Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FRANCIA: IL 23 APRILE SI VOTA, PREPARATEVI ALLA ''GRANDE SORPRESA'' CHE STA GETTANDO NEL PANICO LA UE E LA BCE

martedì 18 aprile 2017

PARIGI - Secondo il sondaggio quotidiano "PresiTrack" elaborato dagli istituti OpinionWay e Orpi per il quotidiano economico francese "Les Echos", ieri lunedi' 17 aprile il candidato del centro-destra Francois Fillon avrebbe ulteriormente recuperato terreno, nonostante lo scandalo da molti considerato gonfiato ad arte per screditarlo e definito dalla stampa, soprattutto di sinistra, "Penelope-gate".

Fillon con il 21 per cento delle intenzioni di voto al primo turno delle elezioni presidenziali, domenica prossima 23 aprile, avrebbe ormai raggiunto il candidato Macron che fin qui avrebbe dovuto rappresentare lo sfidante di Marine Le Pen certo di vincere al ballottaggio.

Mantre il consenso "ufficiale" per Marine Le Pen, sarebbe calato secondo gli istituti di sondaggio francesi al 22 per cento, poco staccato sarebbe Jean-Luc Me'lenchon, il candidato dell coalizione di estrema sinistra "La France insoumise" che con il 18 per cento delle intenzioni di voto continua tuttavia a sperare di poter approdare al secondo turno del 9 maggio.

Insomma, detto in breve: quattro candidati racchiusi in appena tre punti percentuali, abbondantemente quindi all'interno del "margine di errore" dei sondaggi, sono un bel problema per i sondaggisti francesi.

I quali pero' adesso temono un altro fenomeno, ancora piu' rischioso per le loro capacita' previsionali: quello degli "elettori nascosti" o "elettori fantasma", quelli che avrebbero gonfiato le ali della Brexit e che avrebbero dato la vittoria a Donald Trump negli Stati Uniti.

In un'inchiesta sull'argomento "Les Echos" spiega che non si tratta per niente del fenomeno degli elettori che non dicono la verita' ai sondaggisti per "compiacere" l'intervistatore, o di quelli che mentono deliberatamente per il biasimo sociale che il "mainstream culturale" riceve da una parte dell'elettorato chiamato al voto: questi fenomeni sono gia' noti, affermano gli esperti consultati dal quotidiano, e sono gia' incorporati nei piu' moderni sistemi di elaborazione dei sondaggi.

L'incertezza che grava sulle elezioni presidenziali francesi invece e' alimentata da tre inedite complicazioni: la prima difficolta' per i sondaggisti e' di carattere sociologico, dovuta al crescente peso nella societa' delle persone "precarie" che non sono integrate in nessuna tradizionale categoria professionale o di classe sociale e che col loro voto esprimeranno la loro ribellione; la seconda e' di ordine politico, a causa del numero inabitualmente alto di indecisi a meno di una settimana dal voto.

Infine c'e' una ragione "tecnica": la sempre maggiore diffusione di internet ha come effetto collaterale quello di tagliare fuori quel 20 per cento di francesi che non sono connessi al web e che formano la propria opinione maturandola sull'esperienza di vita quotidiana in una nazione come la Francia dove il terrorismo islamico ha compiuto stragi orrende, dove l'euro ha impoverito larghe fasce di popolazione e dove lo stato è percepito lontanto o assente per la sicurezza dei cittadini.

La novita' oggigiorno in Occidente quindi e' rappresentata da elettori sconosciuti agli esperti di demoscopia, invisibili e senza voce, che sistematicamente non vengono individuati dai radar dei sondaggi e che le inchieste d'opinione non riescono a raggiungere ma soprattutto a comprendere: e' da loro che il 23 aprile prossimo in Francia potrebbe venire la piu' grande sorpresa.

Una sorpresa che non piacerebbe per niente alla Ue a alla Bce.

Redazione Milano


FRANCIA: IL 23 APRILE SI VOTA, PREPARATEVI ALLA ''GRANDE SORPRESA'' CHE STA GETTANDO NEL PANICO LA UE E LA BCE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   ELEZIONI   CANDIDATI   FILLON   MARINE   LE   PEN   MACRON   MELECHON   SONDAGGI   ELETTORI   INVISIBILI   UE   BCE   MERCATI   POVERTA'   LES   ECHOS   TRUMP   BREXIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua
 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PREMIO PULITZER SEYMOUR M.HERSH PUBBLICO' UN'INCHIESTA BOMBA: NON ASSAD, MA I JIHADISTI USANO I GAS AVUTI DA ERDOGAN

IL PREMIO PULITZER SEYMOUR M.HERSH PUBBLICO' UN'INCHIESTA BOMBA: NON ASSAD, MA I JIHADISTI USANO I
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''L'ITALIA VA CURATA DA NOI TEDESCHI COL PUGNO DI FERRO CONTRO L'EGOCENTRISMO ITALIANO''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''L'ITALIA VA CURATA DA NOI TEDESCHI COL PUGNO DI FERRO CONTRO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!