Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

ARRESTATI A BARI QUATTRO AFRICANI - RICERCATO UN QUINTO - PER AVERE STUPRATO UNA RAGAZZA DENTRO IL CENTRO ''ACCOGLIENZA''

mercoledì 31 ottobre 2018

BARI - Un altro orrendo stupro di gruppo compiuto da un gruppo - cinque! - di nigeriani. Nel pomeriggio di ieri, agenti della Squadra Mobile della Questura di Bari hanno arrestato, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale del capoluogo pugliese, su richiesta della Procura della Repubblica, cinque cittadini nigeriani ritenuti responsabili, in concorso, di violenza privata e violenza sessuale di gruppo. Si tratta di giovani tra i 21 ed i 37 anni, alcuni dei quali con precedenti di polizia ed in posizione irregolare nel territorio dello Stato (uno di essi, in particolare, già detenuto in carcere per omicidio di un cittadino nigeriano avvenuto l'8 maggio 2017).

Secondo quanto accertato dalle indagini,  "nei primi giorni del maggio 2017 i cinque hanno fatto irruzione all'interno di un modulo abitativo del Centro Accoglienza richiedenti asilo (Cara) di Bari-Palese e, facendo leva sulla forza intimidatrice derivante dalla comune appartenenza ad uno specifico gruppo etnico, hanno dapprima bloccato una ragazza nigeriana, O.F. di 24 anni, e subito l'hanno poi, sotto la minaccia di un'arma da taglio, violentata".

Quando la vittima ha avuto il coraggio di denunciare l'episodio, dopo diversi mesi, era molto impaurita, visto il clima di omertà all'interno della comunità nigeriana del capoluogo e il clima di continua intimidazione e violenza dentro il Cara di Bari, ed anche la paura per ulteriori azioni violente ai suoi danni, ma le attenzioni della Squadra Mobile  di Bari e le cure dell'Associazione di protezione che l'ha presa in carico l'hanno rasserenata e l'hanno convinta a riferire i terribili fatti.

La ragazza ha raccontato di essere approdata sulle coste italiane agli inizi del 2017, sul solito barcone salpato dalla Libia come avveniva durante il governo Pd. Arrivata in Italia, quindi, sarebbe stata minacciata da non meglio indicati connazionali che le avrebbero ordinato di prostituirsi per ripagare interamente il debito contratto per il viaggio, una somma pari a circa 20.000 euro.

Trascorso qualche giorno, era però riuscita a scampare alle grinfie dei suoi sfruttatori ed a raggiungere il Cara di Bari-Palese. Qui, fin da subito, è stata oggetto di attenzioni sessuali da parte di un suo connazionale, 'Egbon', che l'ha importunata diverse volte. La ragazza si è opposta in più occasioni fino a quando, una sera, è stata minacciata di morte dall'uomo, armato di coltello a scatto. Quindi è stata poi attorniata dal branco, colpita da tutti ripetutamente con schiaffi e pugni al volto, e trascinata in una stanza. A quel punto Egbon ha consumato il rapporto sessuale con la donna, mentre gli altri impedivano l'accesso alla camera ad estranei. Successivamente ha continuato a picchiarla brutalmente.

Vani sono stati i tentativi della donna di chiedere aiuto, nel Cara di Bari nessuno è intervenuto in suo soccorso. Le indagini avviate dalla Sezione Contrasto al Crimine Extracomunitario e Prostituzione, per altro confortate da una precedente attività investigativa portata avanti per fare luce sui fenomeni delittuosi perpetrati da gang nigeriane in tema di furti, rapine, estorsioni ed intimidazioni sia all'interno che all'esterno del Cara, hanno permesso di individuare, anche grazie ad alcune fondamentali testimonianze, tutti i responsabili delle gravi violenze ai danni della vittima acquisendo così elementi che hanno consentito alla Procura della Repubblica di Bari di richiedere ed ottenere dal Giudice delle Indagini Preliminari la misura cautelare in carcere.

Quattro degli uomini colpiti dalla misura cautelare sono stati arrestati nel capoluogo e nella provincia barese e portati nel carcere di Bari, mentre un quinto è ricercato. 

"Da anni denunciamo gli innumerevoli episodi di violenza commessi all'interno del Cara, dove nonostante abbiano una accoglienza e dei servizi piu' che dignitosi, gli immigrati che li' sono ospitati si macchiano dei reati piu' odiosi e violenti: risse, stupri, talvolta omicidi". Lo ha dichiarato, appresa la notizia degli arresti, l'onorevole della Lega Rossano Sasso che aggiunge: "Nelle ultime settimane grazie alle politiche attuate da Matteo Salvini, gli sbarchi sono diminuiti notevolmente e di conseguenza numerosi centri di accoglienza straordinaria sono stati chiusi anche in provincia di Bari per mancanza di immigrati".

"L'obiettivo - ricorda Sasso - e' di ridurre al minimo le presenze anche nel Cara, accogliendo solo i veri profughi e grazie al Decreto Sicurezza, negare qualsiasi riconoscimento ai delinquenti, rispedendoli definitivamente a casa loro".

Per la deputata della Lega Anna Rita Tateo "ancora una volta una donna e' vittima della violenza, violenza di un gruppo di nigeriani che hanno pensato bene di stuprare in gruppo una loro connazionale. Magari alcuni di loro, mentre attendevano il riconoscimento dello status di rifugiato, hanno pure partecipato a qualche assemblea delle femministe o dei centri sociali di Bari. Oggi noi paghiamo il prezzo di anni di scellerate politiche di accoglienza, nei confronti di chi diceva di fuggire dalla guerra ma la guerra ce l'ha portata a casa nostra. Passo dopo passo anche a Bari - sottolinea - stiamo ponendo rimedio ai danni creati dal Pd, con buona pace di buonisti e sinistri vari che anche questa volta resteranno in silenzio e non diranno una parola nei confronti della povera ragazza vittima di violenza sessuale, solo perche' a stuprare sono stati degli immigrati". 

Redazione Milano

 

 


ARRESTATI A BARI QUATTRO AFRICANI - RICERCATO UN QUINTO - PER AVERE STUPRATO UNA RAGAZZA DENTRO IL CENTRO ''ACCOGLIENZA''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CARA   BARI   ACCOGLIENZA   AFRICANI   STUPRO   GRUPPO   RAGAZZA   BARCONI   POLIZIA   ARRESTI   SQUADRA   MOBILE   PROCURA   REPUBBLICA   VIOLENZA   CARNALE   GRUPPO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

MATTEO SALVINI INCONTRA LUCA ZAIA: ''SULL'AUTONOMIA INDIETRO NON SI TORNA''. L'ARGOMENTO ARRIVA AL

giovedì 20 giugno 2019
"Incontro di lavoro al Ministero con l'amico Luca Zaia: lavoro, infrastrutture, autonomia, sviluppo, Olimpiadi, futuro. Indietro non si torna!". Lo scrive sui social il vicepremier e ministro
Continua
 
REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA LOTTA ALLA CORRUZIONE

REGIONE LOMBARDIA APPROVA E RENDE SUBITO ESECUTIVO IL NUOVO ''PATTO DI INTEGRITA''' DECISIVO PER LA

giovedì 20 giugno 2019
MILANO - Lealta', trasparenza e correttezza, oltre all'impegno a non offrire, accettare o chiedere somme di denaro o altre ricompense, vantaggi e benefici. Sono gli impegni che devono assumersi i
Continua
CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI PANORAMA)

CLAUDIO BORGHI SPIEGA TUTTO SUI MINIBOT E SMONTA UNA PER UNA LE CRITICHE E LE ACCUSE (INTERVISTA DI

mercoledì 19 giugno 2019
L'onorevole leghista e presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi, spiega in una intervista a "Panorama" la 'guerra dei Minibot'. "Il mio primo video sui Minibot e' del 2012.
Continua
 
LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

LA VERITA' INTERVISTA IL VICE PREMIER DI MAIO: ''LO SCANDALO CSM E' LA P2 DEL PD''

martedì 18 giugno 2019
Il ministro del Lavoro, nonche' vicepremier e capo politico del M5S, Luigi Di Maio, in una intervista a "La Verita'" parla di 'toghe sporche'. "Sconcertante. Sto leggendo come tutti le
Continua
ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI CREARE UNA BAD BANK

ALLARME ROSSO: DEUTSCHE BANK HA UN ''PROBLEMA SERIO'' DA 50 MILIARDI DI EURO DI DERIVATI E TENTA DI

lunedì 17 giugno 2019
Se una notizia del genere avesse riguardato una banca italiana, dalla Bce sarebbe arrivato un allarme rosso con commissariamento dell'istituto di credito, ma trattandosi di una banca tedesca, la Bce
Continua
 
INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA  PORTOGALLO (ECCO I DATI)

INCHIESTA / MALAFEDE DELLA COMMISSIONE UE: ATTACCA L'ITALIA E TACE SU GERMANIA FRANCIA SPAGNA

lunedì 17 giugno 2019
L’ormai rantolante commissione ue capitanata da mister “gin” Claude Junker (a proposito, c’è ancora qualche sinistrino che crede davvero che il lussemburghese non abbia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI VERTICI DELLA SOCIETA'

PULLMAN CADDE DAL VIADOTTO DELLA A16 DI AUTOSTRADE PER L'ITALIA: CHIESTI 10 ANNI PER GLI ATTUALI
Continua

 
POLIZIA STRONCA PERICOLOSISSIMA COSCA MAFIOSA NIGERIANA FORMATA DA TUTTI ''RICHIEDENTI ASILO'': 21 ARRESTI 6 RICERCATI

POLIZIA STRONCA PERICOLOSISSIMA COSCA MAFIOSA NIGERIANA FORMATA DA TUTTI ''RICHIEDENTI ASILO'': 21
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!