Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

SCENARI DEL DOPO VOTO / L'UNICA SPERANZA PER L'ITALIA E' CHE VINCA L'ASSE LEGA-FDI DENTRO IL CENTRODESTRA (PD DEFUNTO)

giovedì 23 novembre 2017

Nella primavera del 2018, anche se c’è chi sta alacremente lavorando per ritardare fino a maggio, il popolo italiano potrà finalmente esprimere il proprio giudizio sul governo nazionale, con le elezioni generali.

In virtù della nuova legge elettorale, sarà difficile che uno schieramento riesca ad ottenere la maggioranza di voti necessaria per governare, ed anche se fosse, esistono diverse manovre di corridoio perché l’eventuale esito delle urne venga “ammorbidito”, “addolcito”, se non addirittura stravolto in nome della stabilità e del “ce lo chiede l’Europa”.

Vediamo qualche scenario:

a) Nessuno schieramento ottiene la maggioranza per governare e non si trovano alleanze numericamente accettabili in parlamento.

In questo caso è già pronto il governo di unità nazionale, con un Mario Draghi pronto ad atterrare in Italia dalla BCE per portare a termine le “riforme strutturali” tanto care agli oligarchi di Bruxelles ed ai tedeschi (tutti i tedeschi, non solo la Merkel, basti andare a leggersi i rispettivi programmi), fatte di tasse, patrimoniali, tagli alla sanità e alle pensioni, all’istruzione ed a qualsiasi strumento che porti dignità agli individui. D’altra parte la Germania detiene il record di aumento di senzatetto tra i propri cittadini, mentre in Grecia, primo esperimento delle “cure” tedesche in salsa Ue, una moltitudine di lavoratori percepisce uno stipendio che garantisce la mera sussistenza alimentare. Questa sarebbe la soluzione più apprezzata in ambito Ue, perché porterebbe la troika in Italia “di necessità”, causa la situazione politica caotica, magari con un aumento ad arte dello spread come capitato nel 2011 ed una lettera di richiamo per non rispettare gli accordi presi.

b) Vince lo schieramento di centro-destra, ma il risultato viene disatteso

Da più parti si vocifera di un accordo renzi-berlusconi per la spartizione del potere a prescindere dall’esito delle elezioni. I più attenti si saranno accorti che da dopo l’esito delle elezioni in Sicilia, Salvini e Meloni sono spariti da tutti i mezzi d’informazione, compresi quelli dell’”alleato” di Arcore. Il motivo è semplice: cercare di depotenziarne il consenso elettorale, per arrivare ad una vittoria risicata o, meglio, ad una “non” vittoria che renda necessario l’accordo “nobile e di alto profilo” tra i partiti “responsabili” per dare governabilità e fermare gli eccessi populisti. Tradotto dal politichese: un bell’inciucio pd-fi più frattaglie varie alla Alfano e Verdini.

Anche in questo caso saremmo in presenza di un governo totalmente succube degli oligarchi di Bruxelles, pronto a varare manovre lacrime e sangue pur di salvare gli “alti ideali europeisti” ed il futuro di quella gabbia di povertà e antidemocraticità che si chiama Ue. L’antipasto di questo è stato il viaggio del “bomba” fiorentino in Francia per parlare con Macron, il quale non si è fatto scrupolo di procedere ad arresti di massa e ad usare la forza contro gli scioperanti.

Se avete notato, non abbiamo ipotizzato una vittoria dello schieramento di centro sinistra perché con i numeri attuali del Piddì appare semplicemente inverosimile, né un governo del M5S, in quanto i suoi numeri non sono tali da consentirgli di ottenere il premio di maggioranza per governare, anche se un po' sforando nella fantapolitica si potrebbe ipotizzare una vittoria di Pirro dell'M5S che si afferma quale primo partito in Italia e il contemporaneo tracollo del Pd con il relativo successo del cartello delle sinistre, specie se verrà guidato da Pietro Grasso. In questo scenario, se il suddetto cartello prendesse tra il 7 e il 10% potrebbe appoggiare un governo M5S dando corpo a una maggioranza. 

L’ipotesi più probabile, però, è che nasca un Frankenstein politico pronto a distruggere quel poco di tessuto sociale ed economico presente nel nostro paese per assecondare le mire imperialistiche di una Germania la cui crisi politica è lungi dall’aiutarci. Infatti il ritardo della formazione del governo, che sarà sicuramente ancora più intransigente nel tutelare gli interessi nazionali e nel massacrare i paesi del mediterraneo, farà sì che gli elettori non percepiscano il vero pericolo e non votino in massa per gli unici due partiti realmente sovranisti ed euroscettici: Lega e FDI.

Solo una fortissima affermazione dell’alleanza Salvini-Meloni, con il partito di Berlusconi messo in una condizione di non poter garantire la maggioranza al “bomba” fiorentino potrà rappresentare una speranza per gli italiani di non fare la fine dei greci o dei tedeschi sempre più portati verso l’abisso della miseria più nera.

Per la cronaca, nella prospera germania 400.000 persone sono costrette a ricorrere all’ospitalità di parenti od amici perché impossibilitate a permettersi un’abitazione. Questo è il modello che la ue vuole imporre all’Italia dopo aver spogliato i suoi cittadini di tutti i loro averi, questo è quello che ci aspetta se il popolo non voterà in massa Lega-FDI. Altre possibilità non ce ne sono e soprattutto non ce ne saranno in futuro, visto che ovunque prevalga il modello “democratico” della ue, le libertà personali vengono sempre più ristrette. Chiedere ai Francesi per averne riscontro.

Luca Campolongo

Fonti

http://vocidallestero.it/2017/11/19/zh-esplode-il-numero-di-tedeschi-senzatetto/

http://vocidallestero.it/2017/11/21/grecia-oltre-500-000-lavoratori-poveri-il-mio-stipendio-basta-appena-per-mangiare/

https://www.rischiocalcolato.it/2017/11/macron-invita-renzi-goldrake-distruggere-male-grillino-scalfari-sceglie-cavaliere.html

 


SCENARI DEL DOPO VOTO /  L'UNICA SPERANZA PER L'ITALIA E' CHE VINCA L'ASSE LEGA-FDI DENTRO IL CENTRODESTRA (PD DEFUNTO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SALVINI   MELONIM FDI   LEGA   UE   BRUXELLES   MERKEL   TASSE   TROIKA   DRAGHI   BCE   EURO   GRECIA   GERMANIA   POVERTA'   EUROPA   PATRIMONIALE   ELEZIONI   POLITICHE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA CROCE ROSSA!

RICHIEDENTI ASILO NIGERIANI SPACCIATORI DI DROGA AVEVANO LA BASE DENTRO UN CENTRO ACCOGLIENZA DELLA

giovedì 6 dicembre 2018
LUCCA - Africani spacciavano, come nulla fosse, addirittura dentro una struttura della Croce Rossa. Gli agenti della questura di Lucca hanno effettuato questa mattina un'operazione contro lo spaccio
Continua
 
IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON DEVE PIU' ACCADERE

IL GOVERNO DIRA' BASTA ALLA ''OPERAZIONE SOPHIA'' (FIRMATA DA RENZI) L'INVASIONE E' FINITA E NON

mercoledì 5 dicembre 2018
ROMA -  Il governo italiano è pronto a dare l'alt all'operazione Sophia. Il piano operativo lanciato dall'Unione europea all'indomani dei naufragi avvenuti nell'aprile 2015 con lo scopo
Continua
MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI VOGLIONO CHE SE NE VADA

MACRON CEDE AI GILET GIALLI (6 MESI DI BLOCCO TASSE CARBURANTI) MA NON BASTA PIU': I FRANCESI

martedì 4 dicembre 2018
PARIGI - Macron ha perso, ma i gilet gialli non hanno ancora vinto, dato che ormai chedono a viso aperto le dimissioni del presidente della Repubblica. Sei mesi di sospensione dell'aumento delle
Continua
 
ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA SBAGLIATA LA UE HA TORTO''

ALLEN SINAI - ECONOMISTA DI FAMA MONDIALE - DA' RAGIONE AL GOVERNO ITALIANO: ''AUSTERITY STRADA

martedì 4 dicembre 2018
"Insistere con le politiche di austerity e' la strada sbagliata. A maggior ragione quando un Paese sta rallentando la sua crescita deve spendere molto, mettere soldi nelle tasche dei cittadini e
Continua
LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA PERDE LE AMMINISTRATIVE

LA DESTRA NAZIONALISTA EUROSCETTICA ANTI IMMIGRAZIONE SELVAGGIA DILAGA IN SVEZIA: CENTROSINISTRA

lunedì 3 dicembre 2018
LONDRA - Sono passati quasi 3 mesi da quando gli elettori svedesi sono andati alle urne per eleggere il parlamento ma ancora non si e' riusciti a formare un nuovo governo e questo perche' gli
Continua
 
ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON GOVERNERANNO VOX TRIONFA

ELEZIONI IN SPAGNA: L'ANDALUSIA, DA 36 ANNI ROSSA, VIRA RADICALMENTE A DESTRA. I SOCIALISTI NON

lunedì 3 dicembre 2018
MADRID -  Con le elezioni celebrate ieri, domenica, l'Andalusia, la regione piu' popolata della Spagna, compie un passo senza precedenti verso destra, mettendo fine al dominio dei socialisti,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL  PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA DI MATTEO SALVINI

ANTICIPAZIONI / ECCO I PUNTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA PER L'ECONOMIA DELLA LEGA. E PORTA LA FIRMA
Continua

 
TUTTI I SONDAGGI INDICANO IL TRACOLLO PD. LA PARTITA DELLE POLITICHE SI GIOCHERA' TRA CENTRODESTRA E M5S (ECCO I DATI)

TUTTI I SONDAGGI INDICANO IL TRACOLLO PD. LA PARTITA DELLE POLITICHE SI GIOCHERA' TRA CENTRODESTRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!