Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI CHIUNQUE SIA ISCRITTO

giovedì 22 marzo 2018

Mark Zuckerberg ha rotto il silenzio durato 6 giorni e finalmente ha detto la sua sul caso Cambridge-Analityca che ha travolto il social network, facendogli perdere sia oltre 40 miliardi di dollari a Wall Street in una settimana sia la fiducia degli utenti. Il danno reputazionale o d'immagine: questo e' l'incalcolabile danno che la piattaforma sta subendo in questi giorni.

Il Ceo di Facebook questa mattina ha rilasciato diverse interviste ai media internazionali: alla Cnn si e' scusato per la "perdita della fiducia" mentre al New York Times e al Wired ha ripetuto piu' o meno le stesse cose, con due elementi di novita'. Zuckerberg ha espresso la sua disponibilita' a testimoniare davanti al Congresso: "Non so se sono la persona giusta da ascoltare sulla vicenda, ma qualora fossi la piu' informata per testimoniare lo faro' felicemente". In piu', essendo alle strette e con le spalle al muro per via di questo grave affaire, alla domanda se e' giunto il momento di regolamentare Facebook con leggi ad hoc Mark Zuckerberg non ha potuto fare altro che prenderne atto: "Sono aperto a regolamenti, ma non so quale sia il migliore se l'Honest Ads Act o altri... ma penso che ottenere questo risultato sia fondamentale per Internet e le sue evoluzioni come l'intelligenza artificiale".

L'Honest Ads Act e' un disegno di legge del Senato degli Stati Uniti per promuovere la regolamentazione degli annunci pubblicitari delle campagne online da parte di societa' online come Facebook e Google. Prima delle interviste Zuckerberg si e' rifatto vivo (anche per far riprendere il titolo in Borsa) con lungo post pubblicato sulla sua pagina (in fondo all'articolo la traduzione integrale) in cui ha scritto: 'Ho creato Facebook nel 2007 e sono io il responsabile di quello che accade sulla nostra piattaforma. Abbiamo la responsabilita' di proteggere i vostri dati e, se non siamo in grado di farlo, non meritiamo di servirti'. 

Dopo questo mea culpa i passaggi chiave sono due: Cambridge Analytica afferma di aver gia' cancellato i dati dai suoi server e ha accettato un controllo legale da un'azienda da noi incaricata per constatarlo. Stiamo anche lavorando con i regolatori mentre indagano su cosa e' successo. Zuckerberg ha annunciato, era ora, controlli rigidi sugli sviluppatori di app che chiedono l'accesso ai dati delle persone: "rimuoveremo agli sviluppatori l'accesso ai tuoi dati se non utilizzi piu' l'app per 3 mesi. Quando effettui l'accesso, ridurremo i dati che fornisci a un'app: solo il tuo nome, la foto del profilo e l'indirizzo email. Richiediamo agli sviluppatori non solo di ottenere l'approvazione ma anche di firmare un contratto per chiedere a chiunque l'accesso ai loro post o altri dati privati".

Dunque mai piu' app che rubano i dati degli utenti Facebook? Per ora, sono solo parole.

Ed ecco cosa scrive il creatore di Facebook. "Voglio condividere un aggiornamento sulla situazione di Cambridge Analytica, compresi i passi che abbiamo gia' intrapreso e i nostri prossimi passi per affrontare questo importante problema. Abbiamo la responsabilita' di proteggere i tuoi dati e, se non possiamo, non meritiamo di servirti. Ho lavorato per capire esattamente cosa e' successo e come assicurarmi che cio' non accada di nuovo. La buona notizia e' che le azioni piu' importanti per impedire che cio' accada di nuovo oggi le abbiamo gia' messe in atto anni fa. Ma abbiamo anche commesso degli errori, c'e' ancora molto da fare e dobbiamo muoverci a farlo", scrive Zuckerberg. "Ecco una timeline di quello che e' successo nella vicenda Cambridge Analytica. Nel 2007, abbiamo lanciato la piattaforma Facebook con la visione che piu' app avrebbero dovuto essere piu' social. Il tuo calendario in grado di mostrare i compleanni dei tuoi amici, le tue mappe mostrare dove vivono i tuoi amici e la tua rubrica mostrare le loro foto. Per fare questo, abbiamo abilitato le persone ad accedere ad app (esterne a Facebook) e a condividere chi erano i loro amici e alcune informazioni su di loro. Nel 2013, un ricercatore dell'Universita' di Cambridge, Aleksandr Kogan, ha creato un'applicazione per il quiz sulla personalita'. E' stato installato da circa 300.000 persone che hanno condiviso i loro dati e alcuni dati dei loro amici. Il modo in cui la nostra piattaforma funzionava in quel momento, ha consentito a Kogan di accedere a decine di milioni di dati dei propri amici". 

"Nel 2014, per prevenire app sleali, abbiamo annunciato che stavamo cambiando l'intera piattaforma per limitare drasticamente l'accesso alle app che raccolgono i dati degli utenti. Soprattutto, app come quella di Kogan che non possono piu' chiedere dati sugli amici di una persona a meno che questi non autorizzino l'app a farlo. Abbiamo anche richiesto agli sviluppatori di ottenere prima la nostra autorizzazione per richiedere dati sensibili agli utenti. Oggi queste azioni impediscono a qualsiasi app come quella usata da Kogan di poter accedere a cosi' tanti dati oggi. Nel 2015, abbiamo appreso dai giornalisti del Guardian che Kogan aveva condiviso i dati della sua app con Cambridge Analytica. E' contrario alle nostre policy per gli sviluppatori condividere i dati senza il consenso delle persone, quindi abbiamo immediatamente bandito l'app di Kogan dalla nostra piattaforma e richiesto che Kogan e Cambridge Analytica certificassero formalmente di aver cancellato tutti i dati acquisiti in modo improprio. Hanno fornito le certificazioni richieste. La scorsa settimana, abbiamo appreso dal 'Guardian', dal 'New York Times' e da 'Channel4' (ha mandato in onda un'inchieste televisiva sul caso) che Cambridge Analytica potrebbe non aver cancellato i dati come aveva certificato. Abbiamo immediatamente vietato loro l'utilizzo di qualsiasi dei nostri servizi - scrive ancora Zuckerberg -. Cambridge Analytica afferma di aver gia' cancellato i dati e ha accettato un controllo legale da un'azienda da noi incaricata per constatarlo. Stiamo anche lavorando con i regolatori mentre indagano su cosa e' successo. Questa e' stata una violazione della fiducia tra Kogan, Cambridge Analytica e Facebook. Ma e' stata anche una violazione della fiducia tra Facebook e le persone che condividono i loro dati con noi e si aspettano che noi la proteggiamo. Dobbiamo riconquistare questa fiducia. In questa direzione, abbiamo gia' intrapreso i passi piu' importanti alcuni anni fa nel 2014 per impedire ai malintenzionati di accedere alle informazioni delle persone in questo modo illecito.

Ma dobbiamo fare di piu' ecco come. Punto 1, esamineremo tutte le app che hanno avuto accesso a grandi quantita' di informazioni prima di cambiare le policy della nostra piattaforma per ridurre drasticamente l'accesso ai dati nel 2014 e condurremo una verifica completa di qualsiasi app con attivita' sospette. Banneremo qualsiasi sviluppatore dalla nostra piattaforma che non accetti un controllo approfondito. E se troviamo sviluppatori che usano in modo improprio informazioni personali, li cacceremo e lo comunicheremo quelli interessati da tali app. Cio' include gli utenti i cui dati sono stati utilizzati anche da Kogan. Punto 2, limiteremo ulteriormente l'accesso ai dati degli sviluppatori per prevenire altri tipi di abuso. Ad esempio - spiega Zuckerberg - rimuoveremo agli sviluppatori l'accesso ai tuoi dati se non usi piu' l'app per 3 mesi. Quando effettui l'accesso, ridurremo i dati che fornisci a un'app: solo il tuo nome, la foto del profilo e l'indirizzo email. Richiediamo agli sviluppatori non solo di ottenere l'approvazione ma anche di firmare un contratto per chiedere a chiunque l'accesso ai loro post o altri dati privati. E avremo piu' modifiche da condividere nei prossimi giorni. In terzo luogo, vogliamo essere sicuri di capire a quali app hai permesso di accedere ai tuoi dati. Nel prossimo mese mostreremo a tutti uno strumento nella parte superiore del tuo feed di notizie con le app che hai utilizzato e un modo semplice per revocare le autorizzazioni di tali app ai tuoi dati. Abbiamo gia' uno strumento per farlo nelle tue impostazioni sulla privacy e ora metteremo questo strumento nella parte superiore del tuo feed di notizie per assicurarci che tutti lo vedano. Oltre ai passi che avevamo gia' compiuto nel 2014, ritengo che questi siano i prossimi passi da compiere per continuare a proteggere la nostra piattaforma. Ho dato vita a Facebook e alla fine sono responsabile per cio' che accade sulla nostra piattaforma. Sono deciso nel fare cio' che serve per proteggere la nostra comunita'. Mentre questo specifico problema che coinvolge Cambridge Analytica non dovrebbe piu' accadere con le nuove app oggi, cio' non cambia cio' che e' accaduto in passato. Impareremo da questa esperienza per proteggere ulteriormente la nostra piattaforma e rendere la nostra comunita' piu' sicura per tutti. Voglio ringraziare tutti voi che continuate a credere nella nostra missione e lavorare per costruire insieme questa comunita'. So che ci vorra' piu' tempo di quanto vorremmo per risolvere tutti questi problemi, ma vi prometto che lavoreremo su questo e creeremo un servizio migliore a lungo termine"

Abbiamo riportato integralmente l'intervento dell'inventore di Facebook affinchè il lettore possa farsi un'opinone circa un punto fondamentale: se non fosse stato scoperto, se non fosse scoppiato questo scandalo, quante di questo fiume di parole Zuckerberg avrebbe pronunciato?

Redazione Milano


ZUCKERBERG ADESSO PROVA A DIFENDERSI, MA FACEBOOK E' DIVENTATO UNA PIOVRA MONDIALE SUCCHIA-DATI DI CHIUNQUE SIA ISCRITTO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MATTEO SALVINI A REPUBBLICA: ''E' VERO, AMICI DI VARI PAESI EUROPEI MI PROPONGONO DI GUIDARE IL FRONTE DELLA LIBERTA'''

MATTEO SALVINI A REPUBBLICA: ''E' VERO, AMICI DI VARI PAESI EUROPEI MI PROPONGONO DI GUIDARE IL

giovedì 18 ottobre 2018
Il ministro dell'Interno, vicepremier e segretario della Lega, Matteo Salvini, in una intervista a "la Repubblica" in edicola oggi ammette che sta valutando la proposta avanzatagli dagli altri
Continua
 
COMMISSIONE UE OGGI HA AUTORIZZATO L'IMPORTAZIONE DI 80.000 TONNELLATE DI RISO ASIATICO A DAZIO ZERO! (DANNO ENORME!)

COMMISSIONE UE OGGI HA AUTORIZZATO L'IMPORTAZIONE DI 80.000 TONNELLATE DI RISO ASIATICO A DAZIO

mercoledì 17 ottobre 2018
Chi volesse capire come mai gli italiani detestano in massa l'Unione Europea - almeno il 57% la vorrebbe lasciare in questo momento - farebbe bene a leggere con la massima attenzione questo
Continua
ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL 2017 (BREXIT BOOM!)

ECONOMIA ALLE STELLE IN GRAN BRETAGNA: DISOCCUPAZIONE SCHIANTA AL 4% SALARI E STIPENDI +3,1% DAL

mercoledì 17 ottobre 2018
LONDRA - Finalmente buone notizie in Gran Bretagna anche per i lavoratori dipendenti: lo scrive il quotidiano "The Times", commentando gli ultimi dati diffusi ieri martedi' 16 ottobre dallo Office
Continua
 
IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE COMMISSIONI RIUNITE DIFESA

IMPORTANTE DISCORSO DEL COMANDANTE GENERALE DELL'ARMA DEI CARABINIERI, GIOVANNI NISTRI, ALLE

martedì 16 ottobre 2018
ROMA  -  Audizione, oggi, davanti alle Commissioni riunite Difesa, del comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri. Il generale ha elencato alcuni dati molto rilevanti,
Continua
GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E' DEFUNTO, LA MERKEL LASCI''

GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E'

martedì 16 ottobre 2018
Ma che sinistra. I verdi che vincono in Baviera utilizzano i temi dei conservatori. Lo ha detto in una intervista a "Italia Oggi" Giulio Sapelli, storico dell'economia, in merito al voto in Baviera
Continua
 
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
PREMIER DELL'OLANDA AVVISA FRANCIA E GERMANIA: NON DEVONO IMPORRE RIFORME DELLA UE CONTRO LA VOLONTA' DI STATI MEMBRI!

PREMIER DELL'OLANDA AVVISA FRANCIA E GERMANIA: NON DEVONO IMPORRE RIFORME DELLA UE CONTRO LA
Continua

 
IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I LEADER CATALANI

IL GOVERNO SPAGNOLO GETTA LA MASCHERA E APPARE IL VOLTO DEL DITTATORE ''FRANCO'': ARRESTATI TUTTI I
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!