Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

lunedì 22 maggio 2017

LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul suolo libico, per l'altra metà da navi delle Ong in diretti rapporti con loro, saranno felici di sapere che anche Lars Loekke Rasmussen non ne puo' piu' di vedere l'Europa invasa da immigrati africani senza alcun diritto d'asilo e d'accoglienza nella Ue, della quale l'Italia fa parte, almeno per ora.

Per chi non lo sapesse questo signore e' il primo ministro danese e martedi' 16 Maggio, davanti al Parlamento riunito per l'emergenza clandestini, ha dichiarato che la Danimarca vuole mantenere i controlli alle frontiere a tempo indeterminato e se necessario lui e' pronto a scontrarsi con la commissione europea perche' il numero di immigrati che arriva in Italia via mare e' troppo alto ed è inaccettabile.

"Noi continueremo i controlli alle frontiere a meno che l'Unione Europea non riesca a fare un miracolo e controllare i suoi confini e l'Italia riduca di parecchio il numero di immigrati che arriva via mare" ha aggiunto Rasmussen il quale dimostra di avere quel buon senso che tanto manca ai politici di casa nostra.

Il suo intervento e' avvenuto dopo che Austria, Germania, Danimarca, Norvegia e Svezia hanno ricevuto l'ok per estendere i controlli alle frontiere per altri sei mesi. Ma questa secondo la Ue è l'ultima volta che possono farlo, tuttavia la Danimarca non vuole sentire ragioni e intende continuare ben oltre questa scadenza. Così come ha annunciato anche l'Austria.

Rasmussen ha aggiunto che nessuno dei Paesi vicini della Danimarca vuole aprire le proprie frontiere con l'Africa nel senso di farsi invadere da orde di africani , anzi e' vero il contrario: tutti li vogliono espellere di nuovo in Africa, da dove arrivano, ed è grazie a questi controlli capillari della polizia danese, che la Danimarca ha il piu'  basso numero di richiedenti asilo degli ultimi otto anni.

L'aspetto interessante di questa vicenda risposta del primo ministro danese arriva grazie perche' a fare questa interrogazione parlamentare - nel corso del dibattito in Aula - e' stato Kristian Thulesen Dahl, parlamentare del Danish People's Party, un partito anti-immigrati che ha un quinto dei parlamentari nel parlamento danese e sta facendo sentire pesantemente la sua presenza obbligando il governo ad agire nell'interesse dei suoi cittadini.

Qui in basso c'e' il link dove potere leggere questa notizia in lingua inglese e consigliamo a tutti i nostri lettori di farlo, dato che questa importante presa di posizione della Danimarca contro la Ue e' stata completamente censurata dalla stampa e dall'informazione radiotelevisiva italiana: https://euobserver.com/migration/137938

Noi ovviamente non ci stiamo e abbiamo riportato questa notizia, perche' speriamo che qualche politico possa fare una simile interrogazione parlamentare al presidente del consiglio Gentiloni. Probabilmente servirà poco all'atto pratico, ma molto sul piano politico, così gli italiani capiranno dalla viva voce del governo Pd quanto sia complice dell'invasione africana in corso in Italia.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DANIMARCA   UE   MIGRANTI   AFRICANI   GOVERNO   ITALIA   FRONTIERE   SCHENGEN   GERMANIA   NORVEGIA   SVEZIA   ONG    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE RISERVATE'': E' UNA NUOVA P2

LA VERITA' PUBBLICA LE INTERCETTAZIONI SU DEPUTATI DEL PD E VERTICI DEL CSM NELLE ''CENETTE

giovedì 13 giugno 2019
Luca Lotti voleva silurare il pm che indagava sulla famiglia Renzi. E' l'elemento che emerge dall'inchiesta di Perugia, contenuto in un servizio pubblicato dalla 'Verità', da cui risulta che
Continua
 

GIULIO CENTEMERO REPLICA PUNTO PER PUNTO A REPORT: ''RICOSTRUZIONE TANTO LONTANA DALLA REALTA' E'

martedì 11 giugno 2019
"Nella serata di ieri, in una breve pausa dai lavori sul ddl Crescita, ho avuto la riprova che alcune cose in Italia non cambieranno mai. I primi a non riuscire a cambiare, a crescere direi, sono i
Continua
INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO

INCHIESTA MINIBOT / COSA SONO, COSA SERVONO E LE FALSE ACCUSE CONTRO QUESTO STRUMENTO DI PAGAMENTO

lunedì 10 giugno 2019
Negli scorsi giorni, la Camera dei deputati all’unanimità ha approvato i cosiddetti minibot. Una volta tanto i sinistrati del piddì ne hanno fatto una giusta, salvo poi rendersi
Continua
 
FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE ''LIBERALIZZATO'' I SERVIZI

FOLLIA E DELIRIO DELLA COMMISSIONE UE: VUOLE DENUNCIARE TUTTI I PAESI UE PER NON AVERE

lunedì 10 giugno 2019
LONDRA - I burocrati della commissione europea che nessuno ha eletto amano spesso intraprendere azioni legali contro governi democraticamente eletti e questo spiega il crescente euroscetticismo da
Continua
SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E INVESTIMENTI PER IL LAVORO

SALVINI E DI MAIO RISPONDONO ALLA UE: QUOTA 100 E PENSIONI NON SI TOCCANO, TAGLIO TASSE E

mercoledì 5 giugno 2019
"Noi siamo persone serie, l'Italia è un paese serio, che rispetta la parola data. Quindi andremo in Europa e ci metteremo seduti al tavolo con responsabilità, non per distruggere, ma
Continua
 
LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI SEGRETI POLITICI & GIUDICI

LO SCANDALO DEL CSM ASSOMIGLIA SEMPRE DI PIU' ALLO SCANDALO DELLA P2 DI LICIO GELLI: ACCORDI

mercoledì 5 giugno 2019
Incontri "segreti" in hotel, durante le cene o a casa: 7 giorni, dal 9 al 16 maggio, di "trattative per le nomine degli uffici giudiziari", in particolare quelli di Roma, Perugia e Brescia. E' quello
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI HOLLANDE E SARKOZY

SANDAGGIO IN FRANCIA: IL 46% DEI FRANCESI GIA' ORA NON SI FIDA DI MACRON CHE PARTE PEGGIO DI
Continua

 
KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI ISLAMICI LO FESTEGGIANO

KAMIKAZE ISLAMICO FA STRAGE DI ADOLESCENTI A UN CONCERTO A MANCHESTER (22 MORTI) E SUL WEB ALTRI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!