Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI, POI AGLI STRANIERI

lunedì 27 febbraio 2017

LONDRA - Alcuni mesi fa, il candidato del Freedom Party ha perso le elezioni presidenziali per un soffio ma se qualcuno crede che questo partito abbia perso influenza si sbaglia di grosso visto che ha spinto la coalizione di governo a passare un provvedimento che solo pochi mesi fa sarebbe stato impensabile.

Infatti pochi giorni fa la coalizione di governo - che è formato da socialdemocratici e popolari - ha approvato una misura che dà ai cittadini austriaci priorita' rispetto agli stranieri nell'assegnazione di nuovi posti di lavoro creati, cosi' che i cittadini austriaci avranno la precedenza rispetto agli stranieri.

A giustificare questa misura e' il fatto che in Austria la disoccupazione e' in aumento e il governo ha deciso di agire per evitare effetti sociali negativi.

Il cancelliere Christian Kern, leader del partito socialdemocratico, ha dichiarato che questa misura non ha niente a che vedere con l'odio verso gli stranieri ma e' un qualcosa che cerca di risolvere il problema della crescente disoccupazione. Concetto assolutamente corretto, ma impossibile da far capire alle sinistre italiane, mentre viene messo in pratica dalla socialdemocrazia austriaca perchè teme che alle prossime elezioni politiche - tra un anno se il governo non cade prima - il Partito della Libertà già ampiamente in testa in tutti i sondaggi possa letteralmente trionfare mettendo in atto proprio provvedimenti come questo. E così, pensando di arginarne la crescita, il governo di centrosinistra austriaco ha deciso questo - giusto - provvedimento.

Questa misura fa parte di un progetto piu' ampio che mira a ridurre la disoccupazione dimezzando i costi di lavoro non salariali per i prossimi tre anni a partire da luglio per tutte le societa' che creano nuovi posti di lavoro e assumono cittadini austriaci.

Questa misura - inoltre - dovrebbe costare 2 miliardi di euro e creare 160mila nuovi posti di lavoro.

Questa iniziativa deve ancora avere l'approvazione di Bruxelles visto che potrebbe violare il principio di libera circolazione ma il cancelliere sociademocratico ci spera, perchè in caso contrario è certo che alle prossime elezioni sarà una catastrofe, per le forze di questo governo filo-Ue.

C'è da osservare, in più, che alle elezioni presidenziali tanto i socialdemocratici quanto i popolari hanno perso oltre la metà dei loro voti. Sulla carta, Hofer - candidato del Partito della Libertà - non avrebbe dovuto raggranellare più del 30% perchè il candidato della coalizione di governo avrebbe dovuto contare su ben più del 50% data la somma delle percentuali di popolari e socialdemocratici. Invece, non solo si è andati al ballottaggio, ma l'attuale presidente è dei "verdi", arrivato davanti (con un partito inesistente) al candidato espresso dalla coalizione di governo.

In ogni caso, questa storia che si può riassumere scrivendo "prima il lavoro agli austriaci, poi agli stranieri, riportata da Russia Today, e' stata completamente censurata dalla stampa italiana perche' darebbe parecchi fastidio al governo visto che gli italiani vorrebbero una simile misura adottata anche in Italia.

D'altra parte se l'Austria puo' approvare un provvedimento simile perche' l'Italia no? Per tale motivo abbiamo deciso di riportare questa notizia perche' speriamo che anche in Italia qualcuno si decida a fare lo stesso.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI, POI AGLI STRANIERI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235 (PER LE OPPOSIZIONI)

AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235

mercoledì 18 settembre 2019
Al primo voto segreto in Aula, la maggioranza non c'è più. E non si è trattato di una cossetta da nulla, ma di una autorizzazione a procedere all'arresto di un deputato di Forza
Continua
 
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
 
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI
Continua

 
AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO (CENSURA GLOBALE)

AL VIA IN OLANDA LA COMMISSIONE PARLAMENTARE PER DECIDERE SE RIMANERE NELL'EURO O ABBANDONARLO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!