Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

mercoledì 24 maggio 2017

La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia.

Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro banche traballanti facendo ampio ricorso ad aiuti pubblici, per quelle italiane si prospetta il fallimento o quasi.

E’ di queste ore la notizia che per le due banche venete, oltre alla ricapitalizzazione precauzionale da parte dello stato, viene richiesto da parte degli oligarchi ue anche un nuovo intervento privato per circa 1 miliardo di euro, 1.936.270.000.000 di vecchie lire, e questo perché la “ricapitalizzazione precauzionale” non può farsi carico dei crediti marci già accertati. Questo significa che dovranno essere venduti a valore di mercato, con ulteriori perdite a bilancio che richiederebbero appunto circa un miliardo di risorse fresche da trovare tra investitori privati. Chi possa essere così pazzo da fare un investimento a perdere, dopo la voragine che neppure Atlante è riuscito a coprire, non è dato sapere.

L’unica cosa certa è che senza questo intervento privato, non ci sarà l’ok da parte del IV Reich al salvataggio pubblico.

A questo c’è da aggiungere un aspetto tutt’altro che insignificante: gli azionisti di Popolare di Vicenza, che hanno accettato le somme proposte dall’istituto di credito per transare ed evitare cause civili, potrebbero vedersele tassate con aliquota progressiva, aggiungendo al danno la beffa! Questo accade perché la banca, ben attenta ai propri interessi, ha sempre usato il termine “ristoro” e non “rimborso danni subiti”. Questa sottigliezza fa sì che le somme percepite dagli azionisti Popolare di Vicenza non possano finire in tassazione separata, ma in cumulo agli altri redditi, facendo così lievitare lo scaglione di tassazione. In una parola: bastonati due volte. Chiaramente, se si fosse usato il termine “rimborso danni subiti”, sarebbe stata un’ammissione di responsabilità che il management dell’istituto si guarda bene dal volersi prendere.

Tuttavia se Sparta piange, Atene non ride: anche la vicenda del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo, sopravvissuta e guerre, invasioni, carestie e cataclismi vari, ma non ai manager in quota piddì potrebbe portare ad un nuovo bagno di sangue.

Infatti, oltre al massacro di azionisti ed obbligazionisti, ci sarà quello dei lavoratori: bce e commissione chiedono infattti 10.000 licenziamenti su un totale di 25.000 dipendenti. Diecimila famiglie che vedranno drasticamente ridursi le loro entrate non per colpa loro, ma per l’incapacità più o meno voluta del management di gestire la banca di Rocca Salimbeni.

Quello che mal sopportiamo, di tutta questa vicenda, è che a parità, se non situazione peggiore, i padroni del vapore della ue, ovvero i tedeschi e, in misura minore i francesi, hanno sistemato le loro banche infischiandosene del “divieto di aiuti di stato” piuttosto che dei vincoli di bilancio, tutte cose che vengono al contrario richieste e pretese da noi. A questo si somma il fatto che al momento nessuno dei responsabili di questi immani disastri, siano politici piuttosto che manager, abbia minimamente pagato il conto e che, anzi, quest’ultimo sia stato presentato più e più volte a chi ha avuto la sola colpa di essersi fidato del proprio direttore di filiale quand’anche non dello sportellista.

Un governo degno di questo nome avrebbe già sbattuto i pugni sul tavolo degli oligarchi di bruxelles e se ne sarebbe infischiato dei vari “sacri parametri”, che valgono sistematicamente per i paesi mediterranei e mai per la germania ed i suoi alleato. Sfortunatamente per noi, non abbiamo una classe politica, ma solo dei maggiordomi di interessi altrui, questo, almeno, fino alla prossima tornata elettorale, sempre che non escogitino un sistema di voto per perpetuare questo sistema.

Luca Campolongo

Fonti

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2017-05-21/popolare-vicenza-e-veneto-banca-ecco-perche-salvataggio-corre-sempre-piu-filo-rasoio-155012.shtml?uuid=AExVuSQB

https://scenarieconomici.it/attenzione-chi-ha-accettato-la-transazione-con-bpvi-e-vb-rischia-di-vedere-il-proprio-ristoro-tassato-in-modo-progressivo-ennesimo-gravissimo-pasticcio-sulla-pelle-dei-risparmiatori/

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-05-23/mps-confermati-88-miliardi-entro-luglio-l-ingresso-stato-083147.shtml?uuid=AExBK2QB

http://it.ibtimes.com/banche-e-aiuti-di-stato-perche-la-germania-e-piu-uguale-degli-altri-1427714

 


VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BCE   UE   VENETO   BANCA   POPOLARE   VICENZA   MP   BAIL IN   FALLIMENTO   COMMISSIONE   UE   GOVERNO   PD   ITALIA   EUROPA   DISASTRO   AZIONISTI   ATLANTE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E' DEFUNTO, LA MERKEL LASCI''

GIULIO SAPELLI: ''I VERDI CHE HANNO VINTO IN BAVIERA SONO DI DESTRA, NON DI SINISTRA. L'SPD E'

martedì 16 ottobre 2018
Ma che sinistra. I verdi che vincono in Baviera utilizzano i temi dei conservatori. Lo ha detto in una intervista a "Italia Oggi" Giulio Sapelli, storico dell'economia, in merito al voto in Baviera
Continua
 
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
 
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
 
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA MARE!'' (MEGA BUFALA)

ABBIAMO LETTO IL PROGRAMMA DI MACRON, SEMBRA QUELLA FAMOSA GAG DEI ''DUE LOCALI A MILANO...VISTA
Continua

 
IL PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA: GLI STATI UNITI SONO ARRIVATI ALL'INDIPENDENZA ENERGETICA, BASTA PETROLIO (ARABO)

IL PRESIDENTE TRUMP ANNUNCIA: GLI STATI UNITI SONO ARRIVATI ALL'INDIPENDENZA ENERGETICA, BASTA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!