Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE

lunedì 10 dicembre 2018

Due organizzazioni criminali sono state smantellate dai carabinieri della Compagnia di Carbonia a conclusione di una vasta operazione, ribattezzata 'Arruga', contro l'immigrazione clandestina e lo sfruttamento della prostituzione. Nella rete degli investigatori dell'Arma sono finite una banda di algerini, che gestiva la Tratta di esseri umani che sbarcano direttamente sulle coste del Sulcis, e l'altra di nigeriani, specializzata nel reclutamento dal paese di origine di giovani donne costrette poi a prostituirsi in Sardegna.

In carcere con le accuse di associazione a delinquere, detenzione e spaccio di droga, sfruttamento e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e della prostituzione, e detenzione di banconote contraffatte sono finite quattro persone: Yacine Messadi, 45 anni, algerino residente a Cagliari, Nidham Hammouda, di 32, tunisino residente a Selargius, e le nigeriane Sofia Tony, 32enne di Sassari e Bridget Tina Edomwony, di 36 di Alessandria.

Le indagini sono partite nel 2014 su iniziativa dell'allora comandante della Compagnia di Carbonia, il maggiore Giuseppe Licari, e si sono concluse oggi sotto la guida del capitano Lucia Dilio. I militari hanno lavorato parallelamente su due filoni: l'immigrazione illegale e la Tratta di donne destinate alla prostituzione.

Da anni si registrano in Sardegna arrivi con barchini di fortunata di migranti algerini sulle coste del Sulcis, molti di questi poi utilizzati dall'organizzazione come spacciatori di droga.

Il capo viene indicato Yacine Messadi: avrebbe organizzato i viaggi dall'Algeria alla Sardegna acquistando la barca e il motore, pagando e dando istruzioni allo scafista di turno e tenendo anche i contatti con le famiglie dei clandestini.

Non solo.

Avrebbe anche suggerito ai migranti clandestini come evitare il rimpatrio in caso di fermo: la tecnica piu' usata, quella di dichiararsi minorenni, tanto nessuno di loro è mai stato provvisto di documenti d'identità. Una volta in Sardegna, gli algerini venivano utilizzati come spacciatori sulle piazze cagliaritane, soprattutto nel quartiere Marina. Ad aiutarlo, secondo la ricostruzione dei carabinieri, c'era il tunisino: a lui il compito di acquistare la droga e rifornire la rete di smercio. "Messadi riceveva gli ordinativi per telefono e utilizzava i figli per effettuare le consegne, anche ad altri minori", spiegano i militari. Il tunisino e' inoltre accusato di aver comprato in Campania 5mila euro in banconote da 20 euro fasulle, denaro che avrebbe smerciato consegnando il resto agli acquirenti dello stupefacente. 

La seconda organizzazione criminale nigeriana gestiva la Tratta di donne da far prostituire e specialmente organizzava la rotta Nigeria-Libia e quindi il viaggio verso l'Italia - sui barconi, finchè il nuovo governo nonha chiuso i porti alle navi Ong - con tappe successive a Civitavecchia, Sassari e Cagliari. Almeno sette le ragazze che nel corso delle indagini sono arrivate in Sardegna e sono state poi sfruttate come prostitute.

Secondo l'accusa, le giovani donne venivano contattate in patria da una connazionale, la 'mamam Vera', non ancora identificata: era lei a proporre il viaggio clandestino verso l'Italia con la promessa di un'occupazione 'regolare', sapendo bene che erano destinate alla schiavitu' sul marciapiede e in case a luci rosse.

Ed era sempre "mamam Vera" ad anticipare i settemila euro per ogni ragazza, che poi venivano affidate in Libia a un altro complice. Qui rimanevano anche settimane in veri e propri ghetti in attesa di partire: "Erano costrette a subire la sofferenza della fame, del freddo, le pessime condizioni igieniche nonche' le avance e le minacce dei loro carcerieri", raccontano i carabinieri.

Arrivate in Italia ricevevano dalle maman Sofia Tony e Bridget Tina, arrestate oggi, nuove schede telefoniche, soldi, documenti d'identita' falsi e indicazioni su come allontanarsi dal centro d'accoglienza e prendere il traghetto per la Sardegna. "A questo punto le maman davano alle loro protette le istruzioni sulle attivita' che avrebbero dovuto svolgere per 'riscattare' la propria liberta' - spiegano i militari - procuravano loro una casa dove esercitare prostituirsi e gli abiti 'da lavoro', davano consigli su come comportarsi con i clienti e aiutavano le ragazze che non parlavano l'italiano a trattare". Dei veri e propri bordelli clandestini.

Redazione Milano


CARABINIERI SMANTELLANO DUE ORGANIZZAZIONI (ALGERINI E NIGERIANI): IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DROGA SPACCIO PROSTITUZIONE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CARABINIERI   IMMIGRAZIONE   CLANDESTINA   SARDEGNA   LIBIA   ALGERIA   NIGERIANI   ALGERINI   PROSTITUTE   DROGA   BANCONOTE   FALSE   BARCONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GALERA

NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO

giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla
Continua
 
LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GAL

LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO

giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla
Continua
IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E SMENTISCONO MOSCOVICI)

IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E

giovedì 13 dicembre 2018
"Continuiamo a sostenere con convinzione la nostra proposta. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini,
Continua
 
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE  PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A PMI E' FONDAMENTALE

REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A

mercoledì 12 dicembre 2018
MILANO - Oltre 26 milioni di euro per rifinanziare importanti bandi a favore delle micro, piccole e medie imprese. La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo
Continua
 
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA
Continua

 
REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE  PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A PMI E' FONDAMENTALE

REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!