Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FINANCIAL TIMES: ''IL PRIMO GRUPPO AUTOMOBILISTICO FRANCESE CON LA BREXIT DURA FARA' GRANDI INVESTIMENTI NEL REGNO UNITO''

martedì 7 marzo 2017

LONDRA - Tutto al contrario della narrazione catastrofista della stampa Ue, per molti gruppi industriali europei la Brexit "dura" sarà una grande occasione di investimenti produttivi in Gran Bretagna. Tra costoro c'è Carlos Tavares, amministratore delegato di Psa, il gruppo automobilistico francese che ha acquistato la divisione europea dello statunitense General Motors, inclusa la Opel e comprendente anche la casa automobilistica britannica Vauxhall, che ha promesso di rafforzare la presenza nel Regno Unito nell'eventualita' di una Brexit "dura", ovvero dell'uscita del paese non solo dall'Unione Europea ma anche dal mercato unico.

Ovviamente questa notizia è stata "trascurata" dai mezzi di informazione nel perimetro della Ue e specialmente da quelli italiani, tutti presi invece a tessere le lodi dell'incontro di ieri a Versailles voluto da Hollande (con un piede già fuori dall'Eliseo) con Gentiloni, a capo di un governo evanescente, la Merkel, che è stata scavalcata da Schulz nei sondaggi, e infine con Rajoy che guida un governo in Spagna senza maggioranza, appeso ogni giorno all'astensione in Parlamento del Psoe. 

Leggendo invece il Financial Times di oggi, si scopre che il numero uno del gruppo automobilistico di dimensioni europee Psa, ritiene che l'ipotesi della Brexit "dura" senza negoziato con la Ue potrebbe rappresentare "una grande opportunita'" perche', se fossero introdotte tariffe, dovrebbe essere sviluppata una base di fornitori nel paese, annunciando che anche altri produttori internazionali potrebbero potenziare la produzione in Gran Bretagna.

Il suo impegno potrebbe placare le preoccupazioni dei sindacati - ovviamente laburisti - per il futuro dei circa 3.400 posti di lavoro negli stabilimenti di Ellesmere Port e Luton che invece di rischiare il posto di lavoro con la Brexit come raccontano i laburisti, viceversa potrebbero vedere aumentata l'occupazione.

Tavares nell'intervista pubblicata oggi dal Financial Times ha accennato anche al sostegno del governo May, spiegando che Downing Street dovrebbe lavorare per agevolare la costruzione di questa base di fornitura, per permettere alle case automobilistiche di comprare piu' componenti nel mercato locale in modo da dare un ulteriore importantissimo sviluppo alle industrie britanniche.

Le sue parole fanno eco a quelle della compagnia giapponese Nissan, che la scorsa settimana ha detto che servirebbe un fondo di cento milioni di sterline per incoraggiare piu' fornitori di componenti a produrre nel Regno Unito invece che nella Ue. Nissan possiede l'impianto di Sunderland, il piu' grande e tra i piu' efficienti del paese, che importa poco meno del 60 per cento dei componenti e si troverebbe in grave difficolta' con l'applicazione di dazi sulle importazioni, se la Ue per ritorsione li applicasse all'export verso il Regno Unito. Lo stesso varrebbe per Ellesmere Port, che ne importa tre quarti.

Quindi, la possibilità che con i giusti incentivi la Gran Bretagna diventi la piattaforma europea e anche mondiale per la produzione di automobili e mezzi di trasporto si sta concretizzando proprio grazie alla possibilità di Brexit "dura".

L'amministratore delegato di Psa, Tavares, ha garantito nell'intervista rilasciata al Financial Times che saranno rispettati gli accordi lavorativi esistenti, e sull'innalzamento dell'occupazione a lungo termine, ha dichiarato che dipendera' dalle performance. E sopratutto dalla Brexit più dura possibile.

Redazione Milano


FINANCIAL TIMES: ''IL PRIMO GRUPPO AUTOMOBILISTICO FRANCESE CON LA BREXIT DURA FARA' GRANDI INVESTIMENTI NEL REGNO UNITO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   DURA   PSA   OPEL   VAUXALL   CARLOS   TAVARES   CITROEN   PEUGEOT   AUTOMOBILI   REGNO   UNITO   INDUSTRIE   INVESTIMENTI   LAVORO   MAY    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE USCIRE DALLA UE

SONDAGGIO BOMBA IN OLANDA: IL 56% DEI CITTADINI OLANDESI CHE ANDRANNO A VOTARE IL 15 MARZO VUOLE
Continua

 
SE VINCE MARINE LE PEN... CAMBIERA' L'ITALIA (OLTRE LA FRANCIA): BENEFICO RITORNO ALLA LIRA (ANALISTI FINAZIARI GLOBALI)

SE VINCE MARINE LE PEN... CAMBIERA' L'ITALIA (OLTRE LA FRANCIA): BENEFICO RITORNO ALLA LIRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!