Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

mercoledì 14 novembre 2018

La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno accolto con favore le conclusioni annunciate dal governo italiano derivanti dalla conferenza che ha riunito i leader libici e internazionali con l'obiettivo comune di sostenere le istituzioni libiche a rompere lo stallo politico e garantire una sicurezza e prosperita' del futuro per tutti i libici.

Questo, in sintesi, è quanto scrive in un comunicato stampa il dipartimento di Stato Usa. Nella nota Washington afferma di sostenere fermamente il rappresentante speciale delle Nazioni Unite Ghassan Salame' e il suo nuovo piano d'azione presentato al Consiglio di sicurezza lo scorso 8 novembre, che prevede una conferenza nazionale in Libia che verra' organizzata nelle prime settimane del 2019 e l'inizio del successivo processo elettorale nella primavera del 2019. "Esortiamo tutti i libici a lavorare in modo costruttivo con Salame' verso gli obiettivi di un processo costituzionale inclusivo ed elezioni credibili, pacifiche e ben organizzate. Gli Stati Uniti si impegnano a garantire che tutti coloro che minano la pace, la sicurezza e la stabilita' della Libia siano ritenuti responsabili", si legge nella nota.

La conferenza di Palermo ha sottolineato che il raggiungimento di tali progressi richiedera' un'attenzione costante agli aspetti economici e di sicurezza del conflitto e in merito gli Stati Uniti sono incoraggiati dall'impegno del governo di accordo nazionale "ad accelerare l'attuazione di ampie riforme monetarie e di sussidi, di cui la Libia ha urgentemente bisogno per stabilizzare la sua economia".

Secondo Washington, altrettanto cruciale e' la promozione di una maggiore trasparenza delle istituzioni economiche libiche, compresa la Banca centrale della Libia. Infatti "queste riforme sosterranno il dialogo tanto necessario tra i libici sul rafforzamento della trasparenza fiscale e sulla promozione di una distribuzione piu' equa delle risorse petrolifere del paese". Nella nota gli Stati Uniti si dicono "pronti a sostenere questo dialogo economico, su richiesta della Libia e in stretto coordinamento con la Missione di sostegno delle Nazioni Unite per la Libia (Unsmil), la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale. 

Nel comunicato stampa il dipartimento di Stato Usa ha inoltre sottolineato l'appoggio al ruolo di Salame' e alla cooperazione tra Unsmil e il governo di accordo nazionale nel garantire accordi durevoli per mantenere la sicurezza nella capitale libica Tripoli. "Accogliamo con favore le misure importanti prese dal primo ministro Fayez al Sarraj per iniziare a istituire forze di sicurezza nazionali capaci e sotto il controllo dell'autorita' civile".

Inoltre, nella nota il dipartimento di Stato, ha osservato che "gli Stati Uniti sono orgogliosi di essere al fianco di tutti i libici che sono pronti a cogliere questa occasione critica per far progredire il loro paese verso un futuro migliore per tutti i suoi cittadini". Infine, gli Stati Uniti estendono il loro profondo apprezzamento al governo italiano per la sua leadership nell'ospitare "questo importante evento".

Sostegno pressoche' unanime al nuovo piano di azione delle Nazioni Unite e mantenimento dello status quo fino alla primavera del 2019, quando saranno i libici a decidere del loro destino attraverso le elezioni dopo una conferenza nazionale da tenere in territorio libico. Sono questi i principali risultati che emergono dalla Conferenza di Palermo "per" e "con" la Libia fortemente voluta dall'Italia.

Il risultato politico forse piu' rilevante di Palermo e' stato portare allo stesso tavolo il generale libico Khalifa Haftar e il presidente del Consiglio presidenziale, Fayez al Sarraj, ma non da soli, bensi' insieme agli "stakholder" piu' impegnati nella crisi libica. Certo, alla riunione non hanno preso parte Turchia e Qatar, paesi che hanno una profonda influenza sulle dinamiche libiche legate ai Fratelli musulmani a Tripoli e Misurata.

Eppure la sensazione che filtra dalle fonti diplomatiche e' quella di uno "storico passo avanti" nel percorso di stabilizzazione della Libia. "Non e' utile cambiare il cavallo finche' non si e' attraversato il fiume", avrebbe detto Haftar a Sarraj. "E' una frase che ha un profondo valore politico: Haftar sta dicendo a Sarraj che non c'e' bisogno di cambiare il presidente prima di raggiungere l'obiettivo, ovvero le elezioni", precisano le fonti diplomatiche. 

Il nuovo piano di Salame' prevede anzitutto elezioni presidenziali nella primavera del 2019, dopo una Conferenza nazionale inclusiva "guidata dai libici" da tenersi "sul suolo libico" per definire "un chiaro cammino che permetta di uscire dall'attuale impasse". Un percorso che ricalca a grandi linee la strada indicata dal diplomatico libanese nel settembre del 2017, ma che prende atto di fatto del "fallimento" della Camera dei rappresentati di Tobruk, il parlamento che si riunisce nell'est del paese, nel garantire una cornice costituzionale alle elezioni che avrebbero dovuto tenersi il 10 dicembre, data utile emersa dalla Conferenza sulla Libia organizzata a Parigi lo scorso maggio. Il nuovo piano di azione di Salame' ha potuto dunque beneficiare subito di una "finestra di opportunita'" offerta dalla Conferenza di Palermo. Secondo il diplomatico dell'Onu, infatti, l'evento in Sicilia e' arrivato al momento giusto per fornire "supporto tangibile" al primo pilastro per costruire la stabilita' nel paese: la sicurezza.

La Conferenza organizzata dal governo italiano che ha visto in tal senso l'impegno presonale del Premier Conte, ha infatti generato un'occasione per gli Stati membri di offrire sostegno concreto nell'addestramento di forze di sicurezza professionali, affinche' i libici siano aiutati a voltare pagina rispetto alla loro dipendenza dai gruppi armati per la propria protezione. Il riferimento e' alle milizie protagoniste lo scorso settembre di violenti scontri a Tripoli, costati la vita a oltre 120 persone (inclusi 34 tra donne e bambini), e con cui l'inviato Onu ha negoziato un accordo di cessate il fuoco, seguito da un piano globale per la sicurezza di Tripoli.

Un'intesa basata su principi chiari e bilanciati per fare in modo che i gruppi armati che operano nella citta' smettano di intimidire o controllare le istituzioni e che, a lungo termine, Tripoli sia protetta da forze di polizia regolari e disciplinate. Il successo nella capitale appare cruciale non solo perche' ospita gran parte delle istituzioni governative e il 30 per cento della popolazione libica, ma anche perche' quello che funziona a Tripoli puo' essere un modello da replicare in altre citta' del paese. 

Da Palermo sono usciti risultati "pratici" anche sul piano dell'economia, secondo pilastro della stabilita' libica indicato da Salame'. L'obiettivo e' quello della creazione di un sistema di redistribuzione della ricchezza nazionale per dell'intera popolazione di sei milioni di libici.

Parlando alle Nazioni Unite lo scorso 8 novembre, il diplomatico libanese aveva chiarito come il conflitto libico sia in gran parte uno scontro per il controllo delle risorse dello Stato e che "fino a quando questo non sara' risolto, non ci sara' stabilita'". Salame' aveva spiegato come la Libia sia "un paese ricco" grazie a una produzione petrolifera che ha raggiunto "1,3 milioni di barili al giorno", con profitti per oltre 13 miliardi di dollari nella prima meta' dell'anno. Eppure "i libici sono sempre piu' poveri mentre i criminali che ricorrono alla violenza e al clientelismo rubano miliardi dalle casse nazionali". 

Il terzo e ultimo pilastro indicato da Salame' e' politico. A tal riguardo, l'inviato Onu ha accolto con favore il rimpasto di governo avvenuto il 7 ottobre a Tripoli, suggerendo nuovi cambiamenti in arrivo: "Le Nazioni Unite sosterranno ulteriori nomine che contribuiranno a fornire meglio servizi e sicurezza al popolo libico. L'attenzione di Unsmil rimane sulle politiche, non sui politici. Sul miglioramento delle istituzioni, non sulla promozione delle persone", aveva spiegato ancora Salame'. La nomina piu' importante decisa lo scorso 7 ottobre riguarda il ministero dell'Interno affidato a Fathi Bashagha, esponente di primo piano della citta'-Stato di Misurata.

Questa settimana, inoltre e' stata ufficializza la nomina da parte del governo di accordo nazionale libico di Abdullah al Dersi come nuovo capo dell'intelligence. Originario della Libia orientale, il nuovo responsabile dei servizi segreti libici era stato proposto per l'incarico nel 2015 dalla Camera dei rappresentanti di Tobruk ed ha lavorato al ministero dell'Interno del governo "transitorio" non riconosciuto con sede a Bengasi. Dopo la sua nomina, Al Dersi ha dichiarato ad una emittente televisiva locale che lavorera' per unificare l'apparato di intelligence libico, una dichiarazione che suona come una prova di riconciliazione (o forse sarebbe meglio dire coesistenza) tra est e ovest.

Redazione Milano


SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SONDAGGIO PORTA A PORTA: LEGA IN CRESCITA E AMPIAMENTE PRIMO PARTITO, CENTRODESTRA DI GRAN LUNGA PRIMA FORZA IN ITALIA

SONDAGGIO PORTA A PORTA: LEGA IN CRESCITA E AMPIAMENTE PRIMO PARTITO, CENTRODESTRA DI GRAN LUNGA

venerdì 22 gennaio 2021
Tre ipotesi sul tavolo e in tutti tre i casi il centrodestra sarebbe in vantaggio. E' quanto testato nel sondaggio di Alessandra Ghisleri di Euromedia Research per 'Porta a porta' su tre scenari di
Continua
 
INCHIESTA / SEGRETATI DALLA UE CONTRATTI D'ACQUISTO DEI VACCINI E NIENTE CLAUSOLE DI RESPONSABILITA' LEGALE PER I DANNI

INCHIESTA / SEGRETATI DALLA UE CONTRATTI D'ACQUISTO DEI VACCINI E NIENTE CLAUSOLE DI

martedì 19 gennaio 2021
Il mistero sui vaccini, o meglio, sul loro prezzo, sui contratti firmati dalla Ue per acquistarli, sulla responsabilità legale in caso di effetti collaterali avversi, anzichè
Continua
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE
Continua

 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

LA LOMBARDIA DEVE STARE IN ZONA ARANCIONE, I DATI LO DIMOSTRANO

22 gennaio - ''La Lombardia deve essere collocata in zona arancione. Lo evidenziano i
Continua

SALA PARAGONA LA THUNBERG AD ANNE FRANK DEPORTATA AD AUSCHWITZ, NON

22 gennaio - ''Paragonare Greta Thunberg ad Anne Frank e' un oltraggio alla memoria.
Continua

FDI: COME, I 5S NON VOGLIONO CESA MA SI TENGONO ZINGARETTI, ANCHE

22 gennaio - ''Il ragionamento del Movimento 5 Stelle sia simmetrico: se non si
Continua

131.090 PERSONE HANNO PRESO IL COVID SUL POSTO DI LAVORO (LO SCRIVE

22 gennaio - Le infezioni da nuovo Coronavirus di origine professionale denunciate
Continua

CIAMPOLILLO, LA TRAGEDIA DI UN SENATORE RIDICOLO

20 gennaio - ''Altro che Conte ter, benvenuti nel governo Ciampolillo I. Ammesso al
Continua

LA RUSSIA CHIEDE ALLA UE LA REGISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI COVID

20 gennaio - MOSCA - Il Fondo russo per gli investimenti diretti (Rdif) ha presentato
Continua

E' UFFICIALE: L'EUROZONA E' IN DEFLAZIONE, LE NAZIONI UE SENZA EURO

20 gennaio - A dicembre 2020, il tasso di inflazione annuo dell'eurozona si e'
Continua

CONFCOMMERCIO: PIL GENNAIO 2021 -0,8% E -10,7% DA GENNAIO 2020

19 gennaio - Confcommercio stima per gennaio un calo congiunturale del Pil, al netto
Continua

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua

VERTICE DEL CENTRODESTRA ALLA CAMERA

18 gennaio - E' in corso a Montecitorio, il vertice del centrodestra per fare il
Continua

MATTEO SALVINI: ''CREDONO DI RISOLVERE QUESTA CRISI AFFIDANDOSI A

18 gennaio - Matteo Salvini: ''Renzi l'ha fatto nascere questo governo e adesso dopo
Continua

NEL 2020 ITALIA IN DEFLAZIONE E' LA TERZA VOLTA DAL 1954 (ALTRE DUE

18 gennaio - ''Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d'anno (-0,2%)
Continua

TOTI: SE INVECE DEL CSX FOSSE STATO IL CDX A COMPORTARSI COSI' COME

18 gennaio - ''Vorrei capire cosa sarebbe successo se il centrodestra avesse dato
Continua

ARRIVA SAVIANO E PIERLUIGI BATTISTA LASCIA IL CORRIERE DELLA SERA

18 gennaio - ''Qui cane Enzo sta cercando le parole per dirci che si, dal 31 gennaio
Continua

SALVINI: SE CONTE NON HA IN NUMERI, DUE STRADE: VOTO O GOVERNO DI

18 gennaio - ''Oggi il problema per molte famiglie e' la salute con i vaccini che
Continua

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua
Precedenti »