Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

REPUBBLICA CECA: ''NIENTE MIGRANTI DA NOI, SE LA UE PROVA A IMPORCELI PROCESSEREMO LA COMMISSIONE NEI NOSTRI TRIBUNALI''

lunedì 8 agosto 2016

LONDRA -  Che molti stati non ne possano più della Ue per sue folli politiche economiche che hanno provocato e continuano a provocare povertà, disoccupazione e crisi finanziarie a catena è chiaro da tempo, perchè il Brexit non è affatto un fulmine al ciel sereno.

Ma mai il rifiuto, il rigetto e il disgusto per la Ue è stato così alto come da quando le oligarchie burocratiche di Bruxelles pretendono di imporre anche l'invasione di migranti islamici africani e mediorientali all'Europa intera. E così, siamo arrivati allo scontro diretto tra stati e Unione. Dopo l'Ungheria di Orban, la Polonia, la Slovacchia, un altro paese dell'est europeo sta mettendo in atto una politica dura contro i rifugiati.

E difatti pochi giorni fa la Repubblica Ceca ha fatto sapere all'Unione Europea che non intende accettare nessun rifugiato e qualora la UE la obbligasse a farlo il governo ceco e' pronto a ricorrere alle vie legali, portando in tribunale la Ue sia a Praga sia alla Corte di giustizia europea.

Il vice primo ministro Andrej Babis ha dichiarato che il suo paese non accettera' neanche un rifugiato neanche per un periodo di tempo limitato e se qualcuno dovesse venire il suo governo lottera' contro la Commissione Europea e intraprendera' azioni legali qualora la UE imponesse sanzioni.

Babis ha sottolineato che Ungheria e Slovacchia hanno gia' intrapreso azioni legali contro il piano di ripartizioni dei rifugiati voluto dalla UE e quindi la Repubblica Ceca fara' altrettanto.

Il vice primo ministro ceco ha anche condannato l'idea della UE di multare tutti i paesi che rifiutano di accettare rifugiati definendola assurda e insensata e ha anche condannato l'accordo fatto con la Turchia per controllare il flusso di immigrati sottolineando che adesso in Turchia c'e' un dittatore e quindi questo accordo non e' piu' valido.

La posizione di Babis riflette quella del presidente ceco Milos Zeman il quale ha detto che il suo paese non deve accettare rifugiati perche' potrebbero commettere attacchi barbarici come quelli di Francia e Germania, il che è provato dai fatti.

Queste posizioni non sono affatto isolate visto che nei paesi dell'est europeo e' forte l'opposizione contro le quote di ripartizione della UE e su questo argomento il 2 Ottobre i cittadini ungheresi andranno a votare e tutti danno per scontato che il no vincera' di larga misura.

E a tale proposito un sondaggio fatto pochi giorni fa dall'istituto CVVM ha rivelato che il 61% dei cittadini cechi e' contrario all'arrivo dei rifugiati e questa cifra e' aumentata visto che a ottobre del 2015 ad essere contrari erano il 52% e un ulteriore 34% vuole che i rifugiati stiano solo fino a quando il loro paese di provenienza e' di nuovo sicuro.

Questa notizia e' stata riportata dalla stampa britannica, con in evidenza il Daily Express, ma censurata dalla stampa italiana perche' ovviamente dà fastidio al governo Renzi visto che molti italiani si chiederebbero perche' l'Italia non segue l'esempio della Repubblica Ceca.

Non non ci stiamo e abbiamo deciso di riportare questa notizia perche' crediamo che gli italiani abbiano il diritto di essere informati.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


REPUBBLICA CECA: ''NIENTE MIGRANTI DA NOI, SE LA UE PROVA A IMPORCELI PROCESSEREMO LA COMMISSIONE NEI NOSTRI TRIBUNALI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

REPUBBLICA   CECA   PRAGA   UE   COMMISSIONE   EUROPEA   UNGHERIA   SLOVACCHIA   POLONIA   BABIS   ZEMAN   TURCHIA   DITTATURA   AFRICANI   ISLAMICI   MIGRANTI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEUTSCHE BANK SOSPETTATA DI AVERE RICICLATO 150 MILIARDI DI DOLLARI DI SOLDI SPORCHI, CROLLA IN BORSA (-50% DA GENNAIO)

DEUTSCHE BANK SOSPETTATA DI AVERE RICICLATO 150 MILIARDI DI DOLLARI DI SOLDI SPORCHI, CROLLA IN

martedì 20 novembre 2018
FRANCOFORTE - Le azioni della Deutsche Bank sono calate bruscamente oggi alla Borsa di Francoforte per i forti timori degli investitori sugli effetti dallo scandalo del riciclaggio di denaro sporco
Continua
 
660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA SANITA' E' DISASTROSA

660.000 INFERMIERI SCENDONO IN PIAZZA IN FRANCIA CONTRO MACRON: DISPREZZA LA NOSTRA PROFESSIONE LA

martedì 20 novembre 2018
PARIGI - Con lo slogan "infermieri dimenticati", decine di migliaia di infermieri in sciopero protestano nelle principali citta' di Francia, denunciando il "disprezzo" del governo e specialmente di
Continua
SEQUESTRATA LA NAVE ONG AQUARIUS DI MSF: HA SCARICATO 21 TONNELLATE DI RIFIUTI PERICOLOSISSIMI COME NORMALE SPAZZATURA

SEQUESTRATA LA NAVE ONG AQUARIUS DI MSF: HA SCARICATO 21 TONNELLATE DI RIFIUTI PERICOLOSISSIMI COME

martedì 20 novembre 2018
CATANIA - I rifiuti pericolosi prodotti dai migranti a bordo delle navi e quelli a rischio infettivo venivano declassati, scaricati nei porti in maniera indifferenziata e poi conferiti in discarica
Continua
 
MATTEO SALVINI SPIEGA QUALI SONO I VERI NEMICI DELL'ITALIA: ECCO I POTERI FORTI CHE VORREBBERO RIDURLA COME LA GRECIA

MATTEO SALVINI SPIEGA QUALI SONO I VERI NEMICI DELL'ITALIA: ECCO I POTERI FORTI CHE VORREBBERO

lunedì 19 novembre 2018
Milano - Il ministro dell'Interno Matteo Salvini cancella il chiacchiericcio delle false ricostruzioni di certa stampa e fantasiosi cronisti  sulla presunta crisi di governo, ma sa che le sfide
Continua
IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI INTERNAZIONALI FIRMATI FINORA

IL 26 NOVEMBRE SI VOTA IN SVIZZERA: SE VINCE IL ''SI''' SARA' SWISSEXIT DA TUTTI I TRATTATI

lunedì 19 novembre 2018
LONDRA - La Svizzera si sa e' il paese in cui si usano spesso i referendum per dare ai cittadini la possibilita' di esprimere la loro opinione in moltissime materie, un esempio di democrazia diretta
Continua
 
LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI, UN MORTO, 272 FERITI

LA FRANCIA SI RIVOLTA IN PIAZZA CONTRO MACRON, TENTATO L'ASSALTO ALL'ELISEO, 280.000 MANIFESTANTI,

domenica 18 novembre 2018
I 'Gilet gialli' bloccano la Francia, chiedono le dimissioni di Emmanuel Macron e danno vita a una protesta che sfocia in tragedia: un morto e 227, di cui sette gravissimi, in scontri con la polizia,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA DESTRA AUSTRIACA ACCUSA ERDOGAN DI AGIRE COME HITLER E INTANTO LA GERMANIA PREPARA IL ''PIANO B'' CONTRO LA TURCHIA

LA DESTRA AUSTRIACA ACCUSA ERDOGAN DI AGIRE COME HITLER E INTANTO LA GERMANIA PREPARA IL ''PIANO
Continua

 
ESTONIA LETTONIA E LITUANIA SI RIBELLANO ALLA COMMISSIONE UE: NIENTE ''MIGRANTI'' DALL'ITALIA (COME VOLEVA BRUXELLES)

ESTONIA LETTONIA E LITUANIA SI RIBELLANO ALLA COMMISSIONE UE: NIENTE ''MIGRANTI'' DALL'ITALIA (COME
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!