Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO

lunedì 18 settembre 2017

PARIGI - La Francia dichiara guerra ai motori diesel. Il governo francese prevede un inasprimento della tassa "bonus-malus" sulle emissioni inquinanti degli scarichi delle automobili, soprattutto di quelle diesel: lo scrive il quotidiano economico "Les Echos" ricordando come gia' ora in Francia tutti i proprietari di veicoli paghino una tassa anti-inquinamento sulla base di un sistema bonus-malus basato sulle emissioni di anidride carbonica delle loro autovetture.

L'attuale soglia minima sara' ulteriormente abbassata a 120 grammi di CO2 al chilometro, con una tabella progressiva di nuova tassazione che andra' dai 50 ai 10.500 euro all'anno per i mezzi piu' inquinanti che emettono oltre 185 grammi di CO2 al chilometro.

La misura sara' comunque inserita nella Legge finanziaria per il 2018 e fa parte di un grande piano di revisione dell'intero sistema dei trasporti pubblici e privati che sara' presentato domani martedi' 19 settembre nel corso delle Assise della mobilita': l'obbiettivo di questo ambizioso esercizio di concertazione e' di "rivedere gli equilibrio e l'efficacia dei trasporti tradizionali, favorendo l'emergere di nuovi modelli di mobilita'", come ha spiegato dalla ministra dei Trasporti, Elisabeth Borne.

In concreto per gli automobilisti, i consumatori e le famiglie francesi questo significhera' un nuovo inasprimento della "guerra al diesel": il governo sembra infatti orientato a confermare un ulteriore aggravio del bollo auto che gia' penalizza i veicoli alimentati a nafta, che dagli odierni 30 euro dovrebbero arrivare nel 2022 a pagare 86 euro in piu'; a cio' si aggiungera' anche il progressivo allineamento delle accise sul carburante diesel a quelle applicate sulla benzina, con un aggravio di 2,6 centesimi di euro all'anno.

"Les Echos" gia' prefigura che al centro delle imminenti "Assise della Mobilita'" ci sara' la questione di come evitare che a fare le spese di questo aumento di questi carichi fiscali siano le fasce piu' povere del "popolo della strada": l'idea di base, riferisce il quotidiano, e' di dirottare una parte dei proventi di queste nuove tasse per finanziare dei nuovi incentivi all'acquisto che favoriscano il rinnovo del parco auto francese, l'abbandono dei veicoli a motore diesel ed il passaggio a combustibili meno inquinanti (benzina ma soprattutto alimentazione elettrica).

E poi c'e' naturalmente la prevedibile protesta sociale delle categorie professionali che piu' utilizzano mezzi di trasporto individuali, dagli autotrasportatori ai tassisti, dagli agricoltori ai rappresentanti di commercio: l'attuale sistema di rimborsi sara' mantenuto, promette il governo. Ma e' facilmente immaginabile un braccio di ferro con le categorie coinvolte sull'ammontare dei rimborsi o delle esenzioni fiscali: "Siamo pronti a scendere in piazza per difendere i nostri diritti (ad inquinare con i motori diesel)", avverte il segretario generale dell'Unione dei trasportatori (Tfl), Yves Fargues.

Intanto la citta' di Parigi e la sua regione dell'Ile-de-France oggi lunedi' 18 settembre presentano un piano per favorire la condivisione delle auto allo scopo di ridurre il traffico e l'inquinamento provocato dalle emissioni automobilistiche. L'obbiettivo, ha spiegato la presidente della Regione dell'Ile-de-France, Valèrie Pècresse, e' di raddoppiare il numero di passeggeri che nelle ore di punta si spostano in automobile: "La condivisione dell'auto e' la nuova pratica ecologica che e' indispensabile sviluppare per lottare contro la congestione del traffico", ha detto.

Verranno quindi create aree di incontro per la condivisone; alle auto condivise saranno dedicati appositi parcheggi nel centro di Parigi e saranno aperte le corsie preferenziali finora riservate a bus e taxi; infine saranno lanciate delle offerte promozionali che coinvolgono sia aziende private che un rimborso di 2 euro a tragitto condiviso: pr quest'ultima iniziativa la Regione ha gia' stanziato 500 mila euro.

Redazione Milano


LA FRANCIA DICHIARA GUERRA AI MOTORI DIESEL DI AUTO E CAMION, SUPER INQUINANTI: NUOVA TASSA FINO A 10.500 EURO-ANNO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   MOTORI   DIESEL   INQUINAMENTO   TASSA   RIDUZIONE   ELETTRICI   BENZINA   MEZZI   TRASPORTO   GOVERNO   MACRON  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua
 
INCHIESTA PENSIONI /  PD AFFERMA CHE L'ETA' PENSIONABILE VA ADEGUATA ALL'ESPETTATIVA DI VITA, O L'INPS CROLLA. E' FALSO!

INCHIESTA PENSIONI / PD AFFERMA CHE L'ETA' PENSIONABILE VA ADEGUATA ALL'ESPETTATIVA DI VITA, O

venerdì 1 dicembre 2017
In Italia, i media main stream continuano a martellare l’opinione pubblica sul fatto che il sistema pensionistico italiano sia troppo “generoso” e che non sia più sostenibile
Continua
IL COLOSSO DELLE SCOMMESSE WILLIAM HILL QUOTA 5 A 2 LA POSSIBILITA' CHE L'ITALIA ABBANDONI LA UE (2 A 1 LA GRECIA)

IL COLOSSO DELLE SCOMMESSE WILLIAM HILL QUOTA 5 A 2 LA POSSIBILITA' CHE L'ITALIA ABBANDONI LA UE (2

martedì 28 novembre 2017
LONDRA - Gli inglesi si sa amano scommettere su tutto e quindi non deve sorprendere se il colosso delle scommesse William Hill la offerto la possibilita' di scommettere su quale paese lascera' la UE
Continua
 
400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO DEI ROVINATI (DA LUI!)

400.000 RISPARMIATORI HANNO PERSO TUTTO PER COLPA DELLE BANCHE DI AREA PD E RENZI FA IL PALADINO

giovedì 9 novembre 2017
Il fallimento elettorale del pd in Sicilia, del quale il “bomba” fiorentino ha incolpato tutti tranne che l’unico responsabile, ovvero sé stesso, è lo specchio del
Continua
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua
 
IN AUSTRIA SI SALDA L'ALLEANZA DI PROGRAMMA DI GOVERNO TRA KURZ E STRACHE. LA DESTRA ANDRA' AL POTERE A VIENNA

IN AUSTRIA SI SALDA L'ALLEANZA DI PROGRAMMA DI GOVERNO TRA KURZ E STRACHE. LA DESTRA ANDRA' AL

lunedì 6 novembre 2017
LONDRA - In Austria continuano le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per creare un programma politico unitario, ed è notizia di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL REFERENDUM PER L'INDIPENDENZA

LA CATALOGNA DISOBBEDISCE AL GOVERNO SPAGNOLO, MADRID VUOLE USARE LA FORZA PER IMPEDIRE IL
Continua

 
UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A LONDRA NELLA TUBE

UN SIRIANO (ARRIVATO DALL'ITALIA) E UN IRAKENO, I TERRORISTI ISLAMICI CHE HANNO TENTATO LA STRAGE A
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!