Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE LA LIBERTA' DI SCELTA

venerdì 9 febbraio 2018

LONDRA - Nel 2018 giorno dopo giorno si registra uno schiaffo a Facebook, e uno più duro dell'altro. Dopo quelli di Roger McNamee, uno dei suoi principali investitori ed ex mentore di Mark Zuckerberg, che ha accusato la societa' di pensare solo ai profitti e non a risolvere la dipendenza che crea negli utenti e dell'attore Jim Carrey che si e' cancellato dal social perche' non combatte abbastanza contro le fake news, il nuovo guanto di sfida e' stato gettato da diversi parlamentari britannici.

In missione negli Usa i membri della Commissione digitale e media della House of Commons del Regno Unito hanno udito i rappresentanti di Facebook, Google e Twitter, nonche' accademici e giornalisti: le fake news il tema dell'audizione. Al manager di Facebook Jo Stevens del Labour ha detto: "C'e' uno squilibrio di potere tra la piattaforma e gli utenti perche' c'e' il controllo delle informazioni che le persone vedono senza avere la liberta' di scelta dei contenuti da fruire. Mi ricorda una relazione violenta in cui si verifica il controllo coercitivo".

La conservatrice Rebecca Pow ha aggiunto: "Avete tanti dati sulle persone, siete ora molto, molto potenti, ma completamente non regolamentati", "E' tempo di regole che stabiliscano i ruoli e le responsabilita' perche' tutto questo sta influenzando la nostra societa', non da ultimo i nostri figli", ha concluso Pow. Queste dure accuse sono state dette a viso aperto dai parlamentari Uk durante un'audizione, la prima all'estero, durata quattro ore presso la George Washington University. 

Il responsabile della policy di YouTube, Juniper Downs, ha, ripetutamente, dichiarato che e' la "priorita' principale" dell'azienda bandire i contenuti problematici, ma il presidente della commissione, Damian Collins, gli ha replicato dicendo: "Abbiamo sentito molto spesso l'espressione 'priorita' assoluta'. Se giudichiamo la societa' basandoci su cio' che fa piuttosto che su cio' che dice, la priorita' assoluta e' massimizzare le entrate pubblicitarie della piattaforma".

E per gli stessi membri della commissione anche investire 'decine di milioni di dollari', come affermato da YouTube per 'presidiare' la piattaforma video da contenuti pornografici e violenti e' troppo poco, sarebbe come "applicare un piccolo cerotto su una ferita aperta". Troppo poco.

Nel corso dell'audizione, Twitter ha rivelato di aver trovato 49 account collegati a una famigerata fabbrica di troll russi che hanno pubblicato messaggi sulla Brexit in vista del referendum, anche se ovviamente sostenere che bastino dei messaggi su Facebook per indirizzare addirittura il voto sulla Brexit è una sonora stupidaggine.

Invece, YouTube ha dichiarato di non aver trovato traccia di agenti russi che hanno usato i video per influenzare il referendum nel Regno Unito. Facebook, invece, ha dichiarato la responsabile della policy, Monika Bickert, "sta ancora indagando sui potenziali effetti sul risultato della Brexit da parte di troll russi autori di fake news" e ha aggiunto che il social network non ha modo di sapere se sono state pagate inserzioni per fake news da parte di account stranieri.

L'affermazione, spiazzante, ha scatenato la risposta furiosa da parte di Damian Collins, il presidente della Commissione, che ha utilizzato una metafora per descrivere la grave responsabilita', che, invece, Facebook ha avuto durante la campagna referendaria nel Regno Unito: "Se Facebook fosse una banca e qualcuno riciclasse denaro attraverso quella banca, la risposta non sarebbe stata 'Beh, non ha niente a che fare con noi. Siamo solo una semplice piattaforma. Quella banca sarebbe stata chiusa e la direzione avrebbe dovuto affrontare un procedimento giudiziario". "E il comportamento messo in atto da Facebook e' lo stesso", ha concluso.

Grossi guai giudiziari in arrivo per Facebook in Gran Bretagna? Presto per dirlo, ma di sicuro tira una gran brutta aria.

Redazione Milano


FACEBOOK SOTTO ACCUSA DELLA COMMISSIONE ''DIGITALE E MEDIA'' DEL PARLAMENTO BRITANNICO: IMPEDISCE LA LIBERTA' DI SCELTA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
 
SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E'
Continua
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua
IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di
Continua
 
SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,

martedì 13 febbraio 2018
LONDRA - La domanda è molto semplice: qual e' il paese europeo che viola piu' norme comunitarie? Molti diranno che e' l'Italia e cosi facendo commetterebbero un colossale
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI PER CORRUZIONE

IL COMMISSARIO UE AVRAMOPOULOS (ALLE MIGRAZIONI) SOTTO INCHIESTA CON ALTRI 10 LEADER POLITICI GRECI
Continua

 
SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!