Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA DI CHRISTIAN STRACHE

mercoledì 27 settembre 2017

VIENNA - Gli austriaci tornano alle urne il prossimo 15 ottobre per rinnovare entrambe le camere del Parlamento, il Nationalrat e il Bundesrat, con un anticipo di un anno sulla naturale fine della legislatura, dato il fatto che i due partiti che formano la "grande coalizione", popolari e socialdemocratici, alle presidenziali sono stati clamorosamente sconfitti entranbi con percentuali catastrofiche.

A maggio scorso infatti, a seguito di quel voto, si era rotto il patto di coalizione tra socialdemocratici e popolari.

Ora, complessivamente saranno 10 le liste che si presenteranno agli elettori: la Spoe, i socialdemocratici del cancelliere uscente Christian Kern; l'Oevp, i popolari conservatori di destra guidati dal giovanissimo ex ministro degli Esteri Sebastian Kurz; l'Fpoe, la destra nazionalista di Heinz-Christian Strache; i Verdi capitanati da Ulrike Lunacek; il neo partito liberale Neos di Matthias Strolz, la lista Pilz di Peter Pilz; Weisse di Isabella Heydarfadai; la Floe di Barbara Rosenkranz; Kpoe Plus di Mirko Messner; Gilt di Guenther Lassi.

Gli ultimi sondaggi registrano un vantaggio per il partito popolare di Kurz, grazie alle sue posizioni contro l'immigrazione in Austria, sul rifiuto dell'islam in Austria e le forti critiche alla Ue e anche all'euro - posizioni "fotocopia" della destra di Strache. Oggi, il partito popolare è accreditato  con il 33% dei voti.

Seguono con identiche percentuali, almeno stando ai sondaggi, i socialdemocratici di Kern con il 24%, e con la stessa percentuale  il partito della nuova destra nazionalista austriaca, il FPOE, guidato da Christian Strache.

Ben distanziati e tutti poco sopra la soglia del 5%, ma l'errore statistico potrebbe anche tutti condannarli a non entrare nel Parlamento, altri tre partiti: i Verdi (a cui appartiene l'attuale presidente della Repubblica), il Neos e le Liste Pilz. Tutte le altre liste che sipresentano ai seggi del 15 ottobre hanno pochissime possibilità di superare lo sbarramento.

Per il futuro governo, quindi, sono possibili solo due diverse coalizioni: una riedizione dell'attuale Grande Coalizione, ma a ruoli invertiti, che appare la meno probabile vista la cocente sconfitta in Germania dei partiti che la formavano, quindi in questo caso con l'esponente popolare alla guida del governo; oppure in alternativa una coalizione tra popolari destra nazionalista, che appare possibile, se supererà alle urne i socialdemocratici. Una invece tra popolari, verdi e Neos - sempre che superino lo sbarramento entrambi - sarebbe possibile sulla carta, ma impraticabile per le contrapposte posizioni politiche sull'immigrazione, la Ue e l'euro. 

E intanto, la destra di Strache si è complimetata per il successo elettorale dei nazionalisti in Germania: "Afd grande vincitore con il terzo posto! Congratulazioni da Vienna!". Con questo messaggio il presidente del Partito della libertà austriaco, Strache, si è rallegrato per il risultato del partito di destra tedesco Alternativa per la Germania nelle elezioni di domenica 24 settembre. "Il desiderio di cambiamento nel Paese nostro vicino si è mostrato con chiarezza", ha proseguito il leader della formazione nazionalista austriaca che fu di Jörg Haider.

Anche il segretario generale Fpoe, Herbert Kickl, si è congratulato per il risultato di Afd. "Il dissenso contro la distribuzione di soldi dei contribuenti a qualunque Paese in difficoltà nell'Ue e l'inconcepibile flusso di migranti accolti nel 2015 è il segnale che gli europei desiderano una svolta nella politica", ha scritto Kickl in un comunicato.

"Così - prosegue - gli elettori tedeschi hanno punito la 'Grande coalizione' tra cristiano-democratici della Cdu e i socialisti dell'Spd. Allo stesso modo - conclude Kickl - gli austriaci castigheranno la 'Grande coalizione' al governo in Austria e composta da socialdemocratici e democristiani".

Secondo diversi commentatori austriaci, dopo quanto accaduto in Germania con l'ascesa formidabile della nuova destra di AfD, è probabile che anche l'Austria si orienti a destra. Il 15 ottobre è vicino. 

Redazione Milano


IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA DI CHRISTIAN STRACHE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

AUSTRIA   ELEZIONI   OTTOBRE   VIENNA   DESTRA   NAZIONALISTI   AFD   FPOE   STRACHE   KURZ   POPOLARI   ISLAM   MIGRANTI   UE   EURO   FRONTIERE   VERDI   SONDAGGI   KICKL   CDU   SPD   MERKEL   SCONFITTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA VINTO DEMOCRATICAMENTE

GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA
Continua

 
SVIZZERA: VIETATO FINANZIAMENTO MOSCHEE E CENTRI ISLAMICI CON FONDI DALL'ESTERO E OBBLIGO USO FRANCESE TEDESCO ITALIANO

SVIZZERA: VIETATO FINANZIAMENTO MOSCHEE E CENTRI ISLAMICI CON FONDI DALL'ESTERO E OBBLIGO USO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!