Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

martedì 17 gennaio 2017

LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione Europea, dichiarando di non volere un accordo che lasci il paese "meta' dentro e meta' fuori".

Le sue parole confermeranno probabilmente l'ipotesi dell'uscita dal mercato unico, ovvero della cosiddetta Brexit "dura", con uno spiraglio aperto a una parziale adesione all'unione doganale.

Tuttavia, la leader di Downing Street, rivolgendosi a una platea di diplomatici, scegliera' un tono conciliante sottolineando la necessita' di "una partnership positiva e costruttiva" con l'Ue, ma si tratta del modo di esprimere il concetto, non del suo contenuto che resta durissimo per la Ue.

Il governo, infatti, e' preoccupato che il negoziato con Bruxelles, che iniziera' quest'anno, possa trasformarsi subito in un'aspra disputa sulle passivita' britanniche nel bilancio comunitario, stimate tra 40 e 60 miliardi di euro. Diversamente dal presidente eletto degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha mostrato indifferenza per la prospettiva di una disintegrazione dell'Ue, May ritiene che un'Unione forte sia nell'interesse nazionale: "Puntiamo a una nuova e paritaria partnership tra una Gran Bretagna indipendente, autogovernata e globale e i nostri amici e alleati nell'Ue", dira' oggi a Londra, nella sede di Lancaster House.

"Ma non puntiamo a un'appartenenza parziale all'Ue, a un'appartenenza associata o a qualcosa che ci lasci meta' dentro e meta' fuori. Non puntiamo ad adottare un modello gia' sperimentato da altri paesi. Non puntiamo a mantenere pezzi di appartenenza uscendo".

Theresa May confermera' di voler recuperare il pieno controllo delle frontiere; il ministero dell'Interno sta lavorando a un piano che prevede permessi di lavoro e controlli automatizzati di sicurezza per i cittadini comunitari, che non avranno più libero accesso alla Gran Bretagna per ragioni di lavoro come accade ora.

I limiti alla liberta' di circolazione delle persone sono incompatibili con la permanenza nel mercato unico, ma questo non cambia di una virgola il programma di Theresa May al riguardo della sicurezza dei confini.

Sara' piu' sfumato probabilmente l'approccio riguardo all'unione doganale; e' ipotizzabile, inoltre, una "fase di implementazione" per dare alle imprese e alla City la possibilita' di adattarsi alle nuove regole. May assicurera' che il Regno Unito restera' aperto e globale, "un paese sicuro, prospero e tollerante". Un suo portavoce, infine, dopo le dichiarazioni del cancelliere dello Scacchiere, Philip Hammond, in materia di fiscalita', ha precisato che l'esecutivo intende "rimanere nel solco di un sistema fiscale europeo riconoscibile". Il che non significa però applicare le "normative" Ue che tutto al contrario saranno completamente cancellate.

Redazione Milano


IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

REFERENDUM: OGGI SI VOTA IN LOMBARDIA E VENETO. ANDATE A VOTARE, E VOTATE SI'!

domenica 22 ottobre 2017
"Questa campagna apre prospettive esaltanti, ne sono certo, ma un risultato l'ha gia' ottenuto: far sapere a tutti che la Lombardia e' davvero una regione speciale". Roberto Maroni ha affidato il suo
Continua
 
TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE ARRIVA DALLA LIBIA

TRAFFICANTI LIBICI, GANGSTER MALTESI, MAFIA SICILIANA: ECCO LA PIOVRA DEL PETROLIO CLANDESTINO CHE

mercoledì 18 ottobre 2017
Sono state arrestate  nove persone nell'ambito dell'operazione coordinata dalla Procura di Catania e condotta dalla Guardia di finanza che ha stroncato un vasto traffico di gasolio dalla Libia
Continua
SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE SIA UN DISASTRO

SONDAGGIO COMMISSIONATO DAL PARLAMENTO UE: IN ITALIA IL 61% DEI CITTADINI PENSA CHE STARE NELLA UE

mercoledì 18 ottobre 2017
BRUXELLES  - Cresce stentatamente la fiducia dei cittadini europei nell'Ue, ma l'Italia e' diventata lo Stato membro dove il minor numero di persone ritiene che l'appartenenza al progetto
Continua
 
RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE STELLE DI NEUTRONI

RILEVATA PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA UN'ONDA GRAVITAZIONALE PRODOTTA DALLA FUSIONE DI DUE

lunedì 16 ottobre 2017
Una nuova scoperta scuote la comunità scientifica internazionale. A due settimane dall'annuncio della vittoria del premio Nobel per la Fisica, gli scienziati dell'osservatorio Ligo (Laser
Continua
LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON SERVE E' SOLO BUROCRAZIA

LA UE TRABALLA SEMPRE PIU': LA GERMANIA BOCCIA ''L'FBI EUROPEA'' CHIESTA DA TAJANI E MACRON, NON

lunedì 16 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea ha sempre usato le crisi come scusa per estendere i suoi poteri e quindi non deve sorprendere se la guerra al terrorismo viene usata dai parassiti di Bruxelles come scusa
Continua
 
PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA 57%, RESTO DELLA UE 66%

PIL ITALIA -5% RISPETTO IL 2008, UE +4,8%. ITALIA DEBITO/PIL AL 133%, UE 86%. OCCUPAZIONE ITALIA

domenica 15 ottobre 2017
Al di là della retorica del governo Pd in Italia, i veri dati su occupazione ed economia sono impietosi, specialmente quando vengono messi a confronto con quelli del resto d'Europa. L'Italia
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE
Continua

 
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!