Il Nazionalista - Quotidiano di libera informazione - ilNazionalista.it

Segui ilNazionalista.it con il Feed RSS

DICHIARAZIONE BOMBA DI SCHAEUBLE: ''QUINDICI PAESI SU DICIOTTO DELL'EUROZONA VOGLIONO IL GREXIT, NON SOLO NOI TEDESCHI''

mercoledì 21 ottobre 2015

BERLINO - Lo scontro sul futuro della Grecia all'interno dell'eurozona risale a quasi tre mesi fa: all'inizio di luglio il governo greco ha accettato le condizioni avanzate dai creditori europei per la concessione di nuovi prestiti, e il paese e' rimasto all'interno dell'unione monetaria prima di recarsi alle urne, riconfermando Alexis Tsipras alla guida del governo. E la Grecia è rimasta nell'area dell'euro.

Tutto risolto, quindi? Neanche per idea.

Durante una trasmissione televisiva mandata in onda ieri sera dal canale franco-tedesco Arte, il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble e' tornato a chiedere l'uscita "temporanea" di Atene dal club dalla moneta unica, svelando anche un retroscena shock.

Secondo il ministro del governo Merkel, non ci sarebbe stato "alcun diktat tedesco", e lo stesso Schaeuble non sarebbe mai stato isolato dall'eurogruppo per le sue posizioni in merito alla crisi del debito greco: "L'opinione che per i greci sarebbe meglio uscire dall'euro per un determinato tempo - la cui durata però è indefinita - e' condivisa da 15 ministri dell'eurozona su 18,  Grecia esclusa ovviamente" ha affermato il falco tedesco, secondo cui "solo il ministro francese, quello italiano e quello cipriota sono di parere contrario.

"Questa e' la verita', tutto il resto e' propaganda", ha tuonato Schaeuble, rivolgendosi indirettamente al collega francese Michel Sapin che all'inizio di agosto aveva criticato duramente la posizione del ministro tedesco.

Sapin aveva detto: "Per quanto riguarda la Grexit, mi trovo in netto disaccordo con Wolfgang Schaeuble: Schaeuble sbaglia sulla questione Grexit e alcuni di noi vedono la sua come una presa di posizione testarda, quando invece servono proposte concrete". E affinchè le sue parole non fossero disperse nel chiacchiericcio televisivo, il ministro francese lo aveva dichiarato al quotidiano "Handelsblatt".

Sempre ad agosto, Schaeuble non aveva risposto alle dichiarazioni di Sapin. Il ministro tedesco ha voluto aspettare qualche mese, quindi, per riaprire lo spinoso dibattito sulla "Grexit" e averlo fatto in questo modo, mostrando quanto sia ampio il fronte interno al "club dell'euro" favorevole alla cacciata della Grecia, sta a significare che per Atene la permanenza nella valuta unica europea potrebbe terminare nel volgere di pochi mesi. Forse, settimane.

Di sicuro, Schaeuble non intende cambiare idea e l'uscita allo scoperto di ieri sera segnala che dietro di lui, silenziosi, stanno tutti gli altri Paesi dell'euro, salvo la Francia già ai ferri corti con la Ue per la questione del rapporto debito-Pil ben oltre il limite del 3% e l'Italia, il cui debito, invece, ha dimensioni esplosive. Quanto a Cipro, meglio non dimenticare che neppure due anni fa fece bancarotta.

Redazione Milano.


DICHIARAZIONE BOMBA DI SCHAEUBLE: ''QUINDICI PAESI SU DICIOTTO DELL'EUROZONA VOGLIONO IL GREXIT, NON SOLO NOI TEDESCHI''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GREXIT   GERMANIA   SCHAEUBLE   UE   EURO   EUROZONA   MERKEL   ITALIA   CIPRO   ATENE   TSIPRAS   SAPIN   FRANCIA   BANCAROTTA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IN ITALIA NON E NE SA NIENTE, MA IL GOVERNO RENZI APPOGGIA CAMERON IN DIFESA DEGLI STATI UE CHE NON VOGLIONO L'EURO.

IN ITALIA NON E NE SA NIENTE, MA IL GOVERNO RENZI APPOGGIA CAMERON IN DIFESA DEGLI STATI UE CHE NON
Continua

 
IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)

IN PORTOGALLO STA PER NASCERE UN GOVERNO ANTI UE E ANTI EURO (BRUXELLES ALLARMATISSIMA)


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!