Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

GRANDE STAMPA FRANCESE AFFONDA L'ITALIA: ''NON E' PIU' UN PAESE PER GIOVANI, ALL'AUTUNNO DEMOGRAFICO SEGUIRA' L'INVERNO''

lunedì 23 maggio 2016

PARIGI - La grande stampa francese insiste, nel mostrare attenzione per l'Italia e oggi è la volta del più importante quotidiano economico-finanziario di Francia: Les Echos, che questa volta punta l'indice contro la disastrosa situazione giovanile italiana, afflitta da più mali, come esempio del declino del Paese.

"L'Italia non e' un paese per i giovani: questo e' certamente un luogo comune, ma questo luogo comune - scrive oggi in prima pagina su Les Echos il suo corrispondente da Roma Olivier Tosseri - e' confermato dall'ultimo rapporto dell'Istat. Infatti piu' del 46 per cento dei figli di immigrati ed oltre il 42 per cento dei figli degli italiani vorrebbero andarsene all'estero".

Questa notizia, come molte altre nell'Italia "renziana" non trova spazio, e così per sapere che succede nell'e Belpaese sempre di più risulta indispensabile leggere la stampa estera. 

"I giovani del resto sono sempre meno numerosi nella Penisola - prosegue Le Echos - dove la vita per loro e' sempre piu' difficile: i minori di 25 anni rappresentano appena un quarto della popolazione complessiva e l'autunno demografico italiano rischia di trasformarsi rapidamente in un inverno. L'anno scorso l'Italia ha registrato un doppio, inquietante, record: secondo solo al Giappone per numero di persone anziane e una delle natalità piu' basse al mondo: nel 2015 ci sono state solo 488 mila nascite, la quantita' piu' bassa dalla fine della Prima guerra mondiale".

Evidentemente, le famiglie non crescono quando la nazione è afflitta da crisi economica, tasse alle stelle, lavoro precario e sempre più instabile dopo la riforma aspramente voluta dal governo Renzi, il Jobs Act, che alla prova dei fatti mostra il proprio fallimento: basti sapere che il numero degli assunti a tempo indeterminato nel primo trimestre del 2015, quando il Jobs Act non era legge, risulta essere stato oltre il doppio degli assunti con il medesimo tipo di contratto di lavoro nel primo trimestre del 2016.

"D'altro canto per questa specie in via di estinzione che sono i giovani - scrive Tosseri ricordando i dati Istat - le condizioni di sopravvivenza sono piu' precarie che altrove: il 38 per cento sono disoccupati, il 62 per cento e' costretto ad abitare ancora con i genitori, i titoli di studio non danno accesso automatico al mercato del lavoro e infine secondo l'Inps i nati dopo il 1980 dovranno lavorare fino a 75 anni per avere una pensione piena. Chi, in queste condizioni, è così sventato da mettere al mondo un figlio al quale potrà  garantire solo la povertà?"

"Si tratta di dati - ricorda Les Echos - che sono in buona parte il risultato di un'economia che da 8 anni e' in stagnazione o in recessione, e che la aggravano. E' un peccato - conclude Tosseri - che alla gioventu' italiana non siano concesse occasioni per mettere in opera le proprie potenzialità: le piccole e piccolissime imprese, che sono l'85 per cento del tessuto produttivo, ottengono infatti risultati molto migliori e creano assai piu' posti di lavoro quando a dirigerle sono imprenditori giovani".

Redazione Milano

 


GRANDE STAMPA FRANCESE AFFONDA L'ITALIA: ''NON E' PIU' UN PAESE PER GIOVANI, ALL'AUTUNNO DEMOGRAFICO SEGUIRA' L'INVERNO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LES   ECHOS   STAMPA   FRANCIA   GIOVANI   CRISI   DISOCCUPATI   LAVORO   FAMIGLIA   FIGLI   JOBS   ACT   RENZI   GIAPPONE   ISTAT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE DA 13 MILIARDI

CENSURA / NESSUNO RACCONTA IN ITALIA LE CATASTROFICHE CONDIZIONI DEL BILANCIO UE: BUCO INSANABILE

lunedì 19 febbraio 2018
LONDRA - Il mese di maggio potrebbe rappresentare l'inizio della fine della UE visto che in questa data si decidera' il bilancio comunitario per il periodo 2021-2027 e i conti davvero non
Continua
 
ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL VERTICE DELLA BCE

ARRESTATO PER CORRUZIONE IL GOVERNATORE DELLA BANCA CENTRALE DELLA LETTONIA CHE E' ANCHE MEMBRO DEL

lunedì 19 febbraio 2018
La pesantissima accusa di corruzione si abbatte sulla principale istituzione finanziaria della Lettonia, ma allo stesso tempo sul vertice della Bce. Il Governatore della Banca centrale Ilmars
Continua
IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI AGLI ITALIANI POVERI

IMOLA, ESEMPIO DELL'ITALIA CHE VUOLE IL PD: 70% DELLE CASE POPOLARI DATO AGLI AFRICANI, LE RESTANTI

mercoledì 14 febbraio 2018
IMOLA - Imola assunta ad esempio del razzismo contro i cittadini italiani praticato dal Pd. "Nel 2017 nel Comune di Imola ben il 70% delle case popolari sono state assegnate a cittadini stranieri: di
Continua
 
SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO, LA GERMANIA!

SORPRESA: QUAL E' LA NAZIONE CHE VIOLA DI PIU' LE NORME DELL'UNIONE EUROPEA? L'ITALIA, FORSE? NO,

martedì 13 febbraio 2018
LONDRA - La domanda è molto semplice: qual e' il paese europeo che viola piu' norme comunitarie? Molti diranno che e' l'Italia e cosi facendo commetterebbero un colossale
Continua
NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA COME I KILLER MAFIOSI

NUMERI DELL'INVASIONE AFRICANA SONO ENORMI E IN PIU' 43.000 SI SONO DATI ALLA LATITANZA PREVENTIVA

martedì 13 febbraio 2018
Nel nostro Paese, l'italia,  le persone scomparse ancora da rintracciare sono 52.990, delle quale solo 9.380 sono italiani, mentre  43.610 sono stranieri, la stragrande maggioranza
Continua
 
INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL SUD, INDIA E RUSSIA

INCHIESTA EURO / L'EUROZONA VA PEGGIO DEL RESTO DELLA UE (SENZA EURO) E VA PEGGIO DI USA, COREA DEL

venerdì 9 febbraio 2018
I media di regime in questi giorni stromabazzano i “prodigiosi” risultati della crescita del PIL italiano e delle nazioni della zona euro. Dati, secondo loro, splendidi, tali da far
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TRIBUNALE TEDESCO: ''TUTTI I MIGRANTI ARRIVATI DALL'ITALIA SARANNO ESPULSI IN ITALIA''. (ALMENO 50.000 CACCIATI A BREVE)

TRIBUNALE TEDESCO: ''TUTTI I MIGRANTI ARRIVATI DALL'ITALIA SARANNO ESPULSI IN ITALIA''. (ALMENO
Continua

 
IL SINDACO DEL PD DI VENTIMIGLIA E TUTTI I SUOI CONSIGLIERI ABBANDONANO IL PD PER PROTESTA CONTRO IL CAOS MIGRANTI!

IL SINDACO DEL PD DI VENTIMIGLIA E TUTTI I SUOI CONSIGLIERI ABBANDONANO IL PD PER PROTESTA CONTRO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!