Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

L'UNGHERIA DI ORBAN A FIANCO DELLA SLOVACCHIA: COMMISSIONE UE DENUNCIATA ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA

venerdì 6 novembre 2015

L'Ungheria guidata da Viktor Orban e' pronta a presentare una mozione contro il piano di distribuzione dei rifugiati della Commissione europea e appoggiare la denuncia Slovacca alla Corte di giustizia dell'Ue contro le quote profughi. Lo riporta il sito di informazione "EurActiv France".

Si tratterebbe della prima azione concreta di sostegno del governo ungherese alle posizioni espresse dalla Slovacchia contro la gestione europea della crisi dei rifugiati. Il ministero della Giustizia slovacco sta infatti preparando una denuncia contro il Consiglio Ue che presentera' alla Corte di giustizia dell'Unione europea (Cgue). Robert Fico, primo ministro della Slovacchia e un membro del Partito del socialismo europeo (Pse), aveva annunciato questa mossa gia' ad ottobre.

La decisione di distribuire i rifugiati attualmente in Italia e in Grecia, grazie all'aiuto degli altri 26 paesi dell'Unione europea, era stata presa dalla maggioranza degli Stati membri, dopo un lungo e complesso negoziato. Ma la Slovacchia si e' subito dichiarata contraria sostenendo che la decisione necessitava l'ok unanime dei paesi.

Secondo una fonte diplomatica ungherese, Budapest starebbe seriamente considerando di aggiungersi alla denuncia slovacca, o di presentarne una propria. I due paesi membri hanno tempo fino al 18 dicembre per decidere la loro linea di condotta. Il Partito del socialismo europeo ha minacciato di espellere il premier Robert Fico se andra' avanti con la sua linea di sfida all'Ue. Ma con le elezioni nazionali, che si terranno la prossima primavera in Slovacchia, il leader slovacco potrebbe scegliere di ignorare le minacce.

Budapest, intanto, continua a mostrarsi determinata: il 3 novembre il parlamento ungherese ha approvato a larga maggioranza una mozione che chiede alla Commissione europea di annullare il piano di distribuzione dei rifugiati, perche' di fatto violerebbe il principio di sussidiarieta'. Gli stati europei, sulla base del trattato di Lisbona, possono chiedere alla Commissione di rivedere le proprie decisioni solo se riescono a dimostrare che la questione potrebbe essere gestita in modo piu' efficiente.

A sostenere un tale processo devono essere i parlamentari di almeno dieci paesi, per questo motivo la mozione dell'Ungheria ha poche possibilita' di influenzare l'esecutivo europeo, tuttavia causare una profonda crepa nella Ue, questo sì. Ma per il governo di Viktor Orban si tratta comunque di una dimostrazione di forza: la risoluzione e' stata infatti approvata con 141 voti favorevoli, 27 contrari e un'astensione.

Il presidente della Slovacchia Fico, parlando delle soluzioni migratorie proposte dalla Commissione europea, recentemente ha detto: "Il meccanismo di divisione obbligatoria dei profughi, a cui da tempo la Slovacchia e i paesi del gruppo Visegrad (Slovacchia, Repubblica Ceca, Ungheria e Polonia - V4) si oppongono, si e' rivelato fallimentare secondo le nostre previsioni. La sua approvazione non ha fatto altro che aumentare il flusso. Al contrario la creazione di infrastrutture di protezione al confine tra Ungheria, Croazia e Serbia, controllate da membri di forze dell'ordine V4, ha prodotto ottimi risultati". A fine ottobre Fico aveva anche dichiarato che il paese era pronto a erigere barriere di protezione lungo i propri confini nel caso la sorveglianza di frontiera dovesse fallire.

Secondo Fico l'istituzione di tali infrastrutture sarebbe fondamentale per la soluzione dei problemi migratori. "Simili barriere sarebbero un aiuto fondamentale per i controlli volti a distinguere i migranti economici dai rifugiati politici veri e propri. La Slovacchia si e' sempre dichiarata disponibile ad offrire aiuto ai profughi politici, ma solamente a questi ultimi" ha dichiarato Fico. 

Redazione Milano.


L'UNGHERIA DI ORBAN A FIANCO DELLA SLOVACCHIA: COMMISSIONE UE DENUNCIATA ALLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UNGHERIA   SLOVACCHIA   FICO   ORBAN   MIGRANTI   PROFUGHI   CONFINI   UE   CLANDESTINI   INVASIONE.  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL NELL'ESTATE DEL 2015

REATI SESSUALI RADDOPPIATI IN GERMANIA PER COLPA DELLE ORDE DI ISLAMICI FATTE ENTRARE DALLA MERKEL

mercoledì 22 novembre 2017
BERLINO - La situazione generale della sicurezza in Germania non si e' deteriorata, sostengono le autorita' di governo, ma i fatti danno loro torto. E' vero che la maggior parte delle aggressioni a
Continua
 
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua
 
IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE DELLE ELEZIONI: KURZ

IL PROSSIMO MINISTRO DEGLI ESTERI AUSTRIACO SARA' NORBERT HOFER! DESIGNAZIONE FATTA DAL VINCITORE

mercoledì 8 novembre 2017
LONDRA - Continuano senza soste le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per formare una coalizione di governo entro il prossimo mese di
Continua
IN AUSTRIA SI SALDA L'ALLEANZA DI PROGRAMMA DI GOVERNO TRA KURZ E STRACHE. LA DESTRA ANDRA' AL POTERE A VIENNA

IN AUSTRIA SI SALDA L'ALLEANZA DI PROGRAMMA DI GOVERNO TRA KURZ E STRACHE. LA DESTRA ANDRA' AL

lunedì 6 novembre 2017
LONDRA - In Austria continuano le trattative tra il People's Party di Sebastian Kurz e il Freedom Party di Heinz-Christian Strache per creare un programma politico unitario, ed è notizia di
Continua
 
LA STAMPA BRITANNICA SVELA CHE LA UE TIENE NASCOSTI I CONTI (450 MILIONI NEL 2015) DI ''STIPENDI E RIMBORSI SPESE''

LA STAMPA BRITANNICA SVELA CHE LA UE TIENE NASCOSTI I CONTI (450 MILIONI NEL 2015) DI ''STIPENDI E

lunedì 30 ottobre 2017
LONDRA - L'Unione Europea da sempre eccelle nell'estorcere soldi ai contribuenti per poi sprecarli in stipendi da nababbo e progetti inutili e faraonici e questo spreco di denaro e' uno dei motivi
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E DISOCCUPAZIONE ALLE STELLE

HOLLANDE COME UN RENZI QUALSIASI: SPESA PUBBLICA IN FRANCIA OLTRE I LIMITI UE, NIENTE TAGLI E
Continua

 
LA CROAZIA VIRA A DESTRA: VINCE LE ELEZIONI IL FRONTE DEL CENTRODESTRA CONTRO L'INVASIONE DI MIGRANTI E L'AUSTERITA' UE

LA CROAZIA VIRA A DESTRA: VINCE LE ELEZIONI IL FRONTE DEL CENTRODESTRA CONTRO L'INVASIONE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!