Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

giovedì 27 luglio 2017

PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e soprattutto ha compiuto un altro passo nella sua campagna per limitare il flusso migratorio in Europa ai rifugiati e fermare i migranti economici, che invece l'Italia col governo Pd imbarca a decine di migliaia, ornai 100.000 da gennaio 2017 ad oggi. Sì, stiamo parlando di Emmanuel Macron, il nuovo presidente della Francia, che inoltre non smette di stupire.

Oggi ha fatto un altro annuncio-bomba: "La Francia creerà in Libia da quest'estate degli hotspot", dei centri per aspiranti richiedenti asilo, ha detto Macron a margine di una visita al centro d'accoglienza per rifugiati di Orléans questa mattina. "L'idea è di creare hotspot in modo da evitare che delle persone si assumano folli rischi anche se non sono idonee all'asilo. Andremo a cercare la gente prima che sbarchi in Europa", ha affermato.

"Conto di farlo da questa estate e la Francia si muoverà con, o senza l'Europa" ha scandito Macron senza lasciare spazio a equivoci e fanfaronate tipiche dei governi italiani di questi ultimi anni a guida "democratica".

La scena di oggi dell'annuncio di hot spot francesi in territorio libico a ridosso delle coste ha letteralmente ammutolito la Ue, dato che il presidente arrivato all'Eliseo sulle note dell'Inno alla gioia, l'inno europeo, non ha precisato come intenda procedere e cosa intenda esattamente quando dice che lo farà "con o senza l'Europa" ma è apparso chiaro agli ambienti della Commissione europea - che non hanno voluto rilasciare dichiarazioni - che avverrà senza chiedere alcun permesso ai potentati Ue annidati a Bruxelles.

Non si sa se il primo ministro libico riconosciuto dall'Onu e l'uomo forte di Tripoli abbiano sottoscritto il progetto di creare dei centri per "filtrare" i migranti che dalle coste libiche partono alla volta dell'Ue, sbarcando essenzialmente nei porti sulle coste italiane, tuttavia appare evidente che i due uomini forti della Libia sia d'accordo, altrimenti le loro reazioni negative sarebbero arrivate immediatamente, cosa che non è accaduta. I due, invece, al vertice francese hanno promesso un cessate il fuoco.

Dopo l'incontro con al Sarraj ieri a Roma, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha rivelato che il premier libico ha chiesto ufficialmente al governo italiano un "sostegno tecnico con unità navali italiane nel comune contrasto al traffico di esseri umani da svolgersi in acque libiche" e il governo italiano sta valutando questa opzione. Valutazione che però in stile Pd ha tempi lunghi, percorsi contorti, contenuti incerti e contraddittori.

Basti ricordare le parole a vanvera del segretario Pd Renzi che aveva minacciato di "porre il veto" alla continuazione della missione Ue denominata Sophia per il soccorso ai migranti se la Ue non avesse sbloccato aiuti per l'accoglienza e i rimpatri. Gli aiuti ovviamente non sono arrivati e neppure presi in considerazione dalla Ue, ma per tutta risposta il governo Pd ha sottoscritto senza un fiato non solo la continuazione della suddetta missione Sophia che porta in Italia migliaia di africani la settimana, ma addirittura il suo prolungamento fino al 31 dicembre 2018.

In ogni caso, dopo la figuraccia fatta fare al governo italiano da Macron con il vertice di Parigi al quale non è stato invitato alcun rappresentante di Palazzo Chigi - e tanto meno il ministro degli Esteri Alfano - all'annuncio di oggi di hot spot francesi in territorio libico, l'imbarazzo e la costernazione di Gentiloni hanno toccato livelli estremi. Ha dichiarato: ''Sinceramente noi stiamo alla nostra agenda che ci impegna sul piano dell'accoglienza, a cui non rinunciamo, che ci vede impegnati a discutere con le Ong una serie di regole e che ci vedrà nei prossimi giorni impegnati con un passo ulteriore di assistenza alle autorità libiche per il controllo del loro territorio''. Di fatto, l'intera azione del governo Pd riassunta da Gentiloni ormai è lettera morta, alla luce della svolta che la Francia ha annunciato con gli hot spot. Addio "accoglienza" sbandierata dal Pd e subita dagli italiani. E addio lungaggini, pastoie e affari sporchi sui migranti, adesso la mossa di Macron ha messo il governo Pd con le spalle al muro.

Infatti, se Gentiloni risponderà positivamente alla richiesta libica di inviare la marina militare italiana anche in acque territorali della Libia per fermare i barconi dei trafficanti di africani verso l'Italia, la marina militare dovrà ricondurli a riva dove gli hot spot francesi saranno pronti a selezionare chi è profugo da chi è migrante economico e quindi oltre il 90% rimarrà in Libia. Se invece Gentiloni dirà no, allora creerà un grosso problema diplomatico non solo con la Francia ma con tutta la Ue, che come si sa non accetta migranti economici ma solo profughi, per dare loro asilo in Europa.

E l'annuncio del presidente francese Macron è stato accolto positivamente dalla Lega. "La Francia annuncia che realizzerà in Libia degli 'hot spot', dei centri di accoglienza per identificare gli immigrati e valutare chi ha i requisiti per essere considerato rifugiato e per partire e chi invece è irregolare e non può venire in Europa. È quello che la Lega chiede ai Governi del Pd da quattro anni, senza mai essere ascoltati da Renzi e da Gentiloni, o dal loro ministro Alfano" ha affermato Roberto Calderoli, vicepresidente del Senato e responsabile organizzazione e territorio della Lega Nord. "Adesso - aggiunge - finalmente ci arriva Macron, che da solo sta risolvendo l'emergenza libica e forse sta trovando una soluzione per chiudere la rotta mediterranea. Meno male che non tutti sono in perenne letargo come Renzi, Alfano e Gentiloni. Intanto la Francia punta a prendersi il petrolio libico, sta nazionalizzando i suoi cantieri navali e invece l'Italia si deve tenere 600mila immigrati dopo aver fatto il lavoro sporco...". 

Esattamente quanto accaduto.

Redazione Milano

 


ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   GENTILONI   FRANCIA   ITALIA   UE   MIGRANTI   PROFUGHI   ONU   NAVI   MARINA   MILITARE   ITALIANA   VERTICE   PARIGI   HAFTAR   SARRAJ   TRIPOLI   BRUXELLES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
 
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
 
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua
 
RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO SCHIAVISMO CON L'OK DELLA UE

RISO ASIATICO, CONSERVE DI POMODORO CINESI, NOCCIOLE TURCHE: NEI SUPERMARKET PRODOTTI DELLO

sabato 14 ottobre 2017
Dal riso asiatico alle conserve di pomodoro cinesi, dall'ortofrutta sudamericana alle nocciole turche, gli scaffali dei supermercati dell'Unione Europea sono invasi dalle importazioni di prodotti
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA
Continua

 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!