Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

L'FBI INTERROGA HILLARY CLINTON E LE SUE QUOTAZIONI PRECIPITANO: SOLO IL 31% HA FIDUCIA IN LEI, CONTRO IL 56% PER TRUMP

lunedì 4 luglio 2016

WASHINGTON - Il Federal Bureau of Investigation statunitense, la famosissima FBI, ha interrogato la candidata democratica Hillary Clinton sabato e domenica appena trascorsi nel tentativo di fare chiarezza sulla sua decisione di dirottare la corrispondenza ufficiale a un server di posta elettronica privato, durante il suo mandato alla guida del dipartimento di Stato Usa.

Il "colloquio" - che è stato un vero e proprio interrogatorio - con gli investigatori federali e' durato oltre tre ore, e non fa che confermare la grave sfiducia di cui la Clinton "gode" presso l'elettorato Usa, a sole 3 settimane dalla coronazione ufficiale che le verra' tributata alla convention nazionale del partito.

Negli ultimi giorni l'immagine della Clinton ha subito altri durissimi colpi: per ultimo, il rapporto della maggioranza repubblicana alla Camera sull'attacco al consolato di Bengasi del 2012, che vede la Clinton, allora segretaria di Stato, principale imputata per l'assenza di adeguate misure di sicurezza e per le bugie sulla natura dell'attacco nelle ore immediatamente successive.

Pochi giorni fa, inoltre, il Congresso ha pubblicato una serie di e-mail che la Clinton non aveva concesso agli investigatori, ma che provano come i suoi collaboratori l'avessero inutilmente spronata a non dirottare la posta elettronica ufficiale a un server privato, in violazione delle linee etiche dell'amministrazione.

Non bastasse, la scorsa settimana il marito della Clinton, l'ex presidente Bill Clinton, passato alla storia per i suoi tradimenti coniugali con ragazzine, ha sollevato un vespaio di polemiche salendo a bordo del jet privato della procuratrice generale Loretta Lynch a Phoenix, proprio mentre la moglie e' imputata per la questione delle email.

In gran parte dei sondaggi d'opinione condotti negli Usa, sottolinea perfino il quotidiano di certa fede politica democratica qual è il "Washington Post", anche una porzione significativa di chi intende votare la Clinton alle elezioni presidenziali ritiene che la Democratica abbia mentito all'opinione pubblica e che abbia qualcosa da nascondere.

La diretta interessata imputa la sfiducia dell'elettorato ai suoi oppositori: "Se per 25 anni mi vengono rivolte le accuse piu' disparate, e' naturale che la gente inizi a interrogarsi... avversari politici e cospirazionisti mi hanno accusato di qualsiasi nefandezza. Nulla di tutto questo e' vero, non lo e' mai stato", ha affermato la Clinton.

Se anche fosse, ma non è, i coniugi Clinton hanno fatto tutto il possibile per avvalorare queste accuse. Basti pensare, come sottolinea sempre il quotidiano Washington Post, all'opacita' con cui e' stata e continua ad essere gestita la loro fondazione benefica, destinataria di decine di milioni di dollari in donazioni esentasse dalle fonti piu' disparate, inclusi diversi governi di Stati autoritari del Medio Oriente coinvolti con il terrorismo dell'isis.

Per tentare di "ripulire" la propria immagine, Clinton si prepara ora a condurre una settimana di campagna elettorale al fianco del presidente uscente, Barack Obama, e del vicepresidente Joe Biden. Obama, contrariamente a molti suoi predecessori, si e' gettato a capofitto nella campagna elettorale per sostenere la candidata del suo partito e scongiurare una vittoria del repubblicano Donald Trump.

Anche il vicepresidente Biden e' sceso in campo con convinzione a fianco della Clinton: "Fare da garante a un candidato e' difficilissimo", ha spiegato in una recente intervista. "Quando si fa da garante a qualcuno, e' come dire: 'Metto in gioco la mia reputazione. Sono convinto che questo candidato sia una buona persona, che abbia carattere".

Washington Post, però, cita un recentissimo sondaggio pubblicato da Nbc News e dal "Wall Street journal" la scorsa settimana, per il quale il 69 per cento degli americani pensa che la reputazione accumulata da Clinton negli anni la renda indegna di fiducia.

Quindi, solo il 31 per cento crede alla Clinton, mentre per ciò che riguarda Donald Trump, stando allo stesso sondaggio, il 56 per cento crede e ha fiducia nelle sue parole. E lo scrive il Washington Post.

Redazione Milano.


L'FBI INTERROGA HILLARY CLINTON E LE SUE QUOTAZIONI PRECIPITANO: SOLO IL 31% HA FIDUCIA IN LEI, CONTRO IL 56% PER TRUMP




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA FAMIGERATA ''REGOLA'' DEL 3%

PRIMA L'ITALIA / NUOVA SERIE DI INCHIESTE CHE SVELANO LE BUFALE PROPALATE DA UE E BCE: LA

giovedì 20 settembre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di accuse e critiche al governo italiano da parte di oligarchi ue e dei loro lacché nazionali. La cosa non deve sorprendere: il governo gialloverde
Continua
 
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
 
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
 
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
GRAN BRETAGNA (NON PAGANDO 11,34 MLD L'ANNO ALLA UE) PREPARA UN COLOSSALE TAGLIO DELLE TASSE: SCENDERANNO A MENO DEL 15%

GRAN BRETAGNA (NON PAGANDO 11,34 MLD L'ANNO ALLA UE) PREPARA UN COLOSSALE TAGLIO DELLE TASSE:
Continua

 
LA GERMANIA VIETA ALL'ITALIA DI SALVARE LE BANCHE CON 40 MILIARDI PUBBLICI, MA NE HA SPESI 259 PER LE SUE, DI BANCHE

LA GERMANIA VIETA ALL'ITALIA DI SALVARE LE BANCHE CON 40 MILIARDI PUBBLICI, MA NE HA SPESI 259 PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!