Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

mercoledì 18 ottobre 2017

Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia all'Italia. Sei sono finiti in carcere, tre ai domiciliari, quali organizzatori e componenti dell'associazione a delinquere internazionale finalizzata al riciclaggio di gasolio libico rubato dalla raffineria libica di Zawyia (40 chilometri a ovest da Tripoli) e destinato, dopo miscelazione, ad essere immesso nel mercato italiano ed europeo anche come carburante da autotrazione.

Il gruppo criminale, che si e' avvalso anche della complicita' di miliziani libici armati dislocati nella fascia costiera confinante con la Tunisia, e' stata altresi' contestata l'aggravante mafiosa considerata la presenza nell'organizzazione di Nicola Orazio Romeo, ritenuto vicino alla cosca mafiosa dei Santapaola-Ercolano.

In un anno di indagini, i militari sono riusciti a documentare dettagliatamente oltre 30 viaggi nei quali sono stati importati via mare dalla Libia oltre 80 milioni di chili di gasolio per un valore all'acquisto di circa 30 milioni di euro. Tra i soggetti coinvolti nel traffico internazionale di prodotti petroliferi libici e destinatari della misura in carcere figurano l'amministratore delegato della Maxcom Bunker Spa Marco Porta, 48 anni, Fahmi Mousa Saleem Ben Khalifa, detto "il Malem" (il capo), nativo di Zuwarah (Libia), fuggito dal carcere nel 2011 con la caduta del regime di Gheddafi dove stava scontando una condanna a 15 anni per traffico di droga e ha guidato una milizia armata stanziata nella zona costiera al confine con la Tunisia ed e' stato recentemente posto agli arresti per contrabbando di carburanti da parte delle Autorita' libiche.

Arrestato anche il catanese Nicola Orazio Romeo, 45 anni, indicato da alcuni collaboratori di giustizia quale appartenente alla frangia mafiosa degli Ercolano e ritenuto, in una conversazione captata tra gli indagati, quale soggetto della "mala, quella giusta, quella che non lo tocca nessuno". Romeo e' parte integrante della componente maltese dell'organizzazione la cui funzione primaria e' stata quella di organizzare i trasporti del gasolio libico via mare: i cittadini maltesi Darren Debono, 43 anni, e Gordon Debono, 43 anni.

I maltesi con Romeo hanno curato il trasporto via mare gestendo, al contempo, il reticolo di societa' commerciali coinvolte nel business; il libico, originario di Zuwara, Tareq Dardar, quale collettore dei pagamenti e dei flussi finanziari veicolati su conti esteri collegati a Ben Khalifa. 

Per coloro che non sono stati rintracciati nel territorio nazionale, la Procura distrettuale di Catania ha richiesto l'emissione di un mandato d'arresto internazionale. L'amministratore delegato della Maxcom Bunker Spa, societa' con sede legale a Roma, attiva nel commercio all'ingrosso di prodotti petroliferi e di bunkeraggio delle navi, si e' avvalso della complicita' di alcuni dipendenti della societa', raggiunti dalla misura cautelare degli arresti domiciliari.

Si tratta di Rosanna La Duca, 48 anni, consulente esterna della Maxcom Bunker, Stefano Cevasco, 48 anni, addetto all'ufficio commerciale, Antonio Baffo, 61 anni, responsabile del deposito fiscale di Augusta.

Il gasolio libico - trafugato dalla N.o.c. (National Oil Corporation), la compagnia petrolifera nazionale della Libia, riciclato e immesso, all'insaputa dei consumatori finali, anche presso distributori stradali - e' un carburante avente tenore di zolfo minore di 0,1% ed e' destinato al "bunkeraggio" ossia al rifornimento, in ambito portuale, di carburanti o di combustibili ad unita' navali.

Il prodotto, dopo miscelazioni presso uno dei depositi fiscali della Maxcom di Augusta, Civitavecchia e Venezia, veniva immesso nel mercato italiano ed europeo (Francia e Spagna in particolare) ad un prezzo similare a quello dei prodotti ufficiali pur essendo la qualita' dello stesso inferiore.

Il gruppo mirava ad acquisire la disponibilita' di un flusso continuo di gasolio libico ad un prezzo ribassato rispetto alle quotazioni ufficiali (in alcuni casi anche fino al 60%) cosi' garantendo alla societa' italiana acquirente un margine di profitto costante e piu' elevato.

Gli ideatori dell'affare internazionale, al fine di ostacolare la ricostruzione dei passaggi materiali, documentali e finanziari sottesi al commercio di gasolio, hanno costruito un variabile sistema di societa', a piu' livelli, poste fittiziamente tra venditori e acquirenti finali.

La frode e' stata attuata mediante il ricorso a falsa documentazione attestante inizialmente l'origine saudita del gasolio "libico" e poi, successivamente, la non veritiera cessione del carburante da una delle societa' sussidiarie della National Oil Corporation. In una fase successiva, a seguito dell'improvvisa attenzione mediatica sul fenomeno, l'organizzazione ha mutato il sistema di frode: il prodotto non era piu' accompagnato da certificati attestanti la falsa origine saudita ma da falsi certificati libici, realizzati attraverso la pratica corruttiva in quel Paese.

E' stato accertato che Ben Khalifa, controllando le acque antistanti i porti libici di Abu Kammash e Zwarah, consentiva a navi cisterna di rifornirsi del gasolio proveniente dalle raffinerie attraverso pescherecci appositamente modificati e altre navi cisterna di piccole dimensioni. Alcune di queste navi, giunte al largo di Malta, procedevano ad un ulteriore trasbordo su natanti nella disponibilita' di societa' maltesi, le quali s'incaricavano poi di trasportarlo presso porti italiani per conto della societa' Maxcom Bunker. I natanti utilizzati per l'illecito trasporto disattivavano il dispositivo di identificazione al fine di celare la loro reale posizione. 

Questa inchiesta porta un'altra volta a Malta, crocevia di affari criminali di livello mondiale. 

Redazione Milano


TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE DIVIETO''

ACCORDO M5S-LEGA SU SICUREZZA: ''SEQUESTRO E CONFISCA NAVI CHE ENTRANO IN ACQUE ITALIANE A FRONTE

giovedì 18 luglio 2019
Le navi confiscate perché entrate in acque territoriali italiane a fronte di un divieto di ingresso delle autorità potranno essere vendute. Lo prevede una riformulazione di vari
Continua
 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E L'ONORE DELL'ITALIA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG OGGI IN PRIMA PAGINA: ''SALVINI VUOLE RIPRISTINARE LA GLORIA E

martedì 16 luglio 2019
BERLINO - Fa una certa impressione, se si pensa che oggi campeggiava sulla prima pagina del principale quotidiano tedesco. "Con le sue politiche, il vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini,
Continua
SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI MUSULMANI ALGERINI

SOCIETA' MULTIRAZZIALE PROVOCA SOLO DANNI. L'ESEMPIO? PARIGI MESSA A FERRO E FUOCO DA BANDE DI

lunedì 15 luglio 2019
LONDRA - Per capire il perche' la societa' multirazziale provoca solo danni basta guardare cosa succede in Francia dove immigrati musulmani di seconda e terza generazione trovano sempre delle scuse
Continua
 
INCHIESTA /  ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2 MILIARDI DI EURO L'ANNO!

INCHIESTA / ABBIAMO FATTO LA ''SPENDING REVIEW'' ALLA UE COMINCIANDO DAL PARLAMENTO CHE COSTA 2

lunedì 15 luglio 2019
Una strana cortina pare scesa sull’unione europea: provate a digitare sui motori di ricerca “sprechi ue”, “sprechi dell’unione europea”, “inchiesta sugli
Continua
MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI (LETTERA FIRMATA)

MA GUARDA: BANCHE D'AFFARI ANGLO-TEDESCHE VOLEVANO COMPRARE PETROLIO DAI RUSSI, ALTRO CHE SAVOINI

sabato 13 luglio 2019
 "Apprendo con stupore dagli organi di stampa che questo incontro avrebbe indotto una Procura del Repubblica ad avviare una inchiesta per reati come corruzione internazionale o finanziamento
Continua
 
CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA LA GUERRA CIVILE

CLAMOROSO / MACRON ARMA LE MILIZIE ISLAMICHE IN LIBIA! ALTRO CHE ''PACIFICAZIONE''! MACRON ALIMENTA

mercoledì 10 luglio 2019
Cosa ci facevano quattro missili anticarro Javelin "made in Usa" acquistati dalla Francia nel 2010 nel Comando del generale Khalifa Haftar a sud di Tripoli? E' questa la domanda che emerge dopo lo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO
Continua

 
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!