Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI: ''FERMATE IL PAZZO!''

venerdì 27 ottobre 2017

Lo strappo, che in realtà è molto più di uno strappo, c'e' e va oltre il dissenso "rispettoso" lasciando sul campo di battaglia della nomina del nuovo Governatore di Bankitalia più morti che feriti, politicamente parlando. Sul terreno rimane una scia di tensioni, che hanno portato ai minimi termini i rapporti tra Paolo Gentiloni e alcuni dirigenti dem, primo dei quali Renzi.

Si provera' a ricucire subito, questo fine settimana, quando il premier, accolto (col pugnale in tasca) da Matteo Renzi, salira' sul palco della conferenza programmatica del Pd a Napoli, dove il segretqrio più divisivo che la storia sempre tormentata di questo partito e dei sui predecessori ricordi, proverà a invertire la tendenza che ha visto, da Prodi a Napolitano, fino all'addio di Pietro Grasso di ieri fatto sbattendo letteralmente la porta, sempre piu' "big" del Pd prendere le distanze da Renzi.

Ma la rottura sulla conferma di Visco al vertice di Bankitalia, che ha visto il premier imporsi sul segretario, rischia di non restare un caso isolato. Perche' Renzi ha dismesso i panni zen per la modalita' d'attacco a lui piu' congeniale, attacco sgangherato, inconcludente e sempre più solitario.

Gentiloni, assicurano dal governo, non tradira' la linea che si e' dato, ovvero non darà le dimissioni, come piacerebbe a Renzi e continuera' a "surfare" nelle acque agitate di fine legislatura, mediando fino all'ultimo, per portare a casa il risultato della legge di bilancio, ma certamente non dello ius soli, che condannerebbe il suo governo alla sfiducia e all'immediata caduta.

Nelle commissioni, dicono dal Senato, il Pd e' gia' abituato a fare a meno di Mdp e non verra' certo rifiutato il soccorso di Verdini: nessun passaggio e' scontato, ma la manovra - e' la convinzione - arrivera' in porto senza grossi scossoni. Una mediazione, raccontano fonti di governo, Gentiloni l'ha tentata fino all'ultimo anche su Banca d'Italia, nonostante da giorni ormai i renziani considerassero scontata la conferma di Visco.

Si e' tentato, riferiscono piu' fonti, di cercare altre strade, incluso il nome di Fabrizio Saccomanni, ben accolto in Bankitalia. Ma alla fine ha prevalso la linea del rinnovo di Visco, condivisa dal Quirinale in una logica di tutela dell'autonomia di Bankitalia e soprattutto voluta da Mario Draghi che vuole mantenere nel vertice della Bce un alleato di ferro qual è Visco. Probabilmente è per questo, che Gentiloni ha preso la prima decisione di rottura con Renzi.

Non e' la prima volta, racconta in realta' il segretario, pur ribadendo amicizia e stima per Gentiloni, che c'e' stata divergenza tra Chigi e il Nazareno, ma ogni volta le tensioni sono state tenute sotto traccia in nome dell'unita'. Questa volta no, perche' il tema delle banche viene ritenuto fondamentale da Renzi anche in vista della campagna elettorale. Ed è tuttavia paradossale questa linea di Renzi su Bankitalia e Visco, perchè i disastri di Mps - provocati da vertici tutti nominati dal Pd - i disastri di Banca Etruria & sorelle fallite, trasformati in una catastrofe per decine di migliaia di risparmiatori letteralmente rapinati dal "decreto salva-banche" (cioè salva banchieri) è altro "merito" di Matteo Renzi presidente del Consiglio. Quindi, Renzi è al di là di ogni dubbio il vero e unico responsabile di quanto di peggio è accaduto nel settore bqncario italiano in questi anni, e che ora si vesta dei panni del paladino di chi ha perso tutto, essendone lui il responsabile, è a dir poco grottesco.

E così i parlamentari piu' vicini a Renzi in commissione d'inchiesta sulle banche porteranno avanti la linea dura, senza risparmiare nessuno, dicono senza temere il ridicolo: dal riconfermato governatore, che sara' audito a breve, fino alla Consob di Giuseppe Vegas, che e' in scadenza e sulla cui sostituzione si e' gia' aperta sotto traccia una nuova partita.

Intanto, pero', la linea d'attacco decisa da Renzi su ogni singolo tema, dalle banche fino alle pensioni, non aiuta - sottolineano i dirigenti non-renziani del Pd - in quell'opera di ricomposizione necessaria in vista di elezioni che vedranno di nuovo in campo le coalizioni. Piuttosto, il contrario.

"La destra una coalizione ce l'ha gia', noi no", non si stancano di ripetere da Andrea Orlando a Dario Franceschini, abili navigatori dei canali sotterranei del Pd. Lo stesso segretario, assicurano i renziani, ne e' consapevole: cerchera' di allargare il piu' possibile il dialogo a sinistra, come dimostra l'aver citato il nome di Pisapia tra i suoi interlocutori, nel giorno del via libera al Rosatellum, ma è un'altra uscita priva di contenuto politico, dato che non è più Pisapia il punto di mediazione con la numerosa componente di Pdp.

E se i renziani danno per impossibile un'alleanza elettorale con Mdp, all'appello delle sconfitte di Renzi manca - solo perchè il voto non c'è ancora stato, la brutale legnata delle elezioni siciliane, sulle quali grava come un macigno di svariate tonnellate di peso politico sul Pd un nome simbolo come Pietro Grasso che si è dimesso dal Pd renziano un minuto dopo il voto di fiducia al Senato sulla legge elettorale.

E' bene sapere che i renziani su Pietro Grasso esprimono giudizi che dir negativi e' poco: "Ci fa la guerra da anni - dice un dirigente - ora vuole giocarsi la partita dentro Mdp, ma dopo aver bruciato Pisapia bruceranno anche lui". Ma la sensazione, ammettono in casa Dem, e' di un altro pezzo di sinistra che se ne va. 

Vista con gli occhi delle opposizioni, la situazione del Pd guidato da Renzi è diventata ormai "imbarazzante". Lo ha detto a chiare lettere Roberto Calderoli nel suo intervento sul voto di fiducia sulla legge elettorale a Palazzo Madama: "Dopo avere perso il referendum costituzionale, dopo avere fatto invadere l'Italia da masse di disperati africani senza alcun diritto di soggiorno nella Ue, dopo avere subito anche l'utlimo schiaffo del sucesso dei due referendum sull'autonomia di Veneto e Lombardia sui quali ha remato contro fin dal primo giorno, dopo tutto questo, adesso Renzi sta distruggendo lo stesso partito di cui è segretario. Fermate il pazzo!".

E Calderoli ha concluso: “Ve lo dico da amico: fermate il pazzo. Ha distrutto il partito e oramai e’ rimasto solo un giovane e vecchio segretario democristiano".

Redazione Milano 


RENZI SCHIANTATO SU BANKITALIA, REFERENDUM COSTITUZIONALE E REFERENDUM SULL'AUTONOMIA. CALDEROLI: ''FERMATE IL PAZZO!''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

RENZI   REFERENDUM   AUTONOMIA   ITALIA   DRAGHI   VISCO   BANCHE   MPS   ETRURIA   BCE   LEGGE   ELETTORALE   ROSATELLUM   GRASSO   DIMISSIONI   GENTILONI  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI, CONSOLIDAMENTO INEVITABILE''

ALLARME ROSSO DEL QUOTIDIANO HANDELSBLATT: ''BANCHE DELLA GERMANIA IN CATTIVE CONDIZIONI,

martedì 10 dicembre 2019
BERLINO - Nubi di tempesta finanziaria si stanno addensando sulle banche tedesche. Per le banche della Germania, il consolidamento - ovvero una forte ricapitalizzazione - e' "inevitabile" perche' si
Continua
 
SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU' (IN LITUANIA IL 51%)

SONDAGGIO DELLA UE SUL ''GRADIMENTO'' DELL'EURO: IN ITALIA E' AL MINIMO, IL 45% NON LO VUOLE PIU'

lunedì 9 dicembre 2019
LONDRA - Ogni anno l'Unione Europea fa un sondaggio per vedere quanto e' popolare la moneta unica e quest'anno il risultato e' piuttosto sorprendente. A prima vista le 17mila e 500 persone
Continua
ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL SUPERSTATO UE ''NON SERVE''

ECONOMISTI TEDESCHI ELOGIANO LA GRAN BRETAGNA ''SENZA EURO HA EVITATO LA CRISI'' E SCHIANTANO IL

lunedì 2 dicembre 2019
LONDRA - "La decisione della Gran Bretagna di rimanere fuori dall'euro e' la miglior decisione che il governo britannico potesse prendere". Effettivamente sono un folle potrebbe pensarla
Continua
 
IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I CONTI CATASTROFICI

IL QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT ACCUSA LA COMMISSIONE UE: APPOGGIA IL GOVERNO PD-M5S NONOSTANTE I

giovedì 21 novembre 2019
Due pesi e due misure con l'Italia, a seconda di chi c'è al governo. A scriverlo non è la stampa "sovranista" ma un quotidiano autorevole e ferreo conservatore tedesco.  "Nei
Continua
CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA FINANZIARIA...

CASI PSICHIATRICI: 1.776 EMENDAMENTI ALLA FINANZIARIA PRESENTATI DAI PARTITI CHE HANNO SCRITTO LA

mercoledì 20 novembre 2019
Chi propone la reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, chi chiede l'abolizione di Quota 100, chi sollecita interventi per il recupero di Venezia e chi misure per il sostegno dei neonati e della
Continua
 
DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E' CERTEZZA DEL DIRITTO

DER SPIEGEL SCHIANTA IL GOVERNO CONTE: FA MORIRE L'INDUSTRIA ITALIANA MINISTRI INCAPACI E NON C'E'

lunedì 18 novembre 2019
BERLINO - Terza economia dell'Eurozona, l'Italia vede la propria industria "morire in bellezza". E' quanto afferma il settimanale tedesco "Der Spiegel", commentando la decisione del gruppo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FORZA ITALIA: AL GOVERNO PD-M5S PIACCIONO LE SERRANDE ABBASSATE.

10 dicembre - Il deputato e capogruppo di Forza Italia in commissione Bilancio Andrea
Continua

CALDEROLI: ''GOVERNO CANCELLA CEDOLARE SECCA PER NEGOZI. MIGLIAIA

10 dicembre - ''Questo Governo fa davvero più danni della grandine. L'assurda
Continua

SALVINI: SULL'ILVA IL GOVERNO E' RIUSCITO A PEGGIORARE LA

10 dicembre - ''Sull'Ilva il governo e' riuscito a peggiorare una situazione gia'
Continua

SONDAGGI IN GRAN BRETAGNA CONCORDANO: TORY IN AMPIO VANTAGGIO,

9 dicembre - LONDRA - Tutti i principali quotidiani pubblicano sondaggi sul voto di
Continua

GENTILONI: ''PER IL 2020 NON E' PREVEDIBILE CHE IL PIL

9 dicembre - In Eurozona ''non ci sono al momento attendibili previsioni sulla
Continua

LA FRANCIA IN RIVOLTA CONTRO MACRON E LA SUA LEGGE SULLE PENSIONI

5 dicembre - Sono 250 mila i manifestanti scesi in piazza contro la riforma delle
Continua

SPREAD DECOLLA, GLI SPECULATORI SI SONO STUFATI DEL GOVERNO CONTE

5 dicembre - Chiusura in netto allargamento per lo spread tra BTp e Bund sul mercato
Continua

BORGHI INCHIODA IL MINISTRO BELLACIAO GUALTIERI

5 dicembre - Il parlamentare leghista Claudio Borghi insiste e, su twitter, si
Continua

GIORGIA MELONI: LA PRESCRIZIONE TEMA PIU' INSIDIOSO DEL MES, PER

5 dicembre - ''Il tema della prescrizione mi sembra piu' insidioso per il governo
Continua

TUTTA LA FRANCIA IN SCIOPERO CONTRO MACRON: LE PENSIONI NON SI

5 dicembre - PARIGI - La Francia si ferma per protesta contro la ventilata riforma
Continua

UNIONE BANCARIA? MANCO PER IDEA. CENTENO SMENTISCE: ''NON L'ABBIAMO

5 dicembre - BRUXELLES - Come volevasi dimostrare, l'unione bancaria che
Continua

SONDAGGIO:55% NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO 53% PER ELEZIONI SALVINI

5 dicembre - Secondo un sondaggio Emg Acqua presentato oggi ad ''Agora''' su Rai3, il
Continua

DUE AFRICANI DEI BARCONI ARRESTATI PER RAPINA IN STRADA A UN

4 dicembre - Con l'accusa di rapina in concorso i carabinieri hanno arrestato a
Continua

4 dicembre - Il gruppo di Forza Italia alla Camera perde un deputato: Antonino
Continua

RENZIANI: SULLA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA DI M5S VOTEREMO CON LE

4 dicembre - ''L'idea perversa di processi eterni con noi non passerà : se il tema
Continua

SONDAGGIO: LA LEGA CRESCE E ARRIVA AL 33,8% SALE FDI AL 10% FORZA

3 dicembre - La Lega di Matteo Salvini torna a crescere dopo una battuta di arresto
Continua

ECONFIN SMENTISCE CONTE: ''ACCORDO SUL MES FATTO A GIUGNO''.

2 dicembre - PARIGI - Se il governo Conte sperava - come scrive oggi Repubblica - in
Continua

M5S: SUL MES IL PARLAMENTO DEVE AVERE L'ULTIMA PAROLA E SARA' TRA

2 dicembre - La riforma del Mes va ''discussa nel merito'' e ''solo al termine del
Continua

LEGA: 19 GIUGNO IL PARLAMENTO HA POSTO IL VETO AL MES. CONTE HA

2 dicembre - ''Dimostri di avere a cuore la Costituzione. Vada dal Presidente
Continua

IL PD IN REGIONE TOSCANA NEGA L'AUDITORIUM PER PRESENTAZIONE LIBRO

28 novembre - FIRENZE - ''Negato, in modo per noi inspiegabile, l'utilizzo
Continua
Precedenti »