Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

lunedì 19 febbraio 2018

LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non tornano.

Di solito le discussioni sul bilancio comunitario non attraggono molta attenzione, ma questa volta e' diverso perche' adesso i burocrati della UE dovranno disperatamente trovare un modo per colmare il buco di 13 miliardi di euro lasciato dalla Brexit e gia' sono iniziate le divisioni tra chi vuole che i rimanenti Paesi paghino di piu' e chi invece vorrebbe tagliare le spese della UE.

A tale proposito Jean-Claude Junker e il responsabile per le finanze Gunther Oettinger vorrebbero che gli stati piu' ricchi contribuissero di piu' per coprire il buco di 13 miliardi di sterline - all'anno - lasciato dalla Brexit ma tale decisione ha incontrato le resistenze di diversi stati.

Il primo a fare le voce grossa e' stato Gernot Blumel, il ministro delle finanze austriaco, il quale in un incontro con Oettinger ha detto che il suo paese non vuole affatto versare piu' soldi nelle casse della UE e invece la UE dovrebbe ridurre le sue spese.

Questa posizione non e' affatto isolata visto che anche la Svezia, la Finlandia, la Danimarca e l'Olanda non hanno nessuna intenzione di versare piu' soldi alla UE non fosse altro per il fatto che questi paesi, assieme all'Austria, versano gia' piu' di quanto ricevono. Molto di più.

Certo la UE potrebbe spendere di meno, visto che e' abilissima a sprecare i soldi dei contribuenti, ma ovviamente i parassiti di Bruxelles non amano stringere la cinghia e non e' un caso se pochi giorni dopo il no dell'Austria Junker abbia proposto nuovi metodi per raccogliere soldi quali l'emissioni di permessi per chi emette anidride carbonica e l'appropriazione di una percentuale sulla tassa alle imprese pagate dai contribuenti dei paesi membri. Due idiozie una peggio dell'altra che ovviamente non hanno trovato seguito.

In ogni caso, per ora queste sono solo proposte e la battaglia entrera' nel vivo a maggio, ma quel che e' certo e' che le resistenze a maggiori versamenti saranno fortissime visto che in molti stati UE i partiti nazionalisti stanno avendo grosso successo e indubbiamente il rifiuto di Juncker di tagliare le spese della UE proponendo al posto nuove tasse, fa accrescere la rabbia e l'ostilita' verso la UE.

L'importanza di tale dibattito e' stata colta in pieno dalla stampa anglosassone, la quale sta dando ampia copertura a questa storia mentre in Italia tutto viene censurato sebbene l'Italia sia una dei paesi che dovra' versare piu' soldi e questo avverrebbe nonostante la UE abbia annunciato tagli ai fondi ad esempio per l'agricoltura, cosa che danneggerà non poco in settore specialmente in Italia.

Ovviamente questo e' inaccettabile e abbiamo riportato questa notizia perche' vogliamo che anche l'Italia faccia la voce grossa e dica ai burocrati della UE che non intendiamo versare un centesimo in piu'. Chiaramente perchè questo accada è indispensabile arrivi un nuovo governo che non sia genuflesso come questo del Pd ai poteri di vertice della Ue, iniziando da Juncker.

GIUSEPPE DE SANTIS

Nota.

Chi avesse intenzione di leggere cosa scrive la stampa britannica al riguardo, può trovare ai link qua sotto due dei tanti articoli usciti sui giornali.

 


CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   BILANCIO   BREXIT   JUNCKER   FONDI   TAGLI   SPESE   TASSE   BRUXELLES   AUSTRIA   OLANDA   BELGIO   DANIMARCA   FINLANDIA   SVEZIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
 
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua
 
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI SU 10 NE HANNO PAURA

SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI

mercoledì 13 febbraio 2019
La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa - per altro commerciale - degli innamorati. Tre italiani su dieci, infatti, hanno paura di
Continua
 
SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE PROBABILMENTE IN GIUGNO

SPETTRO DELLE ELEZIONI ANTICIPATE IN GERMANIA: ''GROSSA COALIZIONE'' STA PER CROLLARE, ALLE URNE

martedì 12 febbraio 2019
BERLINO - La famosa "Europa" farebbe  bene a guardare cosa sta accadendo e soprattutto cosa accadrà a breve in Germania. C'e' chi parla di "preparativi per un divorzio". Altri la dicono
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL
Continua

 
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!