Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

CLAMOROSO: ELEZIONI PRESIDENZIALI IN BULGARIA E MOLDOVA VINCONO CANDIDATI NO-UE. EST EUROPA TORNA CON LA RUSSIA DI PUTIN

lunedì 14 novembre 2016

Un'inversione secca, a "U". E' l'inversione di rotta decretata dalle elezioni presidenziali in Bulgaria e Moldova, svoltesi contemporaneamente, nelle quali i candidati filo-Ue hanno subito una pesante batosta, in favore dei neo-eletti presidenti Rumen Radev e Igor Dodon, che hanno fatto della loro voglia di riallacciare le relazioni con Mosca il cavallo di battaglia.

E anche se in entrambi i Paesi il ruolo di capo di stato è più che altro simbolico, benchè non manchino ruoli operativi molto importanti come decretare la fine di un governo, lo scossone politico alla Ue è fortissimo. In Bulgaria, dove il presidente è comandante in capo delle forze armate che fanno parte della Nato, le posizioni del neo-eletto Radev, militare di carriera, hanno catturato il voto di protesta, quello dei socialisti per cui era candidato, ma anche di molti elettori di partiti che hanno appoggiato il governo del premier Boiko Borisov.

Il capo dell'esecutivo, intanto, dopo la netta vittoria dell'ex capo dell'aeronautica militare (59,35%) ai danni della presidente del Parlamento Tsetska Tsatcheva, ha deciso di dimettersi, avviando un periodo che potrà concludersi soltanto con le nuove elezioni anticipate in primavera, dove è praticamente certo che i partiti filo-Ue prenderanno la legnata definitiva.

In Moldova quasi lo stesso copione, addirittura con risvolti geopolitici più marcati. Il candidato filorusso Dodon ha ottenuto il 55,3% dei voti, mentre la candidata pro-europea Maia Sandu il 44,7%. Una netta presa di posizione dell'elettorato moldavo sulla politica estera futura del Paese. La Moldova ha firmato l'accordo di associazione con Bruxelles, ma lo stallo politico, le mancate riforme e la dilagante corruzione hanno causato una netta disaffezione da parte dell'elettorato, che è tornato a guardare alla Russia, suo mercato di sbocco per molti prodotti interni.

Inoltre Dodon ha annunciato che intende, tra i primi provvedimenti disdettare la parte economica dell'accordo con l'Ue, per poter riprendere i commerci con la vicina Mosca. E all'amica Russia ha promesso già che dedicherà la sua prima visita ufficiale. Una dichiarazione che non lascia dubbi sull'asse che il presidente moldavo intende seguire per rilanciare l'economia del piccolo Paese, il più povero della regione. E con questo, addio a Bruxelles e alla sua oligarchia dispotica.

Dopo la vittoria di Rumen Radev in Bulgaria, come dicevamo, si attendono mesi di campagna elettorale. L'attuale capo di stato Rosen Plevneliev dovrà avviare le consultazioni per la formazione di un governo ad interim e quando poi Radev assumerà l'incarico, il prossimo 22 gennaio, sarà suo compito quello di indire le elezioni anticipate con molta probabilità a primavera.

Anche se il Gerb - il partito filo-Ue del premier dimissionario - resta forte a livello nazionale, i nuovi sondaggi segnalano che non sarà in grado di ottenere una maggioranza per governare da solo. Inoltre i temi della campagna di Radev, la sicurezza nazionale e politiche per prevenire un nuovo flusso migratorio, potranno essere portate avanti dai socialisti anche in vista delle elezioni politiche, grazie all'ondata di consensi ottenuti nelle ultime settimane.

Oltre al fronte interno, la vittoria di Radev in Bulgaria cambia anche il volto della nazione in politica estera: il generale, infatti, ha dichiarato apertamente la sua scelta di lavorare per togliere le sanzioni europee contro Mosca per la crisi ucraina. Inoltre le dichiarazioni ambivalenti su Ue e Nato hanno spinto gli analisti a avanzare le ipotesi di una possibile revisione in senso filo-russo dell'integrazione euroatlantica del Paese. Nel suo primo discorso, dopo i risultati, Radev ha dichiarato di voler lavorare con il nuovo presidente Usa Donald Trump per "cercare un dialogo più ampio" e con il presidente russo Vladimir Putin.

Quanto alla Moldova, invece, incastrata tra Ucraina e Romania, la piccola nazione di 3,5 milioni di abitanti, è al centro di una nuova contesa tra Russia e Occidente. E il popolo moldavo non ha avuto dubbi, votando: ha deciso  di andare apertamente verso Mosca.

Con la vittoria di Dodon, infatti, l'asse a Chisinau si sposta nuovamente ad Est. Le sue posizioni, diamentralmente opposte a quelle dell'avversaria Maia Sandu, filo-Ue, economista alla Banca Mondiale ed ex ministra dell'Istruzione, puntano tutto sul rafforzamento dei legami sia economici che politici con Mosca.

E se Sandu aveva rinnovato l'appello per il ritiro dei migliaia di soldati russi dalla regione separatista della Transnistria (altro punto controverso della campagna elettorale), Dodon aveva dichiarato in campagna elettorale: "La prima visita ufficiale da presidente sarebbe in Russia. Dobbiamo trovare un linguaggio comune su alcune questioni molto importanti: export, migrazione, la questione della Transnistria. Dopo andrei a Bruxelles, dove discuterei i problemi di collaborazione bilaterale e poi a Bucarest e a Kiev".

Altro tema portante su cui il nuovo presidente della Moldova, Dodon, cambierà radicalmente la posizione della nazione è l'accordo di associazione con la Ue firmato dalle autorità moldave che era stato duramente criticato da Mosca che aveva imposto un embargo su un settore cruciale dell'export moldavo, quello agricolo, con le conseguenti proteste degli agricoltori, che hanno visto in Dodon la possibilità di riaprire quel canale vitale. 

In sostanza, con queste due elezioni sia la Bulgaria sia la Moldova abbandonano la Ue e riallacciano forti rapporti con la Russia di Putin e in prospettiva con l'America di Donald Trump. 

Redazione Milano


CLAMOROSO: ELEZIONI PRESIDENZIALI IN BULGARIA E MOLDOVA VINCONO CANDIDATI NO-UE. EST EUROPA TORNA CON LA RUSSIA DI PUTIN




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL. L'ALTERNATIVA? LASCIARE LA UE

VINCERE, E POI? PRIMO: CANCELLARE LA FOLLIA DEL FISCAL COMPACT E L'ASSURDO 3% DEBITO-PIL.

giovedì 22 febbraio 2018
Uno dei punti principali dei partiti sovranisti riguarda la rinegoziazione degli accordi che reggono la ue e la sua profonda struttura antidemocratica o l’uscita del paese dall’unione
Continua
 
ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO GOVERNO DI CENTRODESTRA

ESCLUSIVO / INTERVISTA AL GENERALE UMBERTO RAPETTO PRONTO A TORNARE ''IN AZIONE'' CON IL NUOVO

mercoledì 21 febbraio 2018
ROMA - Matteo Salvini  ha "lanciato" oggi Umberto Rapetto, ex generale della Guardia di Finanza, per un ruolo di "super manager" della sicurezza informatica nel prossimo governo. Non un ruolo da
Continua
SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1 L'HANNO LEGATO E MASSACRATO

SQUADRACCIA ROSSA MASSACRA DI BOTTE MASSIMO URSINO, DIRIGENTE DI FORZA NUOVA. IN 10 CONTRO 1

mercoledì 21 febbraio 2018
PALERMO - Almeno sei persone hanno accerchiato a Palermo il responsabile provinciale di Forza Nuova, Massimo Ursino, legandolo mani e piedi con nastro adesivo da imballaggio e pestandolo a sangue. E'
Continua
 
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua
 
IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BASTA INVASIONE DI CLANDESTINI! ARRIVA IL PUGNO DI FERRO DI DONALD TRUMP: RESPINGIMENTI ED ESPULSIONI SENZA DEROGHE.

BASTA INVASIONE DI CLANDESTINI! ARRIVA IL PUGNO DI FERRO DI DONALD TRUMP: RESPINGIMENTI ED
Continua

 
IN POLONIA ENORME MANIFESTAZIONE CONTRO L'IMMIGRAZIONE ISLAMICA E AFRICANA: DECINE DI MIGLIAIA SFILANO A VARSAVIA

IN POLONIA ENORME MANIFESTAZIONE CONTRO L'IMMIGRAZIONE ISLAMICA E AFRICANA: DECINE DI MIGLIAIA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!