Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

UN VECCHIO ARNESE DELLA SINISTRA MAGGIORDOMO DEI BANCHIERI E IL RAGIONIERE DELL'EURO MINACCIANO IL GOVERNO ITALIANO

venerdì 14 settembre 2018

'Conto che gli italiani in Europa facciano gli interessi dell'Italia come fanno tutti gli altri Paesi, aiutino e consiglino e non critichino e basta''. Così il vicepremier e ministro dell'interno Matteo Salvini sulle parole di Mario Draghi, capo della Bce a sua volta controllata dai tecnocrati della finanza della zona euro, il "braccio finanziario armato" delle oligarchie al potere nella Cmmissione Ue.

Tanto è vero questo, che Bce e Ue hanno minacciato ieri contemporaneamente con un avvertimento il governo italiano, con Draghi che "invita l'Italia" a non contare più sulla Bce per "finanziare il deficit" e dice di aspettare la manovra dopo tante dichiarazioni che "hanno fatto alcuni danni", perfetto esempio questo del capo della casta dei banchieri che vuol dettare ordini a governi democraticamente eletti credendo che l'Europa debba essere una bancocrazia e non un consesso di stati democratici nei quali solo chi è eletto ha diritto di governare in nome  e per conto del popolo, che è sovrano.

E assieme a Draghi ecco Pierre Moscovici, commissario Ue agli Affari economici, che definisce l'Italia "problema" per l'Eurozona, con parole sui "piccoli Mussolini" populisti in Europa. Moscovici esempio fulgido di ceh signfica essere di "sinistra" oggi: essere servo delle oligarchie finanziarie, il ciccisbeo delle elite Ue, che lo usano come meglio credono. Chi ha eletto Moscovici? Nessuno.

Chi rappresenta Moscovici? Un centinaio di banchieri .europei - alcuni dei quali veri e propri gangster finanziari responsabili di fame e miseria in alcuni stati dell'eurozona, a iniziare dalla Grecia - che vorrebbero essere "padroni dei popoli" e sono allarmatissimi perchè la "maledetta" democrazia ha permesso invece a questi popoli di esprimere i propri rappresentanti oggi totalmente differenti dai servi degli anni scorsi, come i Renzi, i Letta, i Gentiloni, davvero molto gentiloni con loro, la casta che si crede "regina d'europa".

Va da sè che queste minacce abbiano innescato una replica durissima dei vicepremier Luigi Di Maio  che ha dichirato "non si devono permettere") e Matteo Salvini, con la frase rivolta a Draghi riportata all'inizio.

D'altra parte, il vecchio arnese Moscovici e il crepuscolare ragionier Draghi hanno ben più una ragione, da loro punto di vista oligarchico, per fremere di paura e di rabbia. Tutto verte attorno al programma del governo italiano, che deve essere attuato, al quale la Commissione Ue e la Bce rispondono con un muro appunto di minacce e avvertimenti. Guai, se venisse dimostrato che "si può fare" l'interesse di un popolo e di una nazione senza essere servi delle elite della finanza e delle caste burocratiche di Bruxelles. Per entrambi questi centri di potere elitario, antidemocratico e in massima parte segreto, sarebbe la fine. Ecco, perchè Bruxelles e Francoforte rispondono con ira provando ad erigere un muro di contenimento. Ma sullo sfondo di pochi mesi da oggi c'è il voto alle europee e quindi si sta delineando una strategia: impedire che l'Italia, sul tema dei migranti e delle regole di bilancio, possa ergersi a campione della volontà democratica dei popoli di cambiare le cose in Europa, fatto "terribile" che spazzerebbe via l'establishment attuale.

Ma a costoro deve essere sfuggito che il senso della storia, che invece insegna come un popolo, quando è unito nel raggiungere un obbiettivo, è invincibile. E' in questa ottica di "punizione e vendetta" che emergono le sanzioni al governo ungherese di Viktor Orba'n. Ed è inevitabile che anche il ragionier Draghi sia in prima linea roteando la sciaboletta dello spread. Infatti, ieri ha "ricordato" che lo spread balzato oltre quota 300 ha fatto lievitare i tassi per famiglie e imprese (scordandosi opportunamente di dire che gli Usa vanno a gonfie vele, l'euro è depresso dalla solita maleodorante stagnazione economica dell'erozona e che la Brexit non ha affato danneggiato il Regno Unito, tutte solidissime ragioni per temere un autunno e un inverno molto ma molto freddi per le economie degli stati che digraziataemnte continuano ad usare l'euro) . E Draghi ieri ha "richiamato", come fosse un grande leader eletto dai cittadini, quando invece è un contabile con l'ufficio a Francoforte, il governo italiano alla parola data, "il primo ministro italiano, il ministro dell'Economia e il ministro degli Esteri hanno detto che l'Italia rispettera' le regole". Ed è vero, ma il rispetto va di pari passo col rispetto delle imprescindibili e gravissime necessità attali degli italiani. Da Draghi Infine arriva l'affondo: il governo italiano non conti su misure 'ad hoc' per i singoli Paesi. Il Qe, che peraltro e' al tramonto, e' servito per combattere la deflazione, "il mandato della Bce non e' assicurare che i deficit dei governi siano finanziati in qualsiasi condizione".

Questo è falso. La banca centrale di qualsiasi nazione occidentale con le proprie politiche vautarie deve - deve - difendere a aiutare gli stati, non porsi come un dittatore sopra gli stati.

A dar fuoco alle polveri in una giornata - quella di ieri - ad alta tensione, in mattinata, era stato Moscovici a Parigi. Dapprima elogiando il clima costruttivo "che spero' prevarra'" con il ministro dell'Economia Giovanni Tria. Da li' in poi, quello di Moscovici e' un crescendo di insulti e minacce: nell'Eurozona "c'e' un problema che e' l'Italia", che deve darsi "un bilancio credibile". La stoccata a Salvini e all'idea che ci siano i vincoli europei dietro il ritardo infrastrutturale che ha causato il crollo del ponte a Genova arriva quando Moscovici ricorda che rilanciare gli investimenti col deficit "e' una bugia".

Che è come dire che la catastrofe di Genova era inevitabile, dato che impedirla da parte dello stato italiano avrebbe prodotto deficit. 

E infine il commento sferzante di questo vecchio arnese di sinistra sul clima politico europeo, "non c'e' Hitler, forse dei piccoli Mussolini". E' al vetriolo la replica di Salvini: "si sciacqui la bocca prima di insultare l'Italia, gli Italiani e il loro legittimo governo". Di Maio non e' da meno: "l'atteggiamento da parte di alcuni commissari europei e' inaccettabile, veramente insopportabile. Dall'alto della loro Commissione europea si permettono di dire che in Italia coi sono tanti piccoli Mussolini, non si devono permettere!".

E con il commissario al Bilancio Ue Gunther Oettinger che invita l'Italia a non far salire ulteriormente il debito, la replica del ministro pentastellato e' che il veto italiano al bilancio Ue "per ora non cambia". Se l'Ue fissa la sua linea rossa, dal governo emerge la voglia di cavalcare lo scontro in vista delle europee: "Queste sono persone scollegate dalla realta': hanno di fronte uno dei governi con il piu' alto consenso in Europa che viene trattato cosi' dai commissari europei di una Commissione che probabilmente tra sei-otto mesi non ci saranno piu' perche' i cittadini alle prossime elezioni manderanno a casa una buona parte dell'establishment europeo".

Ed è vero.

Max Parisi


UN VECCHIO ARNESE DELLA SINISTRA MAGGIORDOMO DEI BANCHIERI E IL RAGIONIERE DELL'EURO MINACCIANO IL GOVERNO ITALIANO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E SMENTISCONO MOSCOVICI)

IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E

giovedì 13 dicembre 2018
"Continuiamo a sostenere con convinzione la nostra proposta. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini,
Continua
 
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua
 
CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014, EPICENTRO DELLA CRISI

CROLLATO L'INDICE DI FIDUCIA DEGLI IMPRENDITORI DELL'EUROZONA E' COME SE SI FOSSE TORNATI AL 2014,

martedì 11 dicembre 2018
LONDRA - L'indice della fiducia degli imprenditori dei paesi dell'Eurozona in questo mese di dicembre e' sceso al livello piu' basso da quattro anni: lo riportano diversi quotidiani britannici,
Continua
DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE  PRENDERE LA STRADA DEL FALLIMENTO''

DIE WELT: ''MACRON S'E' RIMPICCIOLITO IN UN RENZI ITALIANO. LA FRANCIA POTREBBE PRENDERE LA STRADA

martedì 11 dicembre 2018
BERLINO - Sic transit fortuna mundi, si potrebbe dire. Ma di sicuro Macron questa fucilata alle spalle non l'aveva prevista, sparata dal chi l'aveva sempre sostenuto, e cioè la Germania: "La
Continua
 
L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD APPOGGIARLO ALLE ELEZIONI''

L'ECONOMISTA FRANCESE JEAN PAUL FITOUSSI: ''EMMANUEL MACRON E' UN IMBECILLE. HO SBAGLIATO AD

lunedì 10 dicembre 2018
PARIGI - L'economista francese Jean-Paul Fitoussi, non fatica a trovare in una intervista a "Il Fatto Quotidiano" pubblicata oggi un aggettivo per definire il presidente Emmanuel Macron: "Imbecille".
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'
Continua

 
SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL  LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA CONCRETA FELICITA'

SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!