Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO CONTRO L'URSS (THE TIMES)

giovedì 8 settembre 2016

LONDRA - "Gli Stati membri ex comunisti dell'Unione Europea - riferisce il quotidiano britannico The Times questa mattina in prima pagina - intendono sfruttare le ripercussioni del Brexit per una rivoluzione contro la Ue volta a bloccare gli accordi impositivi sui migranti e ad affermare il potere dei governi nazionali su quello di Bruxelles".

In sostanza, secondo l'autorevole giornale conservatore britannico, è il ritorno del nazionalismo in Europa come reazione alla minaccia di un sovrapotere - quello della Ue - percepito esattamente come fu il sovrapotere dell'Unione Sovietica sugli stati nazionali dell'Europa dell'est all'epoca della dittatura comunista. Proprio l'aver subito quella dittatura ha creato in questi popoli e questi stati gli anticorpi per identificare immediatamente i segnali di sovrapotere invasivo e restrittivo delle libertà. Questa, la ragione profonda per la "controrivoluzione" descritta oggi dal Times di Londra. 

"Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, il cosiddetto Gruppo di Visegrad, si confronteranno con gli altri partner Ue a Bratislava la prossima settimana, in un vertice che mettera' in evidenza la distanza tra i paesi di recente appartenenza e i membri storici, impegnati in un progetto basato su frontiere e mercati aperti - prosegue il Times sottolinendo l'idem sentire di queste quattro nazioni".

"Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, intende usare il dibattito per spingere l'Ue a spostarsi dal liberismo che ha dato enorme potere ai banchieri della Bce di decidere le sorti degli stati cancellando ogni identità che non sia asservita alla finanza, verso politiche orientate alla preservazione delle identita'storiche, religiose e nazionali".

"La Brexit e' una fantastica opportunita' per noi. Ci troviamo in un momento culturale storico. C'e' la possibilita' di una controrivoluzione culturale - ha dichiarato Orban. - A Bratislava il Gruppo di Visegrad sottolineerà che il voto del Regno Unito ha evidenziato l'ostilità popolare verso un'agenda europea aliena a molte comunità di paesi con storie ed esperienze diverse dell'immigrazione e della globalizzazione".

"L'alleanza centro-orientale si contrappone alle posizioni per ora rappresentate dai governi al potere in Germania, Francia, Italia, in particolare all'imposizione delle quote di rifugiati". Mentre Danimarca, Austria, Spagna, Portogallo, perfino la "socialdemocratica" Svezia hanno ormai posizioni molto critiche sull'immigrazione selvaggia in atto e sulla globalizzazione che prodotto povertà e guerre in tutto il mondo.

"Orban - prosegue il Times - esorta a lottare contro un'immigrazione che elimina le identita' storiche, convinto che solo quelle nazioni che hanno un'identita' storica, religiosa e nazionale sopravviveranno e saranno  forti. I paesi dell'Europa centrale sono contrari anche al piano di esenzione dai visti per l'area Schengen per i cittadini turchi".

" E tra un mese - conclude il Times - in Ungheria si terrà un referendum sul piano delle quote. Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha ammesso che l'Ue deve dare risalto alla stabilità, alla sicurezza e alla protezione prima di rilanciare il suo progetto. Nella riunione della prossima settimana, i vecchi leader Ue, alcuni sommersi dalle scofitte elettorali come Angela Merkel e l'intero governo austriaco, cercheranno di mostrarsi uniti, ma c'e' una profonda crisi. La controrivoluzione di Ungheria e Polonia è una visione potente quanto quella liberista e antinazionalista dei fondatori dell'Ue e, soprattutto, è popolare, diffusa ormai in tutti gli stati della Ue, non solo nei paesi ex comunisti".

Redazione Milano


LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO CONTRO L'URSS (THE TIMES)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua
 
IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI DEMOLITO IN DICEMBRE

IL ''DECRETO GENOVA'' DIVENTA LEGGE, MOLTO PRESTO I LAVORI PER LA RICOSTRUZIONE. PONTE MORANDI

giovedì 15 novembre 2018
ROMA - SENATO - Da oggi, è legge. Con 167 voti favorevoli e 49 contrari il Senato ha approvato il Dl Genova in un clima di grande tensione. Con Forza Italia che ha accusato il ministro delle
Continua
LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E FRAGILISSIME

LA BUNDESBANK: BOLLA IMMOBILIARE IN GERMANIA IMMOBILI SOPRAVVALUTATI DEL 15-30%, BANCHE ESPOSTE E

giovedì 15 novembre 2018
BERLINO - Si moltiplicano gli allarmi in Germania per la fragilità delle banche tedesche. Oggi, è l'autorevole quotidiano Handelsblatt a criverne in un lungo articolo di prima
Continua
 
SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO DI STATO AMERICANO

SPECIALE LIBIA / I RISULTATI DELLA CONFERENZA INTERNAZIONALE DI PALERMO COL PLAUSO DEL DIPARTIMENTO

mercoledì 14 novembre 2018
La conferenza internazionale di Palermo sulla Libia è stata un grande successo, (a dispetto dell'ostracismo della stampa italiana che lo ha apertamente trascurato -ndr). Gli Stati Uniti hanno
Continua
QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN PICCHIATA E PIL -0,2%''

QUOTIDIANO TEDESCO DIE WELT: ''LA GERMANIA STA SEMPRE PIU' SOFFRENDO: EXPORT IN CADUTA CONSUMI IN

mercoledì 14 novembre 2018
BERLINO - Sta andando molto peggio di quanto invece aveva previsto il goverrno Merkel per quest'anno. Nel terzo trimestre del 2018, il prodotto interno lordo della Germania ha registrato una
Continua
 
SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE IN ITALY'' (ADDIO UE)

SONDAGGIO COLDIRETTI-IXE': ''58% DEGLI ITALIANI CONTRO LA UE E PER IL 63% LA UE DANNEGGIA IL MADE

mercoledì 14 novembre 2018
Cresce in Italia la diffidenza e il rancore nei confronti dell'Unione europea, con quasi sei italiani su dieci (58%) che si sentono maltrattati dalle politiche comunitarie rispetto agli altri Paesi.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY RISCHIA IL PROCESSO

SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY
Continua

 
AUSTRIA: PUGNO DURO DELL'ESERCITO CONTRO MIGRANTI (DALL'ITALIA). NUOVA LEGGE AUTORIZZA ESPULSIONI IMMEDIATE CON LA FORZA

AUSTRIA: PUGNO DURO DELL'ESERCITO CONTRO MIGRANTI (DALL'ITALIA). NUOVA LEGGE AUTORIZZA ESPULSIONI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!