Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FINANCIAL TIMES: ''IL PRIMO GRUPPO AUTOMOBILISTICO FRANCESE CON LA BREXIT DURA FARA' GRANDI INVESTIMENTI NEL REGNO UNITO''

martedì 7 marzo 2017

LONDRA - Tutto al contrario della narrazione catastrofista della stampa Ue, per molti gruppi industriali europei la Brexit "dura" sarà una grande occasione di investimenti produttivi in Gran Bretagna. Tra costoro c'è Carlos Tavares, amministratore delegato di Psa, il gruppo automobilistico francese che ha acquistato la divisione europea dello statunitense General Motors, inclusa la Opel e comprendente anche la casa automobilistica britannica Vauxhall, che ha promesso di rafforzare la presenza nel Regno Unito nell'eventualita' di una Brexit "dura", ovvero dell'uscita del paese non solo dall'Unione Europea ma anche dal mercato unico.

Ovviamente questa notizia è stata "trascurata" dai mezzi di informazione nel perimetro della Ue e specialmente da quelli italiani, tutti presi invece a tessere le lodi dell'incontro di ieri a Versailles voluto da Hollande (con un piede già fuori dall'Eliseo) con Gentiloni, a capo di un governo evanescente, la Merkel, che è stata scavalcata da Schulz nei sondaggi, e infine con Rajoy che guida un governo in Spagna senza maggioranza, appeso ogni giorno all'astensione in Parlamento del Psoe. 

Leggendo invece il Financial Times di oggi, si scopre che il numero uno del gruppo automobilistico di dimensioni europee Psa, ritiene che l'ipotesi della Brexit "dura" senza negoziato con la Ue potrebbe rappresentare "una grande opportunita'" perche', se fossero introdotte tariffe, dovrebbe essere sviluppata una base di fornitori nel paese, annunciando che anche altri produttori internazionali potrebbero potenziare la produzione in Gran Bretagna.

Il suo impegno potrebbe placare le preoccupazioni dei sindacati - ovviamente laburisti - per il futuro dei circa 3.400 posti di lavoro negli stabilimenti di Ellesmere Port e Luton che invece di rischiare il posto di lavoro con la Brexit come raccontano i laburisti, viceversa potrebbero vedere aumentata l'occupazione.

Tavares nell'intervista pubblicata oggi dal Financial Times ha accennato anche al sostegno del governo May, spiegando che Downing Street dovrebbe lavorare per agevolare la costruzione di questa base di fornitura, per permettere alle case automobilistiche di comprare piu' componenti nel mercato locale in modo da dare un ulteriore importantissimo sviluppo alle industrie britanniche.

Le sue parole fanno eco a quelle della compagnia giapponese Nissan, che la scorsa settimana ha detto che servirebbe un fondo di cento milioni di sterline per incoraggiare piu' fornitori di componenti a produrre nel Regno Unito invece che nella Ue. Nissan possiede l'impianto di Sunderland, il piu' grande e tra i piu' efficienti del paese, che importa poco meno del 60 per cento dei componenti e si troverebbe in grave difficolta' con l'applicazione di dazi sulle importazioni, se la Ue per ritorsione li applicasse all'export verso il Regno Unito. Lo stesso varrebbe per Ellesmere Port, che ne importa tre quarti.

Quindi, la possibilità che con i giusti incentivi la Gran Bretagna diventi la piattaforma europea e anche mondiale per la produzione di automobili e mezzi di trasporto si sta concretizzando proprio grazie alla possibilità di Brexit "dura".

L'amministratore delegato di Psa, Tavares, ha garantito nell'intervista rilasciata al Financial Times che saranno rispettati gli accordi lavorativi esistenti, e sull'innalzamento dell'occupazione a lungo termine, ha dichiarato che dipendera' dalle performance. E sopratutto dalla Brexit più dura possibile.

Redazione Milano


FINANCIAL TIMES: ''IL PRIMO GRUPPO AUTOMOBILISTICO FRANCESE CON LA BREXIT DURA FARA' GRANDI INVESTIMENTI NEL REGNO UNITO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   DURA   PSA   OPEL   VAUXALL   CARLOS   TAVARES   CITROEN   PEUGEOT   AUTOMOBILI   REGNO   UNITO   INDUSTRIE   INVESTIMENTI   LAVORO   MAY    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE USCIRE DALLA UE

SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE
Continua

 
SE VINCE MARINE LE PEN... CAMBIERA' L'ITALIA (OLTRE LA FRANCIA): BENEFICO RITORNO ALLA LIRA (ANALISTI FINAZIARI GLOBALI)

SE VINCE MARINE LE PEN... CAMBIERA' L'ITALIA (OLTRE LA FRANCIA): BENEFICO RITORNO ALLA LIRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!