Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

lunedì 19 febbraio 2018

LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non tornano.

Di solito le discussioni sul bilancio comunitario non attraggono molta attenzione, ma questa volta e' diverso perche' adesso i burocrati della UE dovranno disperatamente trovare un modo per colmare il buco di 13 miliardi di euro lasciato dalla Brexit e gia' sono iniziate le divisioni tra chi vuole che i rimanenti Paesi paghino di piu' e chi invece vorrebbe tagliare le spese della UE.

A tale proposito Jean-Claude Junker e il responsabile per le finanze Gunther Oettinger vorrebbero che gli stati piu' ricchi contribuissero di piu' per coprire il buco di 13 miliardi di sterline - all'anno - lasciato dalla Brexit ma tale decisione ha incontrato le resistenze di diversi stati.

Il primo a fare le voce grossa e' stato Gernot Blumel, il ministro delle finanze austriaco, il quale in un incontro con Oettinger ha detto che il suo paese non vuole affatto versare piu' soldi nelle casse della UE e invece la UE dovrebbe ridurre le sue spese.

Questa posizione non e' affatto isolata visto che anche la Svezia, la Finlandia, la Danimarca e l'Olanda non hanno nessuna intenzione di versare piu' soldi alla UE non fosse altro per il fatto che questi paesi, assieme all'Austria, versano gia' piu' di quanto ricevono. Molto di più.

Certo la UE potrebbe spendere di meno, visto che e' abilissima a sprecare i soldi dei contribuenti, ma ovviamente i parassiti di Bruxelles non amano stringere la cinghia e non e' un caso se pochi giorni dopo il no dell'Austria Junker abbia proposto nuovi metodi per raccogliere soldi quali l'emissioni di permessi per chi emette anidride carbonica e l'appropriazione di una percentuale sulla tassa alle imprese pagate dai contribuenti dei paesi membri. Due idiozie una peggio dell'altra che ovviamente non hanno trovato seguito.

In ogni caso, per ora queste sono solo proposte e la battaglia entrera' nel vivo a maggio, ma quel che e' certo e' che le resistenze a maggiori versamenti saranno fortissime visto che in molti stati UE i partiti nazionalisti stanno avendo grosso successo e indubbiamente il rifiuto di Juncker di tagliare le spese della UE proponendo al posto nuove tasse, fa accrescere la rabbia e l'ostilita' verso la UE.

L'importanza di tale dibattito e' stata colta in pieno dalla stampa anglosassone, la quale sta dando ampia copertura a questa storia mentre in Italia tutto viene censurato sebbene l'Italia sia una dei paesi che dovra' versare piu' soldi e questo avverrebbe nonostante la UE abbia annunciato tagli ai fondi ad esempio per l'agricoltura, cosa che danneggerà non poco in settore specialmente in Italia.

Ovviamente questo e' inaccettabile e abbiamo riportato questa notizia perche' vogliamo che anche l'Italia faccia la voce grossa e dica ai burocrati della UE che non intendiamo versare un centesimo in piu'. Chiaramente perchè questo accada è indispensabile arrivi un nuovo governo che non sia genuflesso come questo del Pd ai poteri di vertice della Ue, iniziando da Juncker.

GIUSEPPE DE SANTIS

Nota.

Chi avesse intenzione di leggere cosa scrive la stampa britannica al riguardo, può trovare ai link qua sotto due dei tanti articoli usciti sui giornali.

 


CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   BILANCIO   BREXIT   JUNCKER   FONDI   TAGLI   SPESE   TASSE   BRUXELLES   AUSTRIA   OLANDA   BELGIO   DANIMARCA   FINLANDIA   SVEZIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEUTSCHE BANK SOSPETTATA DI AVERE RICICLATO 150 MILIARDI DI DOLLARI DI SOLDI SPORCHI, CROLLA IN BORSA (-50% DA GENNAIO)

DEUTSCHE BANK SOSPETTATA DI AVERE RICICLATO 150 MILIARDI DI DOLLARI DI SOLDI SPORCHI, CROLLA IN

martedì 20 novembre 2018
FRANCOFORTE - Le azioni della Deutsche Bank sono calate bruscamente oggi alla Borsa di Francoforte per i forti timori degli investitori sugli effetti dallo scandalo del riciclaggio di denaro sporco
Continua
 
660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA SANITA' E' DISASTROSA

660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA

martedì 20 novembre 2018
PARIGI - Con lo slogan "infermieri dimenticati", decine di migliaia di infermieri in sciopero protestano nelle principali citta' di Francia, denunciando il "disprezzo" del governo e specialmente di
Continua
SEQUESTRATA LA NAVE ONG AQUARIUS DI MSF: HA SCARICATO 21 TONNELLATE DI RIFIUTI PERICOLOSISSIMI COME NORMALE SPAZZATURA

SEQUESTRATA LA NAVE ONG AQUARIUS DI MSF: HA SCARICATO 21 TONNELLATE DI RIFIUTI PERICOLOSISSIMI COME

martedì 20 novembre 2018
CATANIA - I rifiuti pericolosi prodotti dai migranti a bordo delle navi e quelli a rischio infettivo venivano declassati, scaricati nei porti in maniera indifferenziata e poi conferiti in discarica
Continua
 
MATTEO SALVINI SPIEGA QUALI SONO I VERI NEMICI DELL'ITALIA: ECCO I POTERI FORTI CHE VORREBBERO RIDURLA COME LA GRECIA

MATTEO SALVINI SPIEGA QUALI SONO I VERI NEMICI DELL'ITALIA: ECCO I POTERI FORTI CHE VORREBBERO

lunedì 19 novembre 2018
Milano - Il ministro dell'Interno Matteo Salvini cancella il chiacchiericcio delle false ricostruzioni di certa stampa e fantasiosi cronisti  sulla presunta crisi di governo, ma sa che le sfide
Continua
IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA

IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI

lunedì 19 novembre 2018
LONDRA - La Svizzera si sa e' il paese in cui si usano spesso i referendum per dare ai cittadini la possibilita' di esprimere la loro opinione in moltissime materie, un esempio di democrazia diretta
Continua
 
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL
Continua

 
CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC. SOSPETTI DI SPIONAGGIO

CLIMA DA GUERRA FREDDA: GLI USA BLOCCANO ENORMI INVESTIMENTI CINESI IN AMERICA NEL SETTORE TLC.
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!