Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)

giovedì 11 maggio 2017

Se l'Italia non fosse nell'euro "potrebbe implementare politiche per la crescita". A dirlo, non è il solito euroscettico nazionalista ovviamente xenofobo di destra e a tratti se non del tutto razzista, ma a margine della lectio magistralis per il conferimento di un dottorato dal Sant'Anna di Pisa, il premio Nobel per l'economia, Joseph Stiglitz.

"Un grosso problema dell'Italia - prosegue Stiglitz - e' un sotto investimento nell'istruzione in particolare nel sistema di istruzione di livello universitario". Ad avviso di Stiglitz si crea cosi' "una situazione nella quale i ricercatori vanno all'estero e negli Stati Uniti e non tornano, ma il costo dell'istruzione e' stato pagato dall'Italia".

Il premio Nobel mette nel mirino anche gli anni di governo della coalizione guidata da Berlusconi: "Il Paese ha perso molti anni sotto il governo Berlusconi". A chi gli chiede, invece, un giudizio sulle politiche economiche del governo Renzi, Stiglitz schiva dicendo: "Non conosco ogni dettaglio per intervenire nella discussione politica".

E il valente economista attacca anche Mps: "Quando siamo in una situazione di crisi, come con Mps o come negli Usa nel 2008, penso che banche e depositi debbano essere salvati, ma anche che debba valere un principio di 'accountability', che implica che manager e banchieri siano responsabili dei disastri che hanno fatto. Nel caso di Mps questo vale pure per i politici".

Tradotto in parole povere, dovrebbero essere processati anche i capi a vari livelli del Pd, partito che da sempre è il dominus di Mps, additittura da 40 anni.

E Stiglitz continua così: "Nel caso degli azionisti e degli obbligazionisti e' naturale che soffrano una perdita anche se siamo consapevoli che in Italia c'e' stato un problema specifico, ovvero gli istituti di credito hanno fatto sottoscrivere obbligazioni senza informare di cosa si trattava". Pertanto, evidenzia, Stiglitz "sono favorevole a salvare il sistema finanziario italiano, ma deve valere l'accountability per manager e azionisti".

E Stiglitz attacca anche il ministro delle Finanze tedesco, Schaeuble:  "L'Unione monetaria, come ogni unione o accordo monetario puo' finire, niente e' per sempre. Fa parte del lavoro dei ministri delle Finanze e dei politici dire che l'euro non finira' mai, perche' potrebbero creare delle situazioni di panico e questo potrebbe portare a dei processi irreversibili".  

Per Stigltz, quindi, i politici lo sanno, ma tacciono e dicono piuttosto il contrario, per la paura che la valanga travolga non solo l'euro, ma anche le elite a cui appartengono e che l'euro hanno imposto alle nazioni dell'eurozona. 

"Lo stesso Schauble dichiaro' che la Grecia avrebbe potuto lasciare l'euro - ha aggiunto Stiglitz -. Puo' succedere che qualcuno lasci l'euro e, se questo avverra', ci sara' un'area con un Paese in meno". Il premio Nobel lancia un monito al ministro delle Finanze tedesco: "La persona piu' importante perche' l'euro possa sopravvivere e' lui: dovrebbe accettare di cambiare le regole per riportare la prosperita' in Europa".

A domanda diretta sull'opportunita' che sia proprio l'Italia ad abbandonare la moneta unica, l'economista americano rileva: "Spero che questo sia un buon momento con Macron in Francia, e auspico che, con l'attuale governo in Italia, convinca la Germania e altri Paesi del Nord Europa a riformare le regole europee. Penso che con delle regole giuste l'euro possa funzionare, perche' non c'e' un problema economico, ma politico, relativamente alla volonta' della Germania e degli altri Paesi nordici di riformare o meno le regole". 

Per regole, Stiglitz intende la creazione degli eurobond, e quindi la condivisione del debito tra tutti gli stati dell'eurozona, e la cancellazione del fiscal compact che produce unicamente crisi economica, e quindi una vasta politica di investimenti pubblici in modo da creare lavoro, dato che la piaga più grave causata dall'euro è la disoccupazione di massa, che secondo i dati che la stessa Bce ha divulgato ieri, nell'eurozona è arrivata al 18,5%. Ma queste nuove regole che Stiglitz vorrebbe per l'eurozona sono quanto di peggio potrebbe accadere, secondo la Germania. 

Ecco perchè il premio Nobel per l'Economia Stiglitz consiglia all'Italia di uscire dall'Euro. E lo ha fatto oggi, a Pisa, nella più prestigiosa università italiana, la Normale.

Redazione Milano


PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ, OGGI ALLA NORMALE DI PISA: ''ITALIA ESCA DALL'EURO PER POTERE CRESCERE'' (BOOM!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

STIGLITZ   NOBEL ECONOMIA   EURO   ITALIA   ITALEXIT   MACRON   GERMANIA   CHAEUBLE   BCE   MPS   PD   BERLUSCONI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
E' MEDICI SENZA FRONTIERE LA ONG AL CENTRO DELL'INCHIESTA A TRAPANI PER IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DI AFRICANI DALLA LIBIA

E' MEDICI SENZA FRONTIERE LA ONG AL CENTRO DELL'INCHIESTA A TRAPANI PER IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DI
Continua

 
ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6% (+44,4 MLD IN 12 MESI)

ITALIA PROSSIMA ALLA BANCAROTTA: PIL AFFONDA (+0,6% NEL 2017) DEBITO PUBBLICO ESPLODE AL +137,6%
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!