Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI DELL'EURO E DELLA UE

venerdì 7 ottobre 2016

FRANCIA - Ancora una brutta notizia per il presidente francese Francois Hollande e per una sua eventuale e malaugurante candidatura alle elezioni presidenziali della  primavera 2017, scrive il quotidiano progressista Le Monde commentando i dati resi noti ieri,  giovedì, dall'Istituto nazionale di studi statistici ed economici (Insee): nel 2016 la crescita complessiva del Prodotto interno lordo della Francia sara' "appena" dell'1,3 per cento.

Si tratta di una brusca correzione al ribasso rispetto alla precedente stima fatta nello scorso mese di giugno, quando lo stesso Insee indicava una crescita del Pil dell'1,6 per cento; ed e' in linea con quanto anticipato il 4 ottobre scorso dal Fondo monetario internazionale (Fmi).

Nel diffondere i suoi dati, l'Insee ha fatto "mea culpa" per non aver visto arrivare la brusca frenata estiva dell'economia francese: "Abbiamo commesso un errore piu' grande del solito" ha ammesso il direttore della Divisione sintesi congiunturale Dorian Roucher; "Abbiamo sottostimato l'effetto dell'ondata di scioperi della scorsa primavera (soprattutto contro la Legge di riforma del Codice del lavoro) che hanno colpito in modo particolare le raffinerie ma anche il settore della chimica e quello dei trasporti", ha spiegato.

Inoltre c'e' stato un inatteso calo dei consumi delle famiglie e degli investimenti delle imprese dei servizi; mentre per il secondo semestre l'Insee si attende ora anche un rallentamento delle esportazioni dovuto al rallentamento dell'economia mondiale, al rafforzamento dell'euro sul mercato dei cambi e, soprattutto, ad una  notevole perdita di competitivita' delle aziende francesi. I nuovi dati mettono pressione sul governo, la cui azione poggia su una previsione dell'1,5 per cento per far quadrare i conti dello Stato.

Le previsioni dell'esecutivo erano state definite "troppo ottimistiche" dal Consiglio degli esperti alla fine di settembre: al parere non vincolante di quell'organismo indipendente, il ministro dell'Economia e del Bilancio Michel Sapin aveva risposto piccato che quella del governo era invece "una stima prudente" che viceversa s'è dimostrata addirittura "euforica". 

Resta comunque il gusto amaro, nota il "Monde", nel constatare che la Francia rimane indietro ad alcuni paesi vicini con una crescita 2016 inferiore a quella della media dell'Eurozona (+1,6 per cento) e soprattutto a quella della Germania (+1,8 per cento). E nel futuro immediato si stanno moltiplicando le incertezze: dopo il voto per il Brexit, le elezioni Usa ed il referendum costituzionale in Italia annunciano una fine d'anno movimentata. Per non dire delle presidenziali di dicembre in Austria...

Redazione Milano


FRANCIA INCHIODATA: CADE IL PIL NEL 2016 E 2017 ''NERO'' TRA EFFETTO BREXIT PRESIDENZIALI USA CRISI DELL'EURO E DELLA UE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FRANCIA   USA   ELEZIONI   PARIGI   HOLLANDE   CRISI   PIL   FAMIGLIE   UE   EURO   BCE   CONSUMI   PRODUZIONE   GOVERNO   PRESIDENZIALI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua
LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL 96% DA GENNAIO 2018

LEGA AL GOVERNO HA CANCELLATO L'INVASIONE DI ORDE AFRICANE IN ITALIA DALLA LIBIA: ARRIVI CALATI DEL

mercoledì 13 febbraio 2019
La pacchia sembra davvero finita, per chi lucra "sull'accoglienza" degli africani in Italia e per chi organizzava le orde dalla Libia, complici le navi Ong, alleate delle mafie degli
Continua
 
SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI SU 10 NE HANNO PAURA

SAN VALENTINO (NON E') LA FESTA DEGLI INNAMORATI: LA SOLITUDINE SGOMENTA CHI E' DA SOLO, 3 ITALIANI

mercoledì 13 febbraio 2019
La solitudine sgomenta, e la sua ombra si fa sentire ancor di più quando si avvicina la festa - per altro commerciale - degli innamorati. Tre italiani su dieci, infatti, hanno paura di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA. SALVA SOLO MUSULMANI''

WALL STREET JOURNAL: ''L'AGENZIA ONU UNHCR ABBANDONA I PROFUGHI CRISTIANI IN MEDIO ORIENTE E LIBIA.
Continua

 
PRESENTATO UFFICIALMENTE IN FINLANDIA IL PROGETTO CONCRETO PER USCIRE DALL'EURO: COME FARE E CON QUALI CONSEGUENZE

PRESENTATO UFFICIALMENTE IN FINLANDIA IL PROGETTO CONCRETO PER USCIRE DALL'EURO: COME FARE E CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!