Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE'' DALLA UE. TAGLI E TASSE.

lunedì 26 febbraio 2018

BERLINO -  La stampa tedesca analizza con chiarezza la situazione italiana e rende noti dati che in Italia vengono sottaciuti dalla stragrande maggioranza degli organi di informazione, orientati a favore del centrosinistra capitanato dal Pd e a favore delle sue posizioni vassalle della Commissione europea.

"L'Europa potrebbe fare un grande salto la prossima settimana, in avanti o verso l'ignoto - scrive oggi in prima pagina il quotidiano tedesco Sueddeutsche Zeitung -. Domenica prossima l'Italia eleggera' un nuovo Parlamento e la Germania sapra' se i membri del Partito socialdemocratico Spd acconsentiranno ad una nuova Grande coalizione con l'Unione di Centrodestra".

"I risultati italiani e quelli tedeschi potrebbero entrambi influire sul futuro europeo - prosegue il giornale -. L'Italia e' uno dei paesi piu' indebitati al mondo, in cui la situazione finanziaria e sociale sono tese. Finora il paese e' stato governato da un governo pragmatico di centro-sinistra, guidato nell'ultimo anno dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Se il prossimo governo sara' in grado di controllare l'economia stagnante, il debito elevato e la popolazione scoraggiata e' una questione aperta e l'umore degli italiani e' piuttosto cattivo".

"Secondo un sondaggio dell'Eurobarometro - citato in questo ariticolo dal quotidiano tedesco - ben il 74% della popolazione italiana ritiene che la situazione del proprio paese sia negativa, l'80% formula questo giudizio negativo sull'economia e il 68% sui servizi pubblici. Ben il 72 per cento e' sfiduciato nei confronti delle autorita' e della magistratura, il 78% nei confronti del governo e l'83% nei confronti dei partiti che lo sostengono".

"Il 46% degli italiani - prosegue a scrivere il  Sueddeutsche Zeitung - ritiene che il proprio paese avrebbe un futuro migliore se fosse fuori dall'eurozona. Anche se Mario Draghi guida la Banca centrale europea, in nessun altro paese l'approvazione per l'euro e' cosi' bassa. In Germania ci puo' essere stanchezza politica dopo i lunghi anni di Grande coalizione, ma la fiducia nelle prestazioni del paese e delle sue istituzioni e' ancora alta. In Francia e in Spagna la crisi non e' ancora completamente superata in termini di fiducia, ma dato l'umore degli italiani non sorprende che i sondaggi diano il Movimento 5 Stelle come il primo partito".

"Forse - aggiunge il Sueddeutsche Zeitung - la coalizione di Centrodestra intorno a Silvio Berlusconi potrebbe ottenere la maggioranza e il nome di Antonio Tajani quale possibile presidente del Consiglio potrebbe infondere sicurezza situazione precaria, ma bisognera' vedere il risultato della Lega di Matteo Salvini, con le posizioni euroscettiche della Lega".

"La situazione economica - prosegue a scrivere in questo lungo articolo d'analisi - e' particolarmente difficile: mentre in Germania, Francia o Spagna i cittadini hanno in media circa il 25 per cento di reddito pro capite in piu' rispetto al 1999, secondo stime del Fondo monetario internazionale, in Italia non si e' verificata la stessa cosa, anzi, il risultato è addirittura negativo. Inoltre le banche italiane sono sedute su montagne di crediti inesigibili, rendendo difficili nuovi investimenti. I giovani scappano all'estero perche' privi di prospettive. La quota dei laureati fra la popolazione tra i 25 e i 64 anni e' solo del 18 per cento (in Germania e' del 28, in Francia del 34 e del 35 in Spagna). Secondo l'Ocse l'Italia si colloca tra il Messico e la Turchia. La possibile bancarotta italiana mette a repentaglio la stabilita' dell'intera unione monetaria".

"Allora - conclude il quotidiano - delle due l'una: o l'Italia lascia l'euro e dichiara una parziale bancarotta o in qualche modo riesce a costruire un programma di investimento e di riforme, che consenta una stabilizzazione duratura. Un rilancio dell'economia italiana e' difficilmente concepibile senza l'aiuto del resto dell'eurozona, pertanto una Grande coalizione in Germania potrebbe essere l'ultima occasione per stabilizzare l'Eurozona. Se i membri dell'Spd dovessero bocciare la GroKo, allora e' altamente discutibile se la Germania radunera' la forza politica necessaria alla stabilizzazione dell'euro. Potrebbe saltare". 

Redazione Milano


LA STAMPA TEDESCA: L'ITALIA LASCI L'EURO CON PARZIALE BANCAROTTA O FACCIA LE RIFORME ''CHIESTE'' DALLA UE. TAGLI E TASSE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

Sueddeutsche   Zeitung   euro   Ue   Italia   Germania   Grossa   Coalizione   Berlino   Draghi   Bce   bancarotta   Francia   Spagna   Lga   Salvini   Berlusconi   Tajani    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
 
SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI SU 10 NE HANNO PAURA

SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI

mercoledì 13 febbraio 2019
La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa - per altro commerciale - degli innamorati. Tre italiani su dieci, infatti, hanno paura di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MICIDIALE ANALISI DELL'OBSERVER SUL DESTINO DEI PARTITI DI SINISTRA IN EUROPA, DAL PD ALL'SPD: DECLINO INARRESTABILE

MICIDIALE ANALISI DELL'OBSERVER SUL DESTINO DEI PARTITI DI SINISTRA IN EUROPA, DAL PD ALL'SPD:
Continua

 
PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA FORTI DAZI SU ACCIAIO E ALLUMINIO PER DIFENDERE IL LAVORO AMERICANO, CONTRO LA GLOBALIZZAZIONE

PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA FORTI DAZI SU ACCIAIO E ALLUMINIO PER DIFENDERE IL LAVORO AMERICANO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!