Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

DECINE DI ARRESTI TRA I CLANDESTINI DELLE ORDE SUDAMERICANE ENTRATI IN CALIFORNIA, IL MESSICO INTANTO NE RIMPATRIA 500

lunedì 26 novembre 2018

Il governo messicano ha annunciato il rimpatrio di circa 500 migranti centroamericani che nella giornata di domenica hanno tentato di varcare in modo "violento" il confine con gli Stati Uniti. La decisione, resa nota dal ministero dell'Interno, giunge la termine di una giornata di violenti scontri registrati nella cittadina messicana di Tijuana, al confine con la California.

Una parte dei migranti scesi in piazza per una manifestazione era riuscita a infrangere il cordone di sicurezza della polizia tentando di oltrepassare in diversi punti il muro di confine. Dopo una iniziale sorpresa, gli agenti federali Usa hanno respinto l'offensiva, dissuadendo i migranti anche con l'uso di lacrimogeni.

Il ministero dell'Interno messicano ha detto che gli autori del tentativo sono stati "perfettamente identificati" e "verranno messi a disposizione delle autorita' corrispondenti per essere poi rimpatriate dalle autorita' migratorie".

Le autorita' messicane hanno inoltre segnalato che irrobustiranno le misure di sicurezza alla frontiera inviando elementi della Polizia federale alla frontiera. Al tempo stesso si effettuera' una indagine approfondita per verificare le "cause di questa offensiva violenta dei centroamericani e il loro tentativo di attraversare illegalmente la frontiera con gli Stati Uniti".

Questi "atti di provocazione, lungi dall'aiutare a raggiungere l'obiettivo, attentano alla stabilita' del quadro legale sulla migrazione e possono portare a gravi incidenti", recita ancora la nota del ministero dell'Interno pur segnalando che al momento non sono state riportate lesioni fisiche ai partecipanti della manifestazione.

La pressione dei migranti alla frontiera si conferma preoccupazione centrale del governo statunitense. Nel fine settimana il presidente Donald Trump era tornato a lanciare l'allarme bacchettando i paesi vicini sul mancato controllo di flussi da tempo definiti una "emergenza nazionale" per gli Usa.

"Sarebbe molto intelligente che il Messico fermasse le carovane molto prima del loro arrivo alla nostra frontiera sud, o che i paesi d'origine ne impedissero la formazione" ha scritto Trump su Twitter sottolineando che creare queste comitive significa "fare in modo che la gente abbandoni il proprio paese e venga lanciata, scagliata verso gli states. "Basta", e' tornato ad ammonire il presidente degli Stati Uniti accusando le precedenti amministrazioni a guida Democratica di aver acconsentito a rendere troppo permeabili le frontiere. 

Intanto, giunge anche la notizia che 43 clandestini che erano riusciti in qualche modo ad entrare neli Usa durante gli scontri di domenica, sono stati arrestati. Ora, si trovano in carcere in California.

Redazione Milano


DECINE DI ARRESTI TRA I CLANDESTINI DELLE ORDE SUDAMERICANE ENTRATI IN CALIFORNIA, IL MESSICO INTANTO NE RIMPATRIA 500


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CLANDESTINI   ARRESTI   CONFINE   CALIFORNIA   MESSICO   TRUMP   PRESIDENTE   ARRESTI   POLIZIA   FRONTIERA   RIMPATRI   ORDE   SUDAMERICANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ABBIAMO VINTO NOI! MARINE LE PEN ABBATTE MACRON, LA  NUOVA DESTRA NAZIONALISTA VINCE IN FRANCIA! ADDIO, OLIGARCHI UE!

ABBIAMO VINTO NOI! MARINE LE PEN ABBATTE MACRON, LA NUOVA DESTRA NAZIONALISTA VINCE IN FRANCIA!

domenica 26 maggio 2019
PARIGI - Il partito Rassemblement National (Rn) di Marine Le Pen in testa col 23.2%, al secondo posto col 21.9% il partito Republique en Marche di Emmanuel Macron. Al terzo posto, a sorpresa, i verdi
Continua
 
JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA INDAGANDO SU SUO FIGLIO

JOE BIDEN DA VICE DI OBAMA ''INTERVENNE'' IN UCRAINA PER FAR CACCIARE IL GIUDICE CHE STAVA

martedì 21 maggio 2019
NEW YORK - L'ex vicepresidente degli Stati Uniti Joe Biden, che ha formalizzato la propria candidatura in vista delle elezioni presidenziali 2020, e appare ad oggi il candidato di punta del Partito
Continua
NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA CUI SEI MINORI

NORDAFRICANO CLANDESTINO DA' FUOCO AL COMANDO DEI VIGILI DI MIRANDOLA: DUE MORTI, VENTI FERITI TRA

martedì 21 maggio 2019
MIRANDOLA - Due morti, una signora 84enne italiana costretta a letto per le precarie condizioni di salute e la sua badante ucraina di 74 anni, e 20 feriti, tra cui il marito della vittima e altre tre
Continua
 
L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI DOVE, MA NON VINCERANNO

L'ITALIA STA CAMBIANDO PER IL BENE DI TUTTI IL GOVERNO HA DIRITTO DI CONTINUARE ATTACCHI DA OGNI

lunedì 20 maggio 2019
MILANO - La bacchetta magica non esiste, e men che meno in mano a chi governa un Paese. Tuttavia, dopo più di un anno dalle elezioni politiche in Italia che hanno decretato la vittoria della
Continua
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PUGNO DI FERRO AUSTRIACO: TURCHI CON LA DOPPIA CITTADINANZA A RISCHIO ESPULSIONE (BASTA IMMIGRATI ISLAMICI IRREGOLARI)

PUGNO DI FERRO AUSTRIACO: TURCHI CON LA DOPPIA CITTADINANZA A RISCHIO ESPULSIONE (BASTA IMMIGRATI
Continua

 
USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL GLOBAL COMPACT ONU

USA AUSTRALIA AUSTRIA POLONIA REPUBBLICA CECA UNGHERIA BULGARIA ISRAELE CROAZIA SLOVACCHIA: NO AL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!