Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA UE SCHIANTA AL VERTICE DEI 27 A BRUXELLES DIVISI SU TUTTO: NO AI RICOLLOCAMENTI AFRICANI NO AD AUMENTI DEI VERSAMENTI

domenica 25 febbraio 2018

BRUXELLES - E' partito e si  è schiantato alla prima curva,  il confronto tra i 27 Paesi Ue sul futuro bilancio pluriennale dell'Unione per il post-Brexit. I leader dei Paesi Ue hanno dato venerdì scorso il calcio d'avvio a una partita che si annuncia piu' complessa di quanto sia avvenuto nelle gia' molto tormentate precedenti edizioni e che per l'Italia vale oltre 40 miliardi di fondi strutturali. Ma che questa volta mette in gioco la stssa esistenza della Ue com'è oggi. Criticata e disprezzata da molti, anche tra gli stati che la compongono, oltre che dalle popolazioni.

Al vertice, subito sono emersi distinguo e divisioni su tutti i fronti, a partire dalla disponibilita' - anzi, parliamo chiaro: l'indisponibilità -  di aprire il portafoglio, dalle priorita' e dalle condizioni a cui legare l'erogazione dei fondi Ue.

Per il presidente della Commissione Ue Juncker, sono pero' emerse "meno posizioni conflittuali" di quanto prevedibile, ma la sua è chiaramente una difesa d'ufficio. La proposta piu' controversa l'ha messa  subito sul tavolo la cancelliera tedesca Angela Merkel, chiedendo di legare l'erogazione dei fondi Ue alla volonta' e alla capacita' di accoglienza dei migranti, nello specifico i 600.000 africani che albergano in Italia e i 200.000 mediorientali tutti islamici sparpagliati in Grecia.

L'idea della Merkel che e' stata subito bocciata dai Paesi del gruppo di Visegrad - Polonia, Ungheria, Re,Ceca e Slocacchia - cioe' quelli che di fatto si sono rifiutati di prendere la loro quota di richiedenti asilo da Italia e Grecia.

Chi invece si e' apertamente schierato in favore della proposta Merkel e' stato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, secondo il quale "le regole vanno rispettate sempre", non solo quando sono a proprio vantaggio ed evidente il perchè: liberare l'Italia dalle orde sbarcate dalla Libia anche attraverso lo spostamento in Europa almeno di una parte di questi invasori africani. "Noi aspettiamo che i Paesi dell'Est rispettino il principio della solidarietà" - ha detto Tajani, ma non è servito. La proposta Merkel è stata respinta.

Altro nodo cruciale che ha provocato il fallimento della riunione di Bruxelles e' quello delle risorse.

"La Brexit causera' un buco da 10-15 miliardi l'anno e dal 2021 in poi (come abbiamo anticipato noi sul giornale ndr) per fare fronte alle nuove sfide - migrazioni, difesa, sicurezza - senza intaccare le politiche di coesione e i fondi destinati all'agricoltura sara' indispensabile accrescere i contributi nazionali e/o trovare nuove risorse comuni che potrebbero venire, ad esempio, dalla web tax" ha detto Juncker . "Molti, 14 o 15 Paesi, oggi si sono detti disposti ad aumentare i loro contributi", ha detto ancora Juncker, esprimendo un cauto ottimismo.

Ma Juncker evidentemente s'è scordato che l'accordo sulle prospettive finanziarie Ue debba essere trovato all'unanimita' e che un'agguerrita pattuglia di falchi nordici formata da Olanda, Svezia, Danimarca e Austria non ne voglia sentir parlare, di aumentare il contributo delle nazioni alla Ue per tenere in piedi un'Unione come questa. E se le risorse del bilancio non aumenteranno, per affrontare le nuove sfide scatteranno tagli che metteranno a rischio anche i 40 miliardi di cui ora beneficia l'Italia.

Il vero confronto tra Paesi scattera' comunque solo dopo che la Commissione Ue presentera' a maggio le sue proposte. Con l'obiettivo di chiudere possibilmente, ma non realisticamente, le trattative prima delle elezioni europee che si svolgeranno a maggio del 2019.

Il vertice di Bruxelles si è concluso con un nulla di fatto sul piano operativo, ma con la certezza che la voragine nei conti della Ue non verrà ripianata e quindi l'unica via che rimane è quella dei tagli secchi ai contributi Ue all'agricoltura e ai progetti per l'occupazione. Praticamente, tagliando questi fondi, con i contributi pagati dagli stati, tra cui l'Italia che versa somme gigantesche alla Ue ogni anno, ben 14 miliardi di euro (!!!) si finisce col mantenere in piedi solo la mostruosa macchina manigiasoldi della burocrazia Ue, formata da decine di migliaia di burocrati strapagati e spese folli d'ogni genere, tra le quali a titolo d'esempio la doppia sede Bruxelles-Strasburgo con la doppia burocrazia nullafacente ma molto manigiante.

Questa, è la realtà attuale della Ue.

Redazione Milano


LA UE SCHIANTA AL VERTICE DEI 27 A BRUXELLES DIVISI SU TUTTO: NO AI RICOLLOCAMENTI AFRICANI NO AD AUMENTI DEI VERSAMENTI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua
 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.
Continua

 
MICIDIALE ANALISI DELL'OBSERVER SUL DESTINO DEI PARTITI DI SINISTRA IN EUROPA, DAL PD ALL'SPD: DECLINO INARRESTABILE

MICIDIALE ANALISI DELL'OBSERVER SUL DESTINO DEI PARTITI DI SINISTRA IN EUROPA, DAL PD ALL'SPD:
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!