Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA

lunedì 19 novembre 2018

LONDRA - La Svizzera si sa e' il paese in cui si usano spesso i referendum per dare ai cittadini la possibilita' di esprimere la loro opinione in moltissime materie, un esempio di democrazia diretta che e' invidiato in molti, in Europa.

A tale proposito e' interessante notare come uno dei referendum che si terra' il 25 novembre prossimo chiede ai cittadini svizzeri se la legge e la Costituzione svizzera debba prevalere sui trattati internazionali. Su qualsiasi, trattato internazionale. 

Al momento in Svizzera ogni trattato internazionale firmato dal governo ha la precedenza sulla legislazione svizzera, ma se il referendum dovesse passare allora l'adozione da parte della giurisprudenza svizzera di tali trattati non sarebbe automatica ma qualora ci dovessero essere differenze tra tale trattato e la Costituzione svizzera, quest'ultima prevarrebbe e i cittadini saranno chiamati a decidere in un referendum se approvare un determinato trattato oppure no.

Volta per volta, trattato dopo trattato, nulla sarebbe lasciato nelle mani del ceto politico, tutte le volte i cittadini avrebbero il diritto di valutare, approvare o rifiutare ogni singola adesione.

Questo referendum vede contrapposti il governo svizzero, che sostiene l'adozione automatica dei trattati internazionali, contro i promotori del referendum i quali sostengono lo slogan "legge svizzera non giudici stranieri" e uno dei piu' entusiasti promotori e' il partito nazionalista UDC.

Sono in molti a guardare con interesse questo quesito referendario perche' potrebbe creare ulteriori problemi all'Unione Europea.

Infatti, anche se la Svizzera e' fuori dalla UE, essa adotta molte direttive comunitarie in cambio dell'accesso al mercato unico europeo, ma qualora il referendum dovesse passare questo non sara' piu' possibile e ogni direttiva dovra' essere sottoposta a specifico referendum.

La portata di questo cambiamento e' enorme visto che il 33% delle leggi svizzere riflette l'adozione di direttive comunitarie e non a caso la stampa britannica - che riferisce ampiamente la notizia - parla di possibile swissexit.

Al momento non e' chiaro se questo referendum passera', ma e' importante notare come gli svizzeri abbiano la possibilita' di essere consultati su un cambiamento costituzionale cosi' importante al contrario dell'Italia, dove la Costituzione vieta i referendum per decidere sui trattati internazionali.

L'ideale sarebbe quello di cambiare questo articolo della Costituzione ma visto la difficolta' che questo comporta si potrebbe fare pressione sulla UE minacciando di tagliare i fondi che versiamo per mantenere questa istituzione inutile.

La stampa del bel paese ha minimizzato questa notizia del referendum svizzero perche' scomoda ma noi l'abbiamo riportata perche' crediamo che anche in Italia gli italiani debbano essere chiamati a decidere sui trattati internazionali e crediamo anche che la legge italiana debba prevalere su quella internazionale.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SVIZZERA   REFERENDUM TRATTATI   INTERNAZIONALI   FIRMATI   UE   BRUXELLES   COSTITUZIONE   ITALIA   DIRETTIVE   COMUNITARIE   UCD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E

mercoledì 5 giugno 2019
"Noi siamo persone serie, l'Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma
Continua
 
LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI SEGRETI POLITICI & GIUDICI

LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI

mercoledì 5 giugno 2019
Incontri "segreti" in hotel, durante le cene o a casa: 7 giorni, dal 9 al 16 maggio, di "trattative per le nomine degli uffici giudiziari", in particolare quelli di Roma, Perugia e Brescia. E' quello
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,
Continua

 
660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA SANITA' E' DISASTROSA

660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!