Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

giovedì 15 giugno 2017

PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le Figaro" che addirittura avanza l'ipotesi di imminenti dimissioni. La tempesta nasce dallo scandalo degli impieghi fittizi al Parlamento europeo: una quarantina di deputati francesi a Strasburgo sono accusati di aver assunto propri assistenti parlamentari che, pur stipendiati dall'Ue, in realta' hanno svolto esclusivamente lavoro di partito nelle rispettive circoscrizioni elettorali in Francia.

Partita dalle denunce contro la leader del Front national, Marine Le Pen, l'inchiesta ha finito per coinvolgere una decina di eurodeputati del Movimento democratico (MoDem) di cui Bayrou e' presidente.

Il loro coinvolgimento in questo scandalo e' tanto piu' disgustoso se si considera che fra loro c'e' anche la nuova ministra francese degli Affari europei, Marielle de Sarnez; a cio' si aggiunge poi che Bayrou, in quanto ministro Guardasigilli, e' incaricato da Macron proprio di mettere a punto, pensate, una... riforma moralizzatrice della politica in Francia. 

Ad aggravare una situazione gia' di per se' assai delicata sono arrivate le rivelazioni secondo cui Bayrou sarebbe intervenuto sulla direzione dell'emittente statale "Radio France" nel tentativo di far insabbiare un'inchiesta giornalistica sullo scandalo degli impieghi fittizi in cui sono coinvolti appunto gli eurodeputati MoDem: con il risultato di provocare una dura presa di posizione del primo ministro Edouard Philippe, che ha cercato di riportarlo all'ordine.

Ma inutilmente: il MoDem ha dato un sostanziale aiuto all'elezione del nuovo presidente Emmanuel Macron, puntando in campagna elettorale sulla moralizzazione della vita pubblica francese in chiara contrapposizione con la Le Pen e soprattutto contro il candidato del centro-destra Francois Fillon, a sua volta azzoppato da uno scandalo di impieghi fittizi, il cosiddetto "Penelope-gate, a favore di moglie e figli; e dal lungo confronto elettorale Bayrou e' emerso come il vero "numero 2" dell'esecutivo Macron, svincolato persino dall'autorita' del primo ministro Philippe.

Questa prima vera "legnata" per il nuovo esecutivo Macron-Philippe, finora rimasto in una situazione stallo, potrebbe nei prossimi giorni registrare ulteriori importanti e decisivi sviluppi in seguito a nuove rivelazioni di uno degli assistenti del gruppo MoDem a Strasburgo, che ha ammesso di essere stato assunto abusivamente: nei giorni scorsi il Parlamento europeo ha tolto l'immunita' parlamentare a Marine Le Pen, che ora puo' essere processata dalla magistratura francese; stessa sorte potrebbe quindi toccare alla ministra Marielle de Sarnez ed agli altri suoi colleghi eurodeputati centristi. A quel punto, Macron dovra' per forza intervenire.

Di fatto, due ministri chiave del suo nuovo governo, il ministro della Giustizia e la ministra per gli Affari Europei potrebbero perfino finire in carcere. 

Redazione Milano


MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MACRON   GOVERNO   CORROTTI   TRUFFA   APPROPRIAZIONE   INDEBITA   SPERPERO   FONDI   PUBBLICI   FRANCIA   UE   DIMISSIONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua
 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE MINACCE DI BRUXELLES

LA UE SI SPACCA SUI MIGRANTI: POLONIA, UNGHERIA, SLOVACCHIA E REPUBBLICA CECA SI ALLEANO CONTRO LE
Continua

 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!