Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FIAMME GIALLE HANNO ARRESTATO SINDACO, VICE SINDACO E DUE ASSESSORI (PIU' ALTRI 11): CORRUZIONE, PECULATO E MOLTO ALTRO

lunedì 5 novembre 2018

Il sindaco di Fuscaldo, centro dell'Alto Tirreno cosentino, Gianfranco Ramundo, è stato arrestato dai finanzieri del Comando provinciale di Cosenza nell'ambito di un'operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Paola, insieme ad altri componenti dell'amministrazione comunale. Oltre 100 militari sono impegnati, dalle prime ore dell'alba, nell'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare personale e decreto di sequestro preventivo, emessi dal gip presso il Tribunale di Paola, Maria Grazia Elia, su richiesta del procuratore capo della Repubblica, Pierpaolo Bruni, e dei sostituti Antonio Lepre e Teresa Valeria Grieco, nei confronti di 14 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di corruzione, tentata concussione, indebita induzione a dare o a promettere, peculato, turbative di gare pubbliche e di procedimenti di scelta dei contraenti della pubblica amministrazione e falso ideologico

Il provvedimento cautelare è stato emesso nei confronti di 14 persone, fra le quali il sindaco, il vice sindaco-assessore, e un altro assessore del Comune di Fuscaldo, nonché un funzionario pubblico, imprenditori, un professionista e altri soggetti, a seguito delle indagini effettuate dalla Compagnia Guardia di finanza di Paola, sotto la direzione del procuratore Pierpaolo Bruni, aventi ad oggetto la gestione di molti appalti pubblici ed affidamenti diretti sia del Comune di Fuscaldo che del Comune di Cosenza, afferenti lavori, servizi e forniture di valore complessivo pari ad oltre euro 7,5 milioni. Elemento di collegamento fra i due enti locali cosentini: la figura del funzionario Fernandez, dipendente a tempo indeterminato presso il Comune di Cosenza e autorizzato ad esercitare part-time le funzioni di responsabile di settore anche presso il Comune di Fuscaldo. Le investigazioni di polizia giudiziaria hanno consentito di accertare l'esistenza di un "collaudato sistema corruttivo e di collusioni nella gestione della cosa pubblica", radicato presso gli anzidetti enti locali ed alimentato da abituali condotte illecite poste in essere da pubblici ufficiali ed imprenditori, ai danni dei citati Comuni. 

Le molteplici turbative delle gare e dei procedimenti di scelta dei contraenti della pubblica amministrazione sono state scoperte all'esito di articolate e complesse indagini, sviluppate mediante specifiche attività tecniche, analisi di una enorme mole di documentazione cartacea ed informatica acquisita all'esito di perquisizioni e sequestri (aventi ad oggetto anche 26 supporti informatici: tra personal computer, tablet e telefoni cellulari), assunzione di dichiarazioni testimoniali, indagini finanziarie ed accertamenti patrimoniali.

Per ciascuna gara pubblica e di procedimento di scelta del contraente, i finanzieri hanno ricostruito gli accordi clandestini e le collusioni fra i soggetti pubblici e privati, nonché i mezzi fraudolenti utilizzati per assegnare illecitamente i lavori ed i servizi da parte dei Comuni, in violazione alle norme contenute nel Codice degli appalti ed altre che regolamentano l'esercizio della funzione pubblica.

In diversi casi, le indagini hanno documentato che gli atti contrari ai doveri d'ufficio ovvero le omissioni di atti dovuti da parte di pubblici ufficiali venivano retribuiti, in termini di contropartita ed in virtù di accordi corruttivi o per effetto delle condotte di indebita induzione, da promesse illecite di utilità – consistite in "incarichi professionali, assunzioni di lavoratori ed utilizzo gratuito di struttura alberghiera" – ovvero dazioni di utilità – rappresentate da "trasferimenti di sede di lavoro di pubblici dipendenti" – ed altri "doni".

Sono stati ricostruiti i rapporti interpersonali fra i pubblici ufficiali, gli imprenditori e gli altri soggetti coinvolti, i quali hanno contrassegnato una "funzione pubblica spogliata della sua reale natura", finalizzata cioè al "perseguimento dell'interesse pubblico e del bene comune", ma piegata strumentalmente per il "mero raggiungimento di interessi privati". In molte occasioni, la commistione fra gli "interessi pubblici" e gli "interessi privati" ha determinato la creazione di una vera e propria "confusione fra ruoli" tra il pubblico ufficiale, l'imprenditore e viceversa.

Le principali gare pubbliche oggetto di indagine sono le seguenti: affidamento diretto della gestione del depuratore comunale di Fuscaldo: valore complessivo oltre un milione di euro; aggiudicazione dei lavori di ripristino del Lungomare di Fuscaldo: valore complessivo dell'appalto di 236mila euro; gestione della raccolta, trasporto e conferimento in discarica dei rifiuti – differenziata ed assimilata – servizio di igiene urbana presso il Comune di Fuscaldo: valore complessivo dell'appalto 4 milioni; affidamento diretto del servizio di pulizia spiagge del Comune di Fuscaldo: valore complessivo 16.550 euro; conferimento da parte del Comune di Fuscaldo di un incarico professionale; assegnazione delle concessione demaniali, in relazione al piano spiaggia del Comune; rifacimento di un manto stradale pubblico nella città di Fuscaldo a spese di un imprenditore (quindi non dovuto), già affidatario di commesse; installazione di un dehors (insieme degli elementi mobili per la ristorazione, posti sul suolo pubblico o asservito all'uso pubblico); lavori di completamento della chiesa San Domenico di Cosenza: valore complessivo un milione e 920mila euro; lavori aggiuntivi per il miglioramento dell'efficienza energetica del Teatro Rendano di Cosenza": valore complessivo 90mila; acquisto da parte del Comune di Cosenza di un personal computer di ultima generazione, del quale se ne appropriava un pubblico ufficiale: valore 1.337 euro. 

Disposto il sequestro di beni nei confronti di alcuni indagati e società, per un valore complessivo di 215mila euro. A due società, inoltre, è stata applicata la misura cautelare interdittiva del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione, per la durata di un anno. Complessivamente 20 le persone indagate. L'indagine di polizia giudiziaria si inserisce nell'ambito della proficua azione di lotta alla corruzione ed alle illegittime e/o indebite accumulazioni patrimoniali, nonché a tutela del buon andamento della pubblica amministrazione, dei cittadini, degli imprenditori e dei professionisti onesti e della sana competizione, nel pieno rispetto dei principi di libertà economica e concorrenza tra imprese e professionisti, sinergicamente effettuata dalla Procura di Paola e dalla Compagnia Guardia di finanza di Paola. 

Redazione Milano

 


FIAMME GIALLE HANNO ARRESTATO SINDACO, VICE SINDACO E DUE ASSESSORI (PIU' ALTRI 11): CORRUZIONE, PECULATO E MOLTO ALTRO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE DIVIETO''

ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE

giovedì 18 luglio 2019
Le navi confiscate perché entrate in acque territoriali italiane a fronte di un divieto di ingresso delle autorità potranno essere vendute. Lo prevede una riformulazione di vari
Continua
 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E L'ONORE DELL'ITALIA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E

martedì 16 luglio 2019
BERLINO - Fa una certa impressione, se si pensa che oggi campeggiava sulla prima pagina del principale quotidiano tedesco. "Con le sue politiche, il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini,
Continua
SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI MUSULMANI ALGERINI

SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI

lunedì 15 luglio 2019
LONDRA - Per capire il perche' la societa' multirazziale provoca solo danni basta guardare cosa succede in Francia dove immigrati musulmani di seconda e terza generazione trovano sempre delle scuse
Continua
 
INCHIESTA /  ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2 MILIARDI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2

lunedì 15 luglio 2019
Una strana cortina pare scesa sull’unione europea: provate a digitare sui motori di ricerca “sprechi ue”, “sprechi dell’unione europea”, “inchiesta sugli
Continua
MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI (LETTERA FIRMATA)

MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI

sabato 13 luglio 2019
 "Apprendo con stupore dagli organi di stampa che questo incontro avrebbe indotto una Procura del Repubblica ad avviare una inchiesta per reati come corruzione internazionale o finanziamento
Continua
 
CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE

CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA

mercoledì 10 luglio 2019
Cosa ci facevano quattro missili anticarro Javelin "made in Usa" acquistati dalla Francia nel 2010 nel Comando del generale Khalifa Haftar a sud di Tripoli? E' questa la domanda che emerge dopo lo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TEMPESTA DI VENTO E PIOGGIA DEL 30 OTTOBRE HA ABBATTUTO IN UN GIORNO GLI ALBERI CHE SAREBBERO STATI TAGLIATI IN UN ANNO

TEMPESTA DI VENTO E PIOGGIA DEL 30 OTTOBRE HA ABBATTUTO IN UN GIORNO GLI ALBERI CHE SAREBBERO STATI
Continua

 
CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI GRAVISSIMI ALLE PMI. BASTA!

CONFINDUSTRIA ATTACCA LE SANZIONI UE ALLA RUSSIA: 4 MILIARDI DI EURO DI MANCATO EXPORT DANNI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!