Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA VINTO DEMOCRATICAMENTE

lunedì 25 settembre 2017

BERLINO - Mentre in Italia la sinistra e il Pd guardano con spavento al clamoroso successo della nuova destra di AfD in Germania sventolando lo spauracchio di un ritorno del "nazismo", stupidaggine clamorosa ovviamente, la stampa tedesca ed europea invece analizzano il risultato elettorale con calma e intelligenza: "Per la grande coalizione tramontata, la politica sui rifugiati della Merkel si e' rivelata una zavorra che ha portato gravi perdite ad entrambi i partner". Questa la lettura dell'esito elettorale che stamane Berthold Kohler, editore della 'Frankfuerter Allgemeine' pubblica sul sito.

In apertura il titolo 'Shock per il sistema'. "Merkel potra' rimanere cancelliera se riuscira' a forgiare un'alleanza nero-giallo-verde. Non sara' facile", scrive ancora Kohler.

Si', perche' la Cancelliera ha vinto per la quarta volta le elezioni, ma e' stata "la sua vittoria piu' amara", titola invece 'Die Zeit', dal momento che ha subito "grandi perdite e l'assalto dei populisti di destra dell'AfD in parlamento".

È questa infatti la seconda grande notizia emersa dalle urne di ieri che hanno riservato la sorpresa del 12.9 per cento di voti al partito di destra, 94 seggi in parlamento. Per il 'Tageszeitung' in realta' "non hanno nessuna possibilita'" di successo nel tempo, perche' criticano tutto della Germania. E poi perche' "secondo gli studi di Wilhelm Heitmeyer" in Germania "c'e' sempre stata una fetta del circa 20 per cento della popolazione che segue visioni del mondo nazionalistiche e/o populistiche". Sarà, ma fino ad avantieri questo 20% non si era espresso, mentre ora è addirittura tornato alle urne apposta per votare AfD, come mostra l'incremento dei votanti rispetto il 2013 e il contemporaneo forte incremento di voti per la nuova destra tedesca.

"È giusto così" scrive invece stamattina 'Der Spiegel'. "Angela Merkel merita questa sconfitta, e' la sua sconfitta, anche in queste proporzioni", frutto del suo "governo del silenzio: non irritare nessuno, tranquillizzare tutti, nessun grande dibattito, nessun grande cambiamento, consenso, il piu' ampio possibile, preferibilmente in una grande coalizione".

"Naturalmente, e' un disastro" l'esito dell'AfD, ma tra i dati positivi, il Der Spiegel elenca il fatto che "la democrazia liberale ha bisogno di una forte opposizione da parte di un partito liberale", come fara' l'SpD di Martin Schulz, grande sconfitto; la nuova coalizione "Giamaica" potrebbe portare a "una modernizzazione dell'economia tedesca con un impatto verde".

"Questo risultato elettorale, e una coalizione che non sara' facile da guidare, potrebbe rendere piu' umile la Merkel". E poi l'AfD e' cosi' frammentato che le battaglie interne non tarderanno ad arrivare, conclude speranzoso il Der Spiegel che non ha mai nascosto la sua avversione alla nuova destra trionfante in Germania.

Fuori dalla Germania, la testata 'Politico.eu' sostiene che questo e' stato "l'inizio del tramonto della Merkel", ma "non e' Weimar" poiche' "la stragrande maggioranza dei tedeschi non ha votato per l'AfD e la maggior parte di coloro che lo hanno fatto, lo ha fatto per protesta". Anche qui, traspare il tentativo di ridurre la portata della vittoria di AfD, novità assoluta nel sonnolento panorama politico tedesco degli ultimi anni.

Sul quotidiano francese 'Le Monde' si legge stamattina che "Merkel e' indebolita, di fronte a un paesaggio politico in gran parte inedito", mentre per 'Le Figaro' e' una "amara vittoria", ma non esita a definire Angela Merkel "formidabile stratega". Spostandosi nel Regno Unito, il 'Guardian' scrive:"Qualsiasi coalizione formera' la Merkel, non fara' grande differenza per Brexit, ma potra' rendere le indispensabili riforme dell'euro e della Ue piu' difficili". Decisa l'austriaca 'Die Presse': e' uno "schiaffo in faccia" il fatto che AfD nella Germania dell'est si sia affermato come il secondo partito. E in Sassonia, sia diventato il primo.

Redazione Milano.


GRANDE STAMPA TEDESCA ED EUROPEA CRITICANO LA MERKEL E NON ATTACCANO LA NUOVA DESTRA DI AFD: HA VINTO DEMOCRATICAMENTE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

QUOTIDIANI   ELEZIONI   GERMANIA   FRANKFURTER   ALLGEMEINE   ZEITUNG   DIE   ZEIT   DER   SPIEGEL   LE   MONDE   FIGARO   DIE   PRESSE   GUARDIAN   MERKEL   CDU   CSU   SPD    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA BASE DEL SUCCESSO

AFD HA PORTATO A VOTARE 1,2 MILIONI DI ELETTORI CHE NEL 2013 AVEVANO DISERTATO LE URNE: QUESTA, LA
Continua

 
IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA DI CHRISTIAN STRACHE

IL 15 OTTOBRE SI VOTA IN AUSTRIA, SI VA VERSO UNA MAGGIORANZA CENTRO-DESTRA CON DESTRA NAZIONALISTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!