Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

mercoledì 15 novembre 2017

BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di traverso "all'Europa" o per meglio dire ai circoli di potere della Ue e della Bce.

"Societa' come la Bmc di Bologna, specializzata nella produzione di filtri d'aria, si sta espandendo anche a livello internazionale. Quest'ultima - scrive il quotidiano tedesco Handelsblatt oggi in prima pagina -, appartiene al 30 per cento delle imprese italiane con prodotti concorrenziali a livello internazionale. La zona di Bologna ha aziende in forte espansione, come la Ferrari e la Barilla, ma non sono rappresentative della situazione italiana".

"La terza economia della zona euro - continua il quotidiano tedesco - resta infatti fanalino di coda della crescita europea. Il Fondo monetario internazionale prevede una crescita del Pil dell'1,5 per cento quest'anno. L'Italia e' in ritardo rispetto alla Germania, alla Francia e alla Spagna. L'anno prossimo la distanza sara' ancora maggiore".

"E' difficile immaginare che l'Italia possa superare gli altri Stati in quanto a crescita, ha dichiarato il professore di economia Roberto Perotti dell'Universita' Bocconi di Milano - prosegue l' Handelsblatt -. Gli economisti segnalano, accanto a problemi cronici come l'arretratezza del Mezzogiorno, anche l'assenza di un indirizzo politico efficace: la mancanza di riforme, la burocrazia eccessiva e un apparato statale inefficiente sono un pesante fardello per l'economia del paese mediterraneo".

"Le prossime elezioni politiche della primavera 2018 non preannunciano una maggioranza stabile, e probabilmente ci sara' una coalizione multipartitica: "Questo sarebbe pessimo per l'Italia", afferma il professore. Gli esperti - precisa il quotidiano tedesco - guardano con preoccupazione al momento in cui la Banca centrale europea rallentera' l'enorme acquisto di obbligazioni fin qui operata dall'italiano Mario Draghi. Nel 2016 il debito pubblico italiano ammontava al 132 per cento del Pil. L'Italia deve spendere 70 miliardi di euro all'anno per far fronte ai debiti correnti. La Bce dal marzo del 2015 ha acquistato titoli di stato italiani per un valore pari a 300 miliardi di euro".

"Il programma della Bce ha portato enormi vantaggi che non abbiamo sfruttato, ha dichiarato il professore di economia Gustavo Piga dell'Universita' Tor Vergata di Roma - altro economista intervistato in questo lungo articolo dell'Handelsblatt -. Invece di usare il denaro per l'istruzione e le infrastrutture, Roma, il governo, ha emesso incentivi fiscali per le societa' per le assunzioni e gli investimenti, ma secondo Perotti queste misure si riveleranno un fuoco di paglia. Dei 387.000 dipendenti neo-assunti lo scorso anno, il 94 per cento ha avuto contratti a tempo determinato precari. Il governo dell'ex primo ministro Matteo Renzi aveva orientato la sua riforma del mercato del lavoro per portare piu' italiani a lavori permanenti. Dopo la crisi finanziaria l'economia italiana ha perso circa il 9 per cento del Pil. Dieci istituti bancari hanno dovuto chiudere e molti altri sono tutt'ora in crisi per i crediti deteriorati. Inoltre, il tasso di disoccupazione in Italia e' 11,1 per cento, superiore alla media dell'area euro".

Questo è quanto pensa la stampa tedesca del governo italiano, di Renzi e del disastro che ha combinato nel Paese.

Redazione Milano


MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI
Continua

 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!