Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

venerdì 23 febbraio 2018

WASHIGTON - I regolatori statunitensi hanno bloccato l'acquisizione da parte di un fondo cinese appoggiato dallo Stato della Cina dell'azienda texana Xcerra, produttrice di apparecchiature per il collaudo di semiconduttori. Xcerra ha annunciato ieri di aver concordato la rinuncia all'accordo da 580 milioni di dollari per la fusione con Hubei Xinyan Equity Investment Partnership. "Nonostante i nostri sforzi tesi a garantire l'approvazione (dell'accordo), e' ormai chiaro che il Cfius (Comitato sugli investimenti esteri negli Stati Uniti) non intende dare il via libera alla transazione; abbiamo pertanto stabilito di comune accordo con Xinyan di terminare l'accordo di fusione"; ha dichiarato l'ad dell'azienda texana, Dave Tacelli. Lo scorso settembre il Cfius ha bloccato un accordo da 1,3 miliardi di dollari per l'acquisizione di Latice Semiconductor da parte di un consorzio cui partecipava il fondo di Stato cinese China Venture Capital Fund. 

Le societa' russe e cinesi attive nel settore dell'information technology sono oggetto da mesi di una brusca stretta alle loro operazioni da parte delle autorita' statunitensi, che giustificano le restrizioni con i timori legati alla sicurezza nazionale. L'Esercito degli Stati Uniti ha rimosso dalla base di Forte Leonard, nel Missouri, tutte le videocamere del produttore cinese Hangzhou Hikvision Digital Technology, il primo costruttore di sistemi di videosorveglianza al mondo.

L'azienda e' una controllata di China Electronics Technology Group, che e' controllata a sua volta dal governo cinese. La commissione della camera dei rappresentanti Usa sulle Piccole imprese terra' un'udienza pubblica il prossimo 30 gennaio proprio per discutere i rischi per la sicurezza legati all'impiego dei sistemi di videosorveglianza di Hikvision; gia' lo scorso anno, il dipartimento di Sicurezza interna ha diramato un avviso secondo cui alcune delle videocamere potrebbero essere facilmente attivate tramite controlli remoti per attivita' di spionaggio.

Come dire, che la Cina potrebbe spiare con queste telecamere che produce chiunque le abbia comprate e le utilizzi.

Il National Defense Authorization Act per l'anno fiscale 2018, firmato lo scorso dicembre, bandisce invece qualunque acquisizione di tecnologie o servizi della societa' di sicurezza informatica russa Kaspersky Lab da parte di entita' governative statunitensi. Ad oggi circa 400 milioni di persone e 270,000 aziende utilizzano antivirus e altri servizi di Kaspersky.

La mossa del governo Usa pare essere una rappresaglia: e' stata infatti adottata dopo che Kaspersky ha svelato uno strumento di hacking dei computer privati utilizzato dalla National Security Agency statunitense (Nsa) e ne ha inviato il codice alla propria sede in Russia, per analizzarlo e approntare una contromisura. L'azienda russa ha intentato causa al dipartimento di Sicurezza nazionale Usa per una direttiva emessa lo scorso settembre, che bandisce di fatto l'impiego a fini governativi della tecnologia di Kaspersky.

Importanti attori della grande distribuzione elettronica Usa, come Best Buy, hanno interrotto le vendite dei prodotti di Kaspersky, e quest'ultima accusa il governo degli Stati Uniti di aver causato "danni indebiti alla reputazione della compagnia nell'industria It e alle vendite negli Usa". 

Anche il produttore cinese id smartphone Huawei Technologies Co e' divenuto bersaglio delle istituzioni Usa, che hanno bloccato l'accordo tra il colosso tecnologico cinese e l'operatore statunitense delle telecomunicazioni At&T Inc.

Il collasso dell'accordo, comunicato la scorsa settimana, in apertura del Consumer Electronic Show di Las Vegas, e' l'ennesimo segnale del riacuirsi delle tensioni tra le due potenze sul piano commerciale, e rischia di innescare una vera e propria escalation delle tensioni bilaterali.

Lo ha denunciato nei giorni scorsi il quotidiano di Stato cinese "Global Times", che ricorda come At&T abbia rinunciato all'intesa dopo l'invio di una lettera da parte di 18 parlamentari statunitensi alla Commissione federale per le comunicazioni Usa.  Nella missiva, i parlamentari esprimevano preoccupazioni in merito "allo spionaggio cinese in generale, e al ruolo di Huawei nelle pratiche di spionaggio in particolare".

Ad oggi, il 90 per cento degli utenti di telefonia mobile statunitensi acquistano il loro smartphone direttamente dal loro operatore; dal momento che la cinese Huawei non e' in grado di siglare un accordo con nessuno degli operatori Usa di telefonia mobile, l'unico "canale" per la vendita dei suoi smartphone sono le catene di elettronica. 

Il mancato accordo tra Huawei e At&T, avverte il "Global Times", e' ben piu' di una questione commerciale: "I legislatori Usa non soltanto hanno impedito a Huawei e ad altre aziende tecnologiche cinesi di entrare nel mercato Usa, ma hanno anche ingigantito alcuni casi commerciali facendone una questione di competizione e sicurezza nazionale, una condotta del tutto fuorviante".

Secondo il quotidiano cinese, "l'opposizione politica" alle aziende tecnologiche cinesi non frenera' lo sviluppo di queste ultime, ma "intensifichera' la gia' feroce competizione bilaterale sul mercato globale", e potrebbe innescare rappresaglie da parte di Pechino. Huawei, ricorda il "Global Times", opera in 170 paesi e regioni ed ha accordi di cooperazione con 45 dei 50 maggiori operatori di telefonia mobile mondiali. 

Gia' nel 2012 con Obama la commissione d'Intelligence della Camera dei rappresentanti Usa aveva esortato le aziende statunitensi ad evitare l'utilizzo di apparecchi per le comunicazioni realizzati da Huawei o da un altro produttore cinese, Zte, affermando che tali infrastrutture critiche "potrebbero minare gli interessi di sicurezza nazionale fondamentali degli Stati Uniti".

La convenienza di questi prodotti sul piano economico, pero', ne ha garantito comunque la penetrazione sul mercato Usa. Un disegno di legge presentato il 9 gennaio scorso alla Camera proibirebbe a tutti i contractor del governo federale Usa l'impiego di sistemi per le comunicazioni prodotti da Huawei o Zte.

Ad oggi non esiste alcuna prova che le societa' russe e cinesi succitate trasmettano informazioni riservate ai rispettivi governi, tanto quanto circa l'elezione del presidente Usa Donald Trump non essitono prove per le accuse di collusione tra la sua campagna elettorale e la Russia, e tuttavia questa situazione provocata dai "veleni" sparsi dalla stampa americana schierata con al candidata sconfitta Hillay Clinton hanno innescato negli Stati Uniti un clima di maccartismo stile anni Cinquanta del secolo scorso senza precedenti, dalla fine della Guerra fredda.


CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

HUAWEI   ZTE   SPINAGGIO   USA   INTELLIGENCE   BLOCCO   COMMERCIALE   AT&T   TELECOMUNICAZIONI   OBAMA   GUERRA   FREDDA   RUSSIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GALERA

NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE, UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ADESSO I CORROTTI FINIRANNO

giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla
Continua
 
LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO DAVVERO IN GAL

LA NUOVA LEGGE ANTI CORRUZIONE E' UN GRANDE SUCCESSO DEL GOVERNO LEGA-M5S: ORA I CORROTTI FINIRANNO

giovedì 13 dicembre 2018
La nuova legge anti corruzione, definita "spazzacorrotti" incassa anche il secondo via libera da parte del Senato, e si appresta a compiere l'ultimo giro di boa verso l'approvazione definitiva alla
Continua
IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E SMENTISCONO MOSCOVICI)

IL PREMIER CONTE NEGOZIA CON LA UE, SPREAD AFFONDA A 261 PUNTI, I MERCATI PREMIANO L'ITALIA (E

giovedì 13 dicembre 2018
"Continuiamo a sostenere con convinzione la nostra proposta. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini,
Continua
 
MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA  LUI) SALVATO MACRON POTRA' AIUTARLO?

MOSCOVICI ''TIENE FAMIGLIA'' E TRA POCHI MESI SARA' DISOCCUPATO: CHI PIU' DEL (DA LUI) SALVATO

mercoledì 12 dicembre 2018
BRUXELLES - Per tentare di soddisfare le rivendicazioni dei gilet gialli e provare a porre fine alla loro protesta,Macron è stato costretto, pena una vera "rivoluzione" di piazza in tutta la
Continua
REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE  PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A PMI E' FONDAMENTALE

REGIONE LOMBARDIA STANZIA 26 MILIONI DI EURO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. FONTANA: ATTENZIONE A

mercoledì 12 dicembre 2018
MILANO - Oltre 26 milioni di euro per rifinanziare importanti bandi a favore delle micro, piccole e medie imprese. La Giunta della Regione Lombardia, su proposta dell'assessore allo Sviluppo
Continua
 
LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO DI BILANCIO PRESENTATO''

LA COMMISSIONE UE DA' DEL BUGIARDO A MACRON: ''LE SUE SONO SOLO PAROLE, PER NOI VALE IL DOCUMENTO

martedì 11 dicembre 2018
BRUXELLES - Nella sostanza, la Commissione Ue ha dato del "parolaio" e implicitamente del bugiardo al presidente francese Macron.  "La situazione e' questa: in Francia per ora abbiamo un
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE
Continua

 
LA UE SCHIANTA AL VERTICE DEI 27 A BRUXELLES DIVISI SU TUTTO: NO AI RICOLLOCAMENTI AFRICANI NO AD AUMENTI DEI VERSAMENTI

LA UE SCHIANTA AL VERTICE DEI 27 A BRUXELLES DIVISI SU TUTTO: NO AI RICOLLOCAMENTI AFRICANI NO AD
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!