Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

PRESIDENTE DEL PIU' IMPORTANTE CENTRO STUDI ECONOMICI DELLA GERMANIA: ''POSSIBILE CRISI DELL'EURO. LA UE INTRODUCA DAZI''

martedì 7 febbraio 2017

MONACO DI BAVIERA - Clemens Fuest, 48 anni, e' presidente dell'autorevole Istituto Ifo di Monaco di Baviera da dieci mesi. In questo breve lasso di tempo, l'economista docente di Oxford e' riuscito ad affermarsi come voce della coscienza politico-economica della Germania, e non è davvero poco, vista la provenienza dalla "perfida Albione".

In una lunga intervista rilasciata oggi al quotidiano finanziario Handelsblatt, Fuest discute i possibili effetti per la Germania dell'insediamento alla presidenza Usa di Donald Trump.

"La Germania - avverte l'economista - sconta tre debolezze economiche. La prima e' la grande dipendenza tedesca dalle esportazioni. L'integrazione nell'economia mondiale e' una forza e un pilastro importante della nostra prosperita', ma in tempi di tendenze protezionistiche si trasforma in un fattore di rischio", spiega Fuest.

"Quindi, lo smantellamento del sistema commerciale internazionale da parte degli Usa per la Germania e' ancor piu' pericoloso che per gli altri Paesi. La seconda debolezza -  prosegue - è data dall'invecchiamento della popolazione tedesca, e la terza dalla possibile crisi dell'euro". Ed è la prima volta in assoluto che l'Ifo parla apertamente di fine dell'euro.

Il presidente dell'Ifo, inoltre, guarda con favore all'apertura dei Socialdemocratici tedeschi dell'Spd al trattato Ceta con il Canada, e contesta invece le proposte di introdurre una tassa sui patrimoni e di aumento delle imposte di successione.

"Esiste effettivamente un problema di distribuzione della ricchezza, ed e' proprio questo problema una delle prime cause di fenomeni politici come quello di Donald Trump. L'imposta sui beni - sostiene pero' Fuest - avrebbe poco senso perche' le grandi fortune liquide possono facilmente lasciare la Germania. Paesi come la Svezia hanno addirittura abolito la tassa di successione e di proprietà".

"Sarebbe ingannevole - secondo Fuest - ritenere che il pareggio di bilancio della Germania conseguito dal ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble sia un grande successo ottenuto dalle sue politiche. Piu' che con i tagli alla spesa, il bilancio tedesco oggi è in pareggio per aumento delle entrate fiscali e soprattutto per il drastico abbassamento dei costi di rifinanziamento del debito" come conseguenza della fragilità di alcuni stati della zona euro che ha visto investire per ragioni precauzionali forti capitali in titoli stato tedeschi il cui rendimento è disceso perfino sotto lo zero.

"L'economia tedesca ha beneficiato si' delle riforme fatte durante il cancellierato di Schroeder, ma prima di tutto del basso tasso d'interesse del costo del denaro, del basso costo del greggio e della sottovalutazione dell'euro".

Nel quadro mondiale - conclude l'economista presidente dell'Ifo - i dazi commerciali ventilati dal presidente statunitense sarebbero assai pericolosi per l'economia tedesca. A suo modo, l'Europa dovrebbe rispondere a misure protezionistiche con misure protezionistiche. Questo dovrebbe costituire un deterrente per evitare una guerra commerciale. Al contempo, l'Ue dovrebbe puntare a intensificare le relazioni commerciali con Canada, Messico, Giappone e Cina. Ed e' importante che in tal senso si applichino anche altre capitali europee come Londra e Bruxelles: Londra, pero', non sembra essere su questa lunghezza d'onda".

Redazione Milano


PRESIDENTE DEL PIU' IMPORTANTE CENTRO STUDI ECONOMICI DELLA GERMANIA: ''POSSIBILE CRISI DELL'EURO. LA UE INTRODUCA DAZI''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GERMANIA ORA PER IL SUO ENORME SURPLUS DI BILANCIO ACCUSA LA BCE: ''TUTTA COLPA DI DRAGHI (SE NAVIGHIAMO NELL'ORO)''

LA GERMANIA ORA PER IL SUO ENORME SURPLUS DI BILANCIO ACCUSA LA BCE: ''TUTTA COLPA DI DRAGHI (SE
Continua

 
WALL STREET RISPONDE ALL'ALLARME - BUFALA - DELLE AGENZIE DI RATING SU TRUMP: SALE A LIVELLI MAI VISTI NELLA SUA STORIA

WALL STREET RISPONDE ALL'ALLARME - BUFALA - DELLE AGENZIE DI RATING SU TRUMP: SALE A LIVELLI MAI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!