Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

sabato 12 agosto 2017

Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona, che sono stati sbagliati i conti dello Stato per il 2017 e che mancano 5 miliardi all’appello. Ora, che un ministro che ha sistematicamente sbagliato le previsioni sia ancora al suo posto, è già uno scandalo (in democrazie mature e paesi civili si sarebbe già dimesso di sua spontanea volontà), ma che questo errore finiscano per pagarlo i cittadini ritrovandosi nuovamente con le mani del governo nel loro portafoglio, riteniamo sia francamente intollerabile.

Soprattutto alla luce del fatto che il medesimo governo di cui il valente “pierpiero” fa parte, ha previsto di arrivare a spendere “fino a 4,6 miliardi per l’emergenza migranti nel 2017”, ovvero un importo quasi pari alla manovra correttiva!

Lo stesso governo ammette poi che nel periodo 1 gennaio – 30 giugno 2017, gli sbarchi, ma sarebbe più opportuno chiamarla invasione, è cresciuta rispetto allo stesso periodo dello scorso anno del 18,71%, passando da 70.222 a 83.360 sedicenti “profughi” di cui la maggior parte non ha alcun diritto a richiedere tale status. Per essere precisi, meno del 5% di tutti loro ne ha diritto. Gli altri sono da espellere rispedendoli in Africa.

Un’invasione che sta minando non solo la sicurezza dei cittadini, ma anche la tenuta economica e sociale del paese, dato che per mantenere quest’orda di migranti, di cui solo una minima parte avrebbe diritto a restare nel nostro paese, stiamo tagliando i servizi ai cittadini italiani ed imponendo loro una convivenza che li vede sempre più vittime di soprusi e violenze da parte di quelli che la sinistra chiama “risorse”.

Che lo siano, soprattutto per chi beneficia dei lauti incassi legati alla gestione del business dei rifugiati (business in cui è presente l’èlite dell’imprenditoria sinistrina a partire dal figlio di quel  De Benedetti, tessera n°1 del piddì fino al nipote di Giuseppe Tesauro, tutti impegnati a mettere assieme il pranzo con la cena grazie ai sedicenti “profughi” sulle spalle degli italiani), non vi è dubbio.

E lo stanno diventando anche per quel capitalismo parassitario e becero costantemente alla ricerca di mano d’opera da sfruttare, cui le cooperative, sempre loro, offrono mano d’opera a 400 euro al mese, spiazzando i lavoratori italiani che tale remunerazione non potrebbero mai accettare, dovendosi pagare affitto o mutuo e tutti i servizi che invece lo stato regala alle “risorse” con i nostri soldi.

Gli ultimi due governi, in nome del neoliberismo più spinto che vuole imporre il trasferimento della ricchezza dalla massa ad una ristretta cerchia di pochissimi ultraricchi tramite la cancellazione del ceto medio, sta portando avanti la distruzione del tessuto sociale nazionale attraverso l’arrivo indiscriminato dei falsi profughi dall’Africa, pronti a sostituire i lavoratori italiani per meno della metà del loro stipendio, mentre oltre 5.000.000 di nostri connazionali vivono in stato di povertà assoluta.

In tutto questo, onore al vecchio nazifascsista Eugenio Scalfari, divenuto l’icona dei “democratici progressisti”, che ha apertamente dichiarato quale sia lo scopo di tutto questo: “Si profila come fenomeno positivo, il meticciato, la tendenza alla nascita di un popolo unico, che ha una ricchezza media, una cultura media, un sangue integrato. Questo è un futuro che dovrà realizzarsi entro due o tre generazioni e che va politicamente effettuato dall’Europa. E questo deve essere il compito della sinistra europea e in particolare di quella italiana.”

Ecco qual è l’obiettivo della sinistra italiana ed europea, cari italiani: annientarci, distruggere le nostre tradizioni, la nostra storia, la nostra cultura, per creare una massa indistinta di “consumatori” usa e getta da sfruttare per l’interesse delle multinazionali e magari terminare con un’iniezione letale nel momento in cui non saremo più in grado di generare profitto per l’élite, come pronosticato dall’ex direttore dello IOR Gotti Tedeschi.

Ribadisco: onore al vecchio Scalfari che ha avuto il coraggio di mettere nero su bianco il vero disegno della sinistra italiana ed europea. Un disegno che ogni cittadino che abbia a cuore il futuro suo e dei suoi figli deve combattere con tutte le forze, in modo democratico: votando per le forze nazionaliste e confinando al giudizio della storia questi partiti e questi politici, una volta per tutte, perché non ci saranno seconde possibilità.

Luca Campolongo

Fonti

http://espresso.repubblica.it/opinioni/vetro-soffiato/2017/08/02/news/c-e-l-africa-nel-nostro-futuro-1.307312

https://www.pressreader.com/italy/libero/20170725/281702614778924

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-07-01/migranti-viminale-83360-sbarchi-inizio-2017-1871percento-unhcr-tragedia-atto-121922.shtml?uuid=AEM0nipB

http://www.ilgiornale.it/news/politica/boom-spese-i-migranti-ci-costano-pi-manovra-1386746.html

http://www.secoloditalia.it/2017/08/padoan-ammette-di-avere-sbagliato-i-conti-ce-un-buco-da-5-miliardi/

http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/bru-neo-vespa-si-toglie-qualche-sassolino-mocassino-suo-nuovo-88108.htm

http://www.finanzaonline.com/forum/arena-politica/1806423-toh-il-figlio-di-de-benedetti-e-iamministratore-dellong-save-children-che-ha.html

LaVerità, edizione cartacea del 11/08/2017

http://www.liberoquotidiano.it/news/economia/13214734/intervista-gotti-tedeschi-becchi-euro-futuro-terrificante-ue-immigrazione-vaticano-.html


PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I
Continua

 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!