Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

martedì 21 novembre 2017

Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale della Consob, Angelo Apponi, in audizione davanti alla commissione bicamerale d'inchiesta sulle banche non usa mezzi termini e ricostruisce le attivita' di vigilanza dell'Authority scaricando di fatto tutte le colpe sugli vertici dell'istituto senese. "Quello che si poteva fare e' stato fatto il prima possibile", dice Apponi rispondendo alle domande dei parlamentari dopo aver esposto la posizione della Consob in una lunga relazione di 56 pagine, che vale la pena conoscere:

ACQUISIZIONE ANTONVENETA, RISCHI SEGNALATI NEL PROSPETTO

La Consob segnalo' i rischi contenuti nell'operazione di acquisizione di Antonveneta: "Il prospetto informativo relativo all'aumento di capitale riportava, con l'evidenza richiesta dalla normativa europea, tutti i fattori di rischio dell'operazione - dice Apponi - nonche' le informazioni sulla situazione economica e patrimoniale trasmesse dalla Banca d'Italia il 9 aprile 2008". Fare luce per tempo sulla vicenda del Monte dei Paschi per il direttore generale della Consob era di fatto impossibile: "Quando ci si trova di fronte a un tale comportamento (doloso, ndr) e' complesso capire prima come andranno le cose: non si possono colpire le frodi prima che avvengano, ma si puo' intervenire il prima possibile".

PIENA COLLABORAZIONE CON BANKITALIA E GLI ALTRI ATTORI

Fin dall'inizio sulle attivita' di vigilanza su Mps, la Consob "ha collaborato strettamente" con tutti gli attori istituzionali interessati: "Le procure di Siena e di Milano, Bankitalia e la Guardia di Finanza".

SCOPERTA NATURA DERIVATI SOLO DOPO INDAGINE COMPLESSA

"Per quanto ad oggi questa ricostruzione possa apparire nota e pacifica, l'effettiva scoperta della natura e delle finalita' dei contratti stipulati fra Mps e gli intermediari finanziari coinvolti (Alexandria e Santorini, ndr) ha richiesto una lunga e complessa attivita' di indagine, attivita' volta a far emergere quegli elementi di prova che erano stati occultati a mercato ed alle Autorita' di vigilanza", ha chiarito Apponi tornando piu' volte sull'argomento, anche in sede di domande-risposte con i parlamentari.

ESPOSTO ANONIMO SEGNALO' PRATICHE SCORRETTE

"Le pratiche scorrette" portate avanti da alcuni vertici di Monte dei Paschi di Siena "erano state segnalate da un esposto anonimo" arrivato in Consob alla fine dI luglio del 2011. Questi dirigenti si occupavano "dell'acquisto e vendita di strumenti finanziari per conto proprio con operazioni che portavano benefici personali, danneggiando la banca". Inoltre, ha spiegato ancora Apponi, nell'esposto veniva indicata un'"anomala operativita' di Mps riguardo operazioni sui titoli di Stato". Nel corso dell'accertamento avviato da Consob in seguito all'esposto, "sono emersi profili di criticita' attinenti alla possibile violazione delle norme antiriciclaggio", relativamente alle operazioni effettuate dalla societa' di brokeraggio Enigma. 

DA ALEXANDRIA E SANTORINI 737 MLN DI PASSIVITA'

"Gli errori individuati sui derivati Alexandria e Santorini ha detto Apponi - hanno portato Mps, a seguito di un intenso confronto con le autorita' di vigilanza, a rilevare maggiori passivita' alla data iniziale di iscrizione: 308 milioni per Alexandria e 429 milioni di euro per Santorini. Tale correzione, 737 milioni in tutto, e' stata poi materialmente effettuata nel bilancio al 31 dicembre 2012".

AUTHORITY TEDESCA BAFIN NEGO' CARTE SU SANTORINI

"Articolato, sebbene non sempre fruttuoso, e' risultato il rapporto con la BaFin". Cosi' definisce Apponi nella sua relazione il rapporto con l'autorita' di vigilanza tedesca, interessata nelle indagini sul fronte del derivato Santorini, realizzato da Mps con Deutsche Bank. "A fronte di una richiesta della Consob del 18 luglio 2013 - spiega Apponi - la BaFin ha inizialmente replicato l'11 ottobre 2013 rifiutando la trasmissione di informazioni concernenti l'operazione Santorini per asserite limitazioni della normativa tedesca". Nuovamente sollecitata il 16 gennaio 2014, "la BaFin ha replicato il 6 febbraio 2014. Questa volta - continua Apponi - rappresentando che, a seguito del rinvenimento di nuove evidenze documentali comprovanti la vendita diretta dei titoli da Deutsche Bank a Banca MPS, Deutsche Bank aveva modificato le modalita' di contabilizzazione dell'operazione Santorini a partire dal III trimestre 2013".

Rispondendo alle domande dei parlamentari, Apponi ha proseguito l'affondo contro la BaFin: "E' un'Autorita' che anche in sede internazionale disse di non voler consegnare le carte - ha insistito - si e' rifiutata di consegnare le carte su Santorini" e "ci davano le informazioni a pezzetti". 

Quindi, appare in tutta la sua gravità la condotta criminale dei vertici di Monte dei Paschi di Siena allora in strettissima relazione politica con i vertici del Pd. Il Pd a livello locale di Siena provinciale e nazionale e tramite la Fondazione che deteneva forti quote di Mps ha da sempre - da decenni - controllato questa banca. E ora, con Renzi, addirittura si vorrebbe fare "paladino" dei truffati dal sistema bancario italiano. Incredibile, ma è quanto sta accadendo.

Redazione Milano


ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MPS   PD   BANCA   DERIVATI   TRUFFA   SANTORINI   DEUTSCHE   BANK   BAFIN   RENZI   VIGILANZA   CONSOB   BANKITALIA   ALESSANDRIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
 
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
 
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua

 
Articolo precedente   
CLAMOROSO: IL SERVIZIO GIURIDICO DEL PARLAMENTO EUROPEO SCHIANTA LA BCE. NON HA COMPETENZE SUI CREDITI DETERIORATI

CLAMOROSO: IL SERVIZIO GIURIDICO DEL PARLAMENTO EUROPEO SCHIANTA LA BCE. NON HA COMPETENZE SUI
Continua

 

 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!