Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO

lunedì 18 settembre 2017

PARIGI - La Francia dichiara guerra ai motori diesel. Il governo francese prevede un inasprimento della tassa "bonus-malus" sulle emissioni inquinanti degli scarichi delle automobili, soprattutto di quelle diesel: lo scrive il quotidiano economico "Les Echos" ricordando come gia' ora in Francia tutti i proprietari di veicoli paghino una tassa anti-inquinamento sulla base di un sistema bonus-malus basato sulle emissioni di anidride carbonica delle loro autovetture.

L'attuale soglia minima sara' ulteriormente abbassata a 120 grammi di CO2 al chilometro, con una tabella progressiva di nuova tassazione che andra' dai 50 ai 10.500 euro all'anno per i mezzi piu' inquinanti che emettono oltre 185 grammi di CO2 al chilometro.

La misura sara' comunque inserita nella Legge finanziaria per il 2018 e fa parte di un grande piano di revisione dell'intero sistema dei trasporti pubblici e privati che sara' presentato domani martedi' 19 settembre nel corso delle Assise della mobilita': l'obbiettivo di questo ambizioso esercizio di concertazione e' di "rivedere gli equilibrio e l'efficacia dei trasporti tradizionali, favorendo l'emergere di nuovi modelli di mobilita'", come ha spiegato dalla ministra dei Trasporti, Elisabeth Borne.

In concreto per gli automobilisti, i consumatori e le famiglie francesi questo significhera' un nuovo inasprimento della "guerra al diesel": il governo sembra infatti orientato a confermare un ulteriore aggravio del bollo auto che gia' penalizza i veicoli alimentati a nafta, che dagli odierni 30 euro dovrebbero arrivare nel 2022 a pagare 86 euro in piu'; a cio' si aggiungera' anche il progressivo allineamento delle accise sul carburante diesel a quelle applicate sulla benzina, con un aggravio di 2,6 centesimi di euro all'anno.

"Les Echos" gia' prefigura che al centro delle imminenti "Assise della Mobilita'" ci sara' la questione di come evitare che a fare le spese di questo aumento di questi carichi fiscali siano le fasce piu' povere del "popolo della strada": l'idea di base, riferisce il quotidiano, e' di dirottare una parte dei proventi di queste nuove tasse per finanziare dei nuovi incentivi all'acquisto che favoriscano il rinnovo del parco auto francese, l'abbandono dei veicoli a motore diesel ed il passaggio a combustibili meno inquinanti (benzina ma soprattutto alimentazione elettrica).

E poi c'e' naturalmente la prevedibile protesta sociale delle categorie professionali che piu' utilizzano mezzi di trasporto individuali, dagli autotrasportatori ai tassisti, dagli agricoltori ai rappresentanti di commercio: l'attuale sistema di rimborsi sara' mantenuto, promette il governo. Ma e' facilmente immaginabile un braccio di ferro con le categorie coinvolte sull'ammontare dei rimborsi o delle esenzioni fiscali: "Siamo pronti a scendere in piazza per difendere i nostri diritti (ad inquinare con i motori diesel)", avverte il segretario generale dell'Unione dei trasportatori (Tfl), Yves Fargues.

Intanto la citta' di Parigi e la sua regione dell'Ile-de-France oggi lunedi' 18 settembre presentano un piano per favorire la condivisione delle auto allo scopo di ridurre il traffico e l'inquinamento provocato dalle emissioni automobilistiche. L'obbiettivo, ha spiegato la presidente della Regione dell'Ile-de-France, Valèrie Pècresse, e' di raddoppiare il numero di passeggeri che nelle ore di punta si spostano in automobile: "La condivisione dell'auto e' la nuova pratica ecologica che e' indispensabile sviluppare per lottare contro la congestione del traffico", ha detto.

Verranno quindi create aree di incontro per la condivisone; alle auto condivise saranno dedicati appositi parcheggi nel centro di Parigi e saranno aperte le corsie preferenziali finora riservate a bus e taxi; infine saranno lanciate delle offerte promozionali che coinvolgono sia aziende private che un rimborso di 2 euro a tragitto condiviso: pr quest'ultima iniziativa la Regione ha gia' stanziato 500 mila euro.

Redazione Milano


LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   MOTORI   DIESEL   INQUINAMENTO   TASSA   RIDUZIONE   ELETTRICI   BENZINA   MEZZI   TRASPORTO   GOVERNO   MACRON  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
SONDAGGIO: IL 50% DEI GIOVANI ITALIANI E' CONVINTO CHE NELLA VITA GUADAGNERA' MOLTO MENO DEI PROPRI GENITORI (DISASTRO)

SONDAGGIO: IL 50% DEI GIOVANI ITALIANI E' CONVINTO CHE NELLA VITA GUADAGNERA' MOLTO MENO DEI PROPRI

martedì 10 ottobre 2017
Le aspettative salariali dei giovani, in Italia, sono sempre più pessimiste. E' quanto rileva un sondaggio globale realizzato da Monster sui guadagni potenziali dei giovani lavoratori rispetto
Continua
 
TASSA SUI SACCHETTI DEI SUPERMERCATI E ALTRE STUPIDATE: MANOVRA 2018 SCRITTA DAL PD PER NON PERDERE (TROPPO) LE ELEZIONI

TASSA SUI SACCHETTI DEI SUPERMERCATI E ALTRE STUPIDATE: MANOVRA 2018 SCRITTA DAL PD PER NON PERDERE

lunedì 9 ottobre 2017
Ottobre, mese di funghi e manovre finanziarie. Quella del governo italiano, da circa 20 miliardi (40.000.000.000.000 di vecchie lire) si appresta a passare alla storia come l’ennesima manovra
Continua
SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA' BATTUTO L'URSS, ATTENTI!

SOLIDARNOSC SCENDE IN PIAZZA A VARSAVIA CONTRO LA UE: GIU' LE MANI DALLA POLONIA! ABBIAMO GIA'

lunedì 18 settembre 2017
LONDRA - Probabilmente nessuno e' a conoscenza del fatto che sabato scorso migliaia di polacchi hanno protestato davanti l'ufficio di rappresentanza della Commissione europea a Varsavia e la cosa non
Continua
 
CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO (LAUREATI QUASI TUTTI)

CONFINDUSTRIA SCATTA LA FOTO DEL DISASTRO DISOCCUPAZIONE DEI GIOVANI: 260.000 ANDATI ALL'ESTERO

giovedì 14 settembre 2017
La fuga dei giovani all'estero, legata alla mancanza di lavoro, altro che "aumento dell'occupazione" come invece sbandiera il governo Pd, costa all'Italia un punto di Pil all'anno, circa 14 miliardi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA

LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL
Continua

 
UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!