Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

martedì 2 ottobre 2018

"Ha violato la legge con una allarmante naturalezza". Così si è espresso il procuratore di Locri, Luigi D'Alessio, parlando del sindaco di Riace, Domenico Lucano, finito agli arresti domiciliari con le accuse di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti.

L'operazione della guardia di finanza, ribattezzata 'Xenia', coinvolge 31 persone, tra cui la compagna del primo cittadino. A chi gli chiede cosa emerga dalle indagini, il procuratore risponde:  "Una serie di illeciti e una visione assolutamente personalistica dell'organizzazione dell'accoglienza, fatta senza alcuna considerazione delle regole previste e in barba alle norme di legge. Vi è stata una allarmante naturalezza da parte del sindaco Lucano e della sua compagna nel trasgredire le norme, civili, amministrative e penali. Un esempio? Simulando matrimoni e falsificando carte di identità, il tutto finalizzato a fare entrare illecitamente migranti in Italia. Il fine non può giustificare i mezzi: il fine può essere condivisibile, ma se tutti facessero così..." 

L'arresto del sindaco di Riace ha infiammato la politica, in Italia, ma il procuratore tiene a precisare: "Io comprendo tutti quelli che hanno avallato l'idea del 'sistema Riace'. Molti, come padre Alex Zanotelli, sono persone di animo nobile. Non potevano sapere le modalità con cui il sindaco Lucano espletasse questa accoglienza. Comprendo meno quando, all'esito delle indagini, si parla di un atteggiamento fascistoide della procura. E' un giudizio superficiale, a meno che non si condivida l'idea che il fine giustifichi i mezzi: questo un atteggiamento fascistoide. Noi abbiamo un obbligo: perquisire chi viola la legge, anche quando ci può dispiacere".

La procura, viene fatto notare al magistrato di Locri, aveva chiesto altri 14 arresti domiciliari, ma il gip non li ha concessi. "Non condivido le conclusioni del gip, che ha accolto solo parzialmente le nostre richieste tenendo fuori quelle più gravi. La nostra richiesta era molto più articolata, composta da circa mille pagine. Per la sua ordinanza il gip ne ha estratte meno di 150. Stiamo preparando il riesame, chiederemo la valutazione del tribunale".

Quanto alla 'ndrangheta, che in Calabria ha solide basi criminali, per il Procuratore D'Alessio non è vero affatto che sia stata danneggiata dal sistema Riace del sindaco: "Non penso che possa essere di contrasto. Indubbiamente Lucano è riuscito a dare un'opportunità diversa. Se l'avesse perseguita per fini sociali si poteva fare di meglio. Sul discorso del contrasto e della estraneità della mafia, sinceramente, non posso che essere prudente. Siamo ancora in una fase in cui non è emerso nulla, né in un modo né nell'altro. Se quello di Lucano fosse stato un contrasto fastidioso per la criminalità organizzata di stampo mafioso non credo che sarebbe riuscito a portarlo avanti, che glielo avrebbero fatto fare".

Quanto alla fiction Rai su Riace 'Tutto il mondo è paese', che vede protagonista Beppe Fiorello e che doveva andare in onda lo scorso febbraio ma è rimasta bloccata negli archivi di viale Mazzini, ed è stato bloccato nella messa in onda, il magistrato ha detto:  "Non sono il direttore della Rai. Lo hanno congelato per prudenza perché c'era in corso un'indagine. Lucano spingeva molto perché il film uscisse. Per visibilità mediatica? Presumo". 

E per ultima, la domanda della domande: l'arresto del sindaco di Riace aiuterà la politica di Matteo Salvini? La risposta del procuratore della Repubblica di Locri, Luigi D'Alessio, è lapidaria:  "L'uso politico che può essere fatto della notizia non è compito mio, e nemmeno prevederlo. Non sta a me dettare la linea politica. Io porto avanti un discorso di legalità e di rispetto delle norme. A volte lo si fa anche con dispiacere, ad esempio quando ti rendi conto che progetti come quello di Riace rischiano di sprofondare. Ma non posso dire altro. Posso augurarmi che il progetto venga portato avanti nella legalità, se possibile". 

Esatto, giudice. 

Redazione Milano


CARTE DI IDENTITA' FALSIFICATE MATRIMONI SIMULATI: COSI' IL SINDACO DI RIACE HA FAVORITO L'IMMIGRAZIONE CLANDESTINA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
 
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua
 
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI SU 10 NE HANNO PAURA

SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI

mercoledì 13 febbraio 2019
La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa - per altro commerciale - degli innamorati. Tre italiani su dieci, infatti, hanno paura di
Continua
 
SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE PROBABILMENTE IN GIUGNO

SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE

martedì 12 febbraio 2019
BERLINO - La famosa "Europa" farebbe  bene a guardare cosa sta accadendo e soprattutto cosa accadrà a breve in Germania. C'e' chi parla di "preparativi per un divorzio". Altri la dicono
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA
Continua

 
SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI STUPEFACENTI NEL SUO PAESE

SPACCIATORI DI DROGA MAROCCHINI MINACCIANO DI MORTE IL SINDACO CHE COMBATTE LO SPACCIO DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!