le misure costeranno "fra 8 e 10 miliardi di euro", confermando così quanto già anticipato ieri sera su Bfmtv dal sottosegretario per i Conti pubblici, Olivier Dussopt. 

E che a Macron non credano più i francesi, oltre che la Commissione Ue lo certifica un sondaggio di oggi: Il discorso di Emmanuel Macron non ha convinto il 59% dei francesi, contro il 40% degli interpellati che ha invece creduto alle sue proposte. E' quanto emerge da un sondaggio condotto da Odoxa per Le Figaro e Franceinfo, secondo cui il 55% dei francesi si è detto favorevole al bonus di fine anno defiscalizzato, il 61% all'aumento di 100 euro dei salari minimi, il 70% alla fine del prelievo per le pensioni sotto i duemila euro e l'85% alla defiscalizzazione degli straordinari, ma comunque il 59% non gli crede, sostenendo che sono - appuntop - solo chiacchiere.

Redazione Milano


LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BILANCIO   UE   FRANCIA   PAROLE   MACRON ITALIA   GILET   GIALLI   GRIMOLDI   LEGA   MOSCOVICI   DOMBROVSKIS   TAJANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA
Continua

 
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »