Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI: SCORDATEVELI

giovedì 11 maggio 2017

La notizia come come sempre accade in Italia quando è "scomoda" ovvero contraddice il pensiero unico a sinistra che pretende di imporre l'idea che la Ue sia paradisiaca e l'euro la manna caduta dal cielo sull'Italia e come tale una meraviglia di cui essere grati in eterno ai banchieri e ai politici Pd che ne sono stati gli artefici (vedi alla voce governo Prodi con Veltroni capo degli allora Ds oggi pd)  è stata totalment censurata, a parte un blog di qualità qual è Voci dall'estero.

Eppure, è rilevantissima. E ne scrive ad esempio il britannico Daily Express, oltre che tutta la stampa olandese e buona parte di quella tedesca.

Cosa è accaduto? Semplice: il fondatore e leader della formazione politica Forum per la Democrazia, Thierry Baudet, ha chiesto ufficialmente a Mario Draghi durante un dibattito al Parlamento olandese al quale stava facendo visita Draghi, se l’Olanda rientrerebbe in possesso dei 100 miliardi di euro di crediti dalla BCE, in caso di uscita dall’euro.

Mario Draghi ha risposto seccamente in modo lapidario che "l’Olanda non riavrebbe i soldi indietro" e questo ha creato un momento di tensione notevole sia tra i due che fra tutti i presenti. alla discussione, ripetiamo, dentro il parlamento dell'Olanda e non durante una qualsivoglia tavola rotonda d'economia e finanza.

Thierry Baudet ha iniziato il suo intervento citando un documento che trascriveva letteralmente quanto aveva dichiarato Mario Draghi mesi fa, quando disse che se l’Italia dovesse lasciare l’eurozona, dovrebbe restituire il saldo negativo che ha attualmente all’interno del sistema target2.

Thierry Baudet è intervenuto di fronte a Draghi in Aula dicendo: “Dal momento che noi, l’Olanda, abbiamo un credito netto di circa 100 miliardi di euro con la Bce, stando alle sue stesse parole questo significa che, nel caso scegliessimo di lasciare l’eurozona, il che è uno dei punti fondamentali del programma del mio partito, dovremmo ricevere indietro 100 miliardi di euro dai paesi del sud dell’eurozona, secondo lei?”.

Ma il presidente della BCE ha subito risposto, quasi interrompendo l'intervento di Baudet dicendo che i paesi che escissero dall'euro non potrebbero ricevere indietro i soldi.

Draghi h detto esattamente: “Lasci che le risponda nello stesso modo in cui ho risposto a domande simili al Parlamento Europeo. L’euro è irrevocabile, e questo è nei trattati. Non farò speculazioni su ipotesi che non hanno possibilità di avverarsi alla luce degli attuali accordi. Inoltre, l’euro è stato un successo per l’eurozona e specialmente per i paesi come l’Olanda”.

E Thierry Baudet per niente soddisfatto della risposta ha contestato il concetto che l’euro sia stato benefico per l’Olanda: “Possiamo non essere d’accordo sui meriti dell’euro, e la mia opinione è che nei paesi al di fuori della UE la situazione economica sia significativamente migliore. Ma una cosa non va bene: lei ha detto di non voler fare speculazioni sulla possibilità che l’eurozona si disgreghi. Ma questo è esattamente quello che lei ha fatto quando, a gennaio 2017, ha detto che ‘se l’Italia dovesse lasciare, allora dovrebbe saldare il conto’. Lei stava quindi facendo speculazioni riguardo alla possibile rottura dell’eurozona, e non sarebbe onestà intellettuale da parte sua usare i medesimi principi sull’ipotesi che fosse l’Olanda ad andarsene?”

Il presidente della BCE, visibilmente innervosito anche perchè mai accade che qualcuno nelle conferenze stampa a Francoforte della Bce ponga domande e faccia contestazioni spiazzanti come questa del leader del Forum per la Democrazia, ha ribadito che non avrebbe fatto ulteriori speculazioni, prima di ripetere che "la BCE ha portato benefici all’Olanda, e di sottolineare la sua importanza all’interno del mercato unico".

Nel merito, ovviamente, Draghi non poteva smentire sè stesso e quindi ha taciuto. Thierry Baudet ha replicato con una aperta contestazione a Draghi dichiarando: “Vedremo allora se lei ha ragione”.

La questione sollevata da Baudet è tutt'altro che secondaria. Infatti, la Bce ha minacciato l'Italia e in particolare i leader dei partiti no-euro avverdendo che se davvero portassero il Paese fuori dall'euro l Bce sarebbe prontissima a farlo fallire accampando il presunto diritto di "farsi restituire in eruo" e non nella nuova valuta nazionale, nel caso, la lira, l'importo dei titoli di stato acquistati a piene mani dalla stessa Bce su sua decisione autonoma. Detto in breve, un vero e proprio ricatto.

Redazione Milano


DEPUTATO OLANDESE CHIEDE A DRAGHI: SE L'OLANDA ESCE DALL'EURO, LA BCE CI RENDE 100 MILIARDI? E LUI: SCORDATEVELI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   OLANDA   BCE   EURO   ITALIA   ITALEXIT   CAPITALI   CREDITI   DIBATTITO   UE   USCITA   SCONTRO   AMSTERDAM    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ADRIANO SEGATORI, PSICHIATRA E PSICOTERAPEUTA: ''COME TUTTI GLI PSICOPATICI, EMMANUEL MACRON E' ALTAMENTE PERICOLOSO''

ADRIANO SEGATORI, PSICHIATRA E PSICOTERAPEUTA: ''COME TUTTI GLI PSICOPATICI, EMMANUEL MACRON E'
Continua

 
IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO SULL'ECOFIN O CROLLA TUTTO

IL GOVERNO SPAGNOLO SCRIVE ALLA UE: L'EURO VA RIFONDATO! EUROBOND E CONTROLLO DEMOCRATICO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!